Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

News sulle Energie Rinnovabili

La contesa non è del tutta chiusa: va trovato un punto di equilibrio con il ministro Clini (si veda l’articolo accanto) e vanno in qualche modo registrate le sollecitazioni che arrivano da una parte della maggioranza (il Pd ha annunciato un disegno di legge per riformare l’intera struttura delle bollette energetiche). Lo Sviluppo ritiene comunque indifferibile un intervento per evitare abusi. Nelle premesse delle ultime bozze circolate si sottolinea che gli incentivi corrisposti negli ultimi anni «sono stati molto generosi – sia in rapporto a quanto corrisposto in altri Paesi europei (in molti casi oltre il doppio), sia in termini di ritorno garantiti agli investitori – soprattutto per l’energia fotovoltaica». Una corsa forsennata ai sussidi che tra l’altro si è tradotta in un «aggravio di 120 euro all’anno per la famiglia media», in pratica il 23% della bolletta annua. Senza contare che l’onere per lo Stato nei prossimi 15-20 anni dovrebbe raggiungere i 150 miliardi. Da qui il giro di vite sugli incentivi che sul fotovoltaico dovrebbero prevedere un tetto di spesa annua di 500 milioni. Le cifre in realtà ancora ballano, ma di certo c’è che ci sarà un taglio rispetto agli stanziamenti previsti dal quarto conto energia in vigore da appena un anno che prevede fondi per 810 milioni fino al 2012 solo per i grandi impianti, senza alcun limite di spesa complessiva per le installazioni medio piccole. Sotto il segno della semplificazione e del contenimento della spesa c’è anche l’introduzione, dal prossimo luglio, della corresponsione basata sulla tariffa onnicomprensiva. Mentre i tecnici stanno anche lavorando all’ipotesi di un registro obbligatorio per gli impianti sopra i 3 chilowatt con tanto di graduatoria delle realizzazioni che, in ordine gerarchico, sono più meritevoli di incentivazione: guadagneranno, a esempio, più ‘punti’ gli impianti da realizzare su edifici dotati di certificazione energetica almeno di classe «D». E poi quelli che vanno a sostituire coperture in eternit o comunque contenenti amianto o che prevedono di installare impianti di potenza non superiore a 200 kW nelle aziende agricole.
La bozza di decreto sulle altre fonti rinnovabili – che ipotizza un costo cumulativo degli incentivi (escluso il fotovoltaico) di 5,5 miliardi – punta a introdurre «accanto alla riduzione degli incentivi» anche dei «meccanismi» in grado di «tenere i volumi di sviluppo sotto controllo». Da qui l’ipotesi di introdurre aste per gli impianti di potenza superiore a 5 megawatt e registri nazionali per tutti gli altri impianti, «con volumi massimi predefiniti per ciascun anno e per tecnologia e con selezione in base a criteri di priorità». In particolare vengono definiti «contingenti annuali» complessivi 
incentivabili per impianto dal 2013 al 2015 per ognuna delle energie verdi: 50 megawatt all’anno per l’eolico ‘on shore’, ai zero per quello ‘off shore’ (gli impianti installati cioè ad alcune miglia dalla costa di mari o laghi); 45 megawatt per l’idroelletrico; 23 per l’idroelettrico; 22 per biomasse e bioliquidi sostenibili e 130 per biogas, gas di depurazione e gas di discarica.
di Marzio Bartoloni e Carmine Fotina – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/tvJpW 

 

Comments are closed.