Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Salvini apre ai 5stelle,Pd fuori dai giochi,Borse stemperati venti di guerra ,Asia recupera

Unknown-1Salvini apre ai 5stelle,Pd fuori dai giochi,Borse stemperati venti di guerra ,Asia recupera

Lega aperta a governo con chi sottoscriverà programma,escluso Pd
 Per Salvini euro non è irreversibile. Si allarga spread Btp/Bund
Rispetteremo 3% deficit/Pil ma possibile sforamento contenuto
 Su presidenza Camere via acontatti con tutti leader di partito

Borse,Nel corso della notte si sono stemperati i timori di un imminente scontro commerciale tra Stati Uniti e Cina. La nomina del nuovo consigliere economico della Casa Bianca, potrebbe aver contribuito al cambio di trend. Il posto lasciato libero da Gary Cohn viene preso da Lawrence Kudlow, un economista che aveva sostenuto Donald Trump nel corso della campagna elettorale, ma che lo anche criticato sulle ultime scelte di politica commerciale. Kudlow, 70 anni, è un volto molto noto negli Stati Uniti, essendo uno dei commentatori più interpellati dalla televisione.

Ieri sera, il Dow Jones -1%, l’S&P500 dello 0,6%, il Nasdaq dello 0,2%.
Il terzo mese consecutivo di calo dei consumi, hanno destato qualche preoccupazione, in quanto la crescita economica è molto influenzata da questa componente. A seguito della flessione di febbraio, Goldman Sachs, JP Morgan hanno rivisto al ribasso le stime sul PIL degli Stati Uniti per il 2018. A tagliare le previsioni, è stata anche la Fed di Atlanta.

Le Borse dell’Asia, in ribasso in avvio di seduta, hanno azzertato le perdite nel corso della notte, si avviano a chiudere sulla parità o in lieve rialzo.
L’indice Nikkei di Tokyo + 0,16%, dal -0,9% dell’apertura. Lo yen si rafforza su dollaro a 105,9 da 106,6 di ieri.
Hong Kong guadagna lo 0,18%, dal -0,8% di stanotte. L’indice CSI 300 dei listini di Shanghai e Shenzen è in rialzo dello 0,3%. Seoul +0,2%, Mumbai +0,1%.

Borsa Italia,Piazza Affari è tornata ad essere influenzata dalla politica, stamattina sui giornali si parla di prove di accordo tra M5S e Centro Destra: pare che le due formazioni stiano trattando su un governo tecnico, con un unico compito, cambiare la legge elettorale. Le nuove elezioni potrebbero essere a ottobre. Ma Silvio Berlusconi sarebbe contrario.

 

SALVINI NEL DETTAGLIO

Il leader della Lega Matteo Salvini ha aperto ad un accordo che porti al governo la Lega con altre forze politiche ma ha escluso un esecutivo con il Pd, ritornando anche a mettere in dubbio il futuro dell’euro in Italia.

“Stiamo lavorando per dare un governo a questo Paese con un programma di centrodestra aperto ad arricchimenti, contributi e proposte ma non stravolgimenti. Sarebbe irrispettosocoinvolgere chi ha perso le elezioni e quindi no a qualsiasi governo che abbia al centro (Paolo) Gentiloni, (Maria Elena) Boschi, (Marco) Minniti”, ha detto il numero uno del Carroccio incontrando la stampa estera nella capitale.

“Di irreversibile nella vita c’è solo la morte, non una moneta”, ha dichiarato, ripetendo che l’euro è “una moneta sbagliata” .
Quanto ai dettami europei, Salvini ha mantenuto la sua linea, affermando che se la Lega andrà al governo rispetterà “possibilmente” i parametri imposti da Bruxelles, ma con una certa elasticità: “se sforiamo di qualche zero virgola il 3% non è un problema”.

Il segretario leghista ha ribadito per il resto di essere aperto a chiunque sottoscriverà il programma del centrodestra, negando vi sia alcuna pregiudiziale, anche sui ruoli di governo, riguardo al Movimento Cinque stelle.”Abbiamo un programma e chiunque venga al governo con noi deve impegnarsi a cancellare la legge Fornero, a ridurre le tasse al 15%, a rendere l’Italia più federale e meno burocratica”, ha affermato. “Se cisono altri suggerimenti a partire da questo presupposto siamo ben contenti di accoglierli. Sui nomi e sui ruoli non ci sono pregiudizi di partenza, mi interessa il progetto: se c’è condivisione di progetto ragioniamo”, ha aggiunto, sottolineando però di non ritenere possibile un accordo di governo tra la Lega ed altri partiti senza il coinvolgimento dell’intero centrodestra.Le parole del leader leghista – che ieri in un vertice a Palazzo Grazioli con gli alleati Silvio Berlusconi (FI) e Giorgia Meloni (FdI) ha ricevuto mandato a incontrare M5S e Pd per cercare una soluzione per le presidenze di Camera e Senato – sembrano stridere con quanto dichiarato in serata proprio da Berlusconi, favorevole invece ad un governo di minoranza del centrodestra con l’appoggio esterno del Pd su singoli provvedimenti.
“Farò tutto quello che è umanamente e democraticamente possibile per rispettare il mandato degli elettori”, ha detto Salvini ma “non sono disponibile a partecipare a un governo a ogni costo per fare il ministro per qualche mese”, ha spiegato, assicurando di “non avere la smania di fare il premier a tutti i costi”.Quanto alla presidenza delle Camere, il capo del Carroccio ha ribadito in ultimo che contatterà tutti i leader di partito e poi attenderà “le scelte del presidente della Repubblica, confidando che l’Italia abbia il prima possibile un governo in piena carica”.”Non vorremo che a Bruxelles, anzi a Berlino, abbiano già preparato le politiche economiche per i prossimi 7 anni. Vogliamo un’Italia protagonista”.

 

LEONARDO

l gruppo ha pubblicato ieri a mercati chiusi i conti relativi al quarto trimestre 2017, chiuso con risultati in deciso calo ma superiori alle attese.
I ricavi hanno segnato una flessione del 10,7% a 3.543 milioni (3.602 milioni il consensus). L’Ebita e’ diminuito del 27,3% a 363 milioni con un’incidenza sul fatturato al 10,2% (-250 punti base), battendo pero’ le previsioni del consensus pari a 352 milioni.
L’Ebit e’ calato del 25,4% a 262 milioni, con una marginalita’ al 7,4% (-150 punti base) riuscendo pero’ a superere le stime pari a 237 milioni.
Il trimestre si e’ chiuso con un crollo dell’utile netto del 99% a 2 milioni, rispetto a una perdita netta di 43 milioni attesa dagli analisti. Dal lato patrimoniale, l’indebitamento finanziario netto, rispetto al 30 settembre 2017, diminuisce di oltre 1,4 miliardi a 2,6 miliardi.

Comments are closed.