Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Paul Krugman: l'Europa si sta suicidando

 “Fino a qualche mese fa, avevo ancora qualche speranza sull’Europa. Vi ricorderete come lo scorso autunno l’Europa appariva sull’orlo di un crollo finanziario – scrive Krugman – ma la Bce, la controparte europea della Fed, è intervenuta per salvare il Continente”. Il riferimento è alla maxi iniezione di liquidità operata dall’istituto, sotto forma di cospicui prestiti alle banche.L'”interrogativo, in quel momento, è se questa azione coraggiosa ed efficacia avrebbe siglato l’inizio di un ripensamento più ampio, se i leader europei avrebbero utilizzato lo spazio concesso dalla Bce per riconsiderare le loro politiche (…) Ma non l’hanno fatto”. Krugman alza le mani e ritiene che a questo punto sarà difficile che l’Europa capisca davvero quello che dovrebbe e non dovrebbe fare.

L’esempio più indicativo degli sbagli commessi dall’Europa, e in particolar modo da Francoforte, è la Spagna. “La Spagna versa in una condizione di depressione piena, con un tasso di disoccupazione complessivo del 23,6%, pari a quello che l’America sperimentò durante gli anni della Grande Depressione, e con un tasso di disoccupazione giovanile superiore al 50%. Questa situazione non può andare avanti, e la consapevolezza del fatto che non potrà andare avanti è il fattore che sta portando i tassi sui bond spagnoli a schizzare verso l’alto”.Il punto, continua, è che la storia della Spagna non ha nulla a che vedere “con le favole sulla moralità che sono così popolari tra i funzionari europei, soprattutto in Germania. La Spagna infatti non era un paese che sperperava il proprio denaro pubblico. Alla vigilia della crisi, l’economia era caratterizzata infatti da un basso livello del debito e da un surplus di bilancio. Detto questo, “aveva anche un enorme bolla sul mercato immobiliare, bolla in parte resa possibile grazie agli enormi prestiti che le banche tedesche erogavano alle loro controparti. Quando la bolla esplose, l’economia spagnola si prosciugò. Ma è importante sottolinea che i problemi fiscali sono la conseguenza della depressione, non la sua causa.”Nonostante ciò, la medicina che arriva da Berlino e Francoforte, pensate un po’, quella di una austerity fiscale ancora più rigida”. Parlando senza mezzi termini, questa situazione è semplicemente da pazzi.Sconfortato dalla testardaggine europea e soprattutto tedesca, Krugman arriva ad d affermare che un’alternativa, a questo punto, dovrebbe essere l’uscita dall’euro, unita al ripristino delle valute nazionali. “Potreste dire che si tratta di una cosa inconcepibile, e che l’effetto sarebbe enormemente distruttivo sia economicamente che politicamente. Ma continuare su questa strada, imporre misure di austerity su paesi che stanno soffrendo già tassi di disoccupazione da Depressione, è questo che è davvero inconcepibile”.Se davvero si vuole salvare l’Europa e l’euro, allora che i leader accettino che “il continente necessita di politiche monetarie ulteriormente espansive, dunque esprimano la loro volontà con un annuncio su una Bce disposta ad accettare in qualche modo un tasso di inflazione più elevato; l’Europa ha bisogno anche di politiche fiscali più espansive”. Certo sarà dura, ma ci sarà qualche speranza di ripresa.Invece, “piuttosto che ammettere di aver sbagliato, i leader europei sembrano determinati a portare la loro economia – e la loro società- sull’orlo del baratro. E il mondo intero pagherà il prezzo”. fonte 

http://www.wallstreetitalia.com/

Comments are closed.