Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Soft landing Cina, sollievo alle borse in preapertura

“Gli investitori temono che l’Eurozona si spacchi”, ha sottolineato Andrew Wilkinson, economista di Miller Tabak & Co. a New York, spiegando che “l’incertezza sul futuro dell’area euro sta creando molte tensioni” e sta spingendo gli investitori a “vendere euro”. Un salvataggio completo della Spagna potrebbe mettere alla prova i Fondi di salvataggio europei, che hanno già fornito aiuti a Irlanda, Portogallo e Grecia.
Bund e Gilt sono attesi contrastati, con gli investitori che prendono una pausa dai recenti disordini dell’Eurozona per prestare attenzione ai dati macroeconomici in agenda oggi. L’indice Pmi composito dell’Eurozona, che sarà reso noto alle ore 10, dovrebbe rimanere stabile a 46,4 punti, un livello ben distante dalla soglia dei 50 punti che delinea il passaggio in territorio di espansione. “Il Pmi dell’area euro dovrebbe confermare la previsione” secondo la quale “l’economia dell’Eurozona si contrarrà più di quanto attesa quest’anno”, hanno dichiarato gli economisti di Capital Economics.
I future sul petrolio sono in rialzo in Asia, dopo il calo del 4% di ieri, con le notizie sull’indebolimento dell’economia spagnola che hanno alimentato nuovi timori sul peggioramento dei problemi sul debito europeo, pesando sulla domanda di greggio. “Le rinnovate preoccupazioni per l’area euro hanno favorito l’avversione al rischio e hanno spinto l’Iran in secondo piano per il momento”, ha osservato Ritterbusch & Associates, aggiungendo che “i nuovi minimi dell’euro stanno evocando l’immagine di un ulteriore rafforzamento del trend rialzista del dollaro, che peserà sulle commodity e soprattutto sul petrolio”.
Anche i commento di un consigliere senior della Bank of China, secondo il quale la domanda cinese dovrebbe rimanere debole, avranno un impatto negativo sul greggio. Il future sul Wti, con scadenza a settembre, sale dello 0,73% a 88,78 dollari al barile (88,04 dollari al barile il valore di chiusura), e quello sul Brent, stessa scadenza, l’1,07% a 104,36 dollari al barile (103,18 dollari al barile).
Le quotazioni del metallo prezioso sono rimaste stabili in Asia, con gli investitori prudenti, dopo i cali dell’ultima sessione. Il prezzo spot dell’oro si attesta a 1.576,90 dollari l’oncia.

 

Comments are closed.