Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Ampliamento Firewall all'orizzonte

Le due azioni fanno parte degli sforzi del G20 per riuscire in questo obiettivo di raggiunta sicurezza entro la fine di aprile. Nella precedente crisi (molto simile a questa per forma e sostanza) si vide il loro sforzo nel 2008  quando il G20 riuscì a far fronte alle perdite con uno stanziamento di 1.000 miliardi dollari che servirono a salvare l’economia mondiale.Il ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schaeuble ha detto ai leader  europei che affronteranno l’adeguatezza del firewall della regione nel mese di marzo.Ma il percorso nel mese di marzo sarà lungo e non scevro di pericoli. .Ed ecco che per  incanto oggi è stata riesaminata la questione,  anche alla luce degli sviluppi che si sono venuti a creare. La volontà di Berlino di discutere le dimensioni del firewall in Europa segna un importante cambiamento,di fronte alll’opposizione politica interna, e di fronte ad un secondo piano di salvataggio greco nel suo parlamento, ha esitato ad allargare il fondo di salvataggio europeo sostenendo tale intervento che minerebbe gli sforzi atti a imporre la disciplina fiscale sui paesi indebitati.L’ammorbidimento della  posizione di Schaeuble fa si che il pacchetto di salvataggio greco venga conseguito entro lunedi.Mettendo ora insieme  in Europa i pachetti di  salvataggio temporanei e permanenti si creerebbe un fondo da 1.000 miliardi di dollari di cassa ed  un altro  per soddisfare la richiesta del FMI per  500 – 600 miliardi  di dollari di nuove risorse, dagli  attuali 358 miliardi di dollari messi insieme. Questo farebbe sì che si arrivi ad un  totale di circa 1.950 miliardi di dollari e  questo sarebbe visto molto èpositivamente,si avrebbe una  potenza di fuoco. Comunque per ora il G20 non ha intenzione di alleggerire la pressione sull’Europa  e dare un segnale forte, ma allo stesso tempo non ha lasciato alcun dubbio che il denaro è necessario per calmare i mercati e per dare respiro ad una crescita economica che si presenta ancora difficile e lacunosa.. Ora però ci aspettiamo un  rafforzamento della capacità di prestito dell’FMI per poter risolvere  il problema della crisi del debito in Europa,visti i rischi
geopolitici che rappresentano sempre una minaccia in in grado di scombinare quelli che sono i piani internazionali per dar forza ad una ripresa economica mondiale (sopratutto negli Usa) che sta mostrando segni di vitalità.

Comments are closed.