Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

BCE,Luis de Guindos,Poste trimestrale,Borse in apertura

UnknownBCE,Luis de Guindos,Poste trimestrale,Borse in apertura

Bce,scegli De Guinos,Poste Italiane un buon risultato il trimestre,In attesa delle Elezioni Italiane ,per ora si guarda all’eventualita’ di un rialzo dei Tassi d’interesse.Wall Street oggi chiusa per festivita’.

I ministri delle Finanze della zona euro hanno nominato il ministro dell’Economia spagnolo, Luis de Guindos, vice presidente della Bce a partire da maggio prossimo al posto di VitorConstancio, una scelta che aumenta le possibilità che a succedere a Mario Draghi il prossimo anno sia un candidato tedesco.
La scelta di un candidato dell’Europa meridionale per la vice presidenza accresce le possibilità che un esponente dell’Europa settentrionale come il presidente della Bundesbank Jens Weidmann possa prendere il posto di Draghi alla guida dell’istituto centrale. Questa prospettiva potrebbe influenzare l’attuale politica monetaria ultra-accomodante dei 19 Paesi del blocco.
“L’Eurogruppo ha  deciso di dare il sostegno alla candidatura di Luis de Guindos per la posizione di vicepresidente della Bce”, dicono i ministri.Dopo la nomina odierna, De Guindos ha detto che si dimetterà da ministrodell’Economia nel giro di qualche giorno.Alcuni esponenti Ue si sono opposti alla sua nomina per il timore che la nomina di un politico possa mettere a rischio l’indipendenza della Bce. Ma De Guindos ha smentito queste critiche.
“Credo sia fondamentale che l’elezione del nuovo vice-presidente della Bce si basi sulla condivisione e non dovrebbe essere fonte di alcun disaccordo”, ha detto il ministro delle Finanze irlandese Paschal Donohoe in una nota prima della riunione.L’Irlanda ha ritirato poco prima della nomina di De Guindos il proprio candidato, il ministro delle Finanze Philip Lane.La nomina di De Guindos sarà formalmente adottata nella prossima riunione dei capi di Stato della Ue alla fine di marzo e il ministrospagnolo inizierà il nuovo incarico dal primo di giugno.

POSTE BILANCIO

Poste Italiane  ha chiuso il 2017 con un utile netto in aumento a 689 milioni di euro dai 662 di un anno prima, e con un dividendo proposto di 0,42 euro, superiore di quasi l’8% a quello del 2016.
Lo indicano i risultati preliminari approvati dal cda e presentati .Per l’AD Matteo Del Fante, alla guida di Poste da circa un anno, i risultati confermano per il gruppo “un trend di crescita in termini di ricavi, risultato operativo e utilenetto. Il 2017 ha inoltre registrato un consistente aumento della raccolta BancoPosta e del risultato operativo di PosteVita”.Il nuovo piano industriale sarà presentato a Milano il 27 febbraio.I ricavi sono saliti dell’1% a 33,441 miliardi, il risultato operativo è cresciuto del 7,8% a 1,123 miliardi. L’80% dell’utile netto (circa 550 mln) andrà per il dividendo distribuito (29,3% circa al Tesoro e il 35% a Cdp).Il buon andamento dei numeri è stato assicurato dai servizi assicurativi e del risparmio gestito, con i premi netti del Gruppo Poste Vita in aumento del 2% a 20,4 miliardi.Tra i servizi finanziari, la raccolta diretta cumulata Bancoposta è giunta a 56 miliardi (+12%), i ricavi totali hanno registrato unaleggera flessione (-0,5%) e il risultato operativo è calato del 5%.
La crescita nel settore parcel è stata “incoraggiante”, come ha detto Del Fante, con Poste che gestisce circa un terzo dei pacchi legati all’e-commerce in Italia. Mentre i ricavidel servizio di corrispondenza hanno continuato a calare con la diminuzione della posta classica, quelli dei pacchi sono cresciuti di 43 milioni di euro.Nel quarto trimestre del 2017 ha pesato la serie di scioperi che hanno bloccato numerosesedi della società controllata Sda, con un danno stimato dal Cfo Roberto Giacchi in 50 milioni, e ricavi praticamente piatti.Infine, sono calati i costi complessivi di Poste, di quasi il 3%, da 9,298 miliardi a 9,030 miliardi.

BORSE 

ASIA

Le prese di profitto penalizzano Tokyo che chiude la seduta in calo dell’1% dopo il +2% messo a segno ieri.L’indice Nikkei ha perso l’1,01% a 21.925,10 punti mentre il Topix ha lasciato sul campo lo 0,72% a 1.762,45 punti.Male le banche e le compagnie di assicurazione  che perdono l’1%.Ad abbattere l’umore nel mercato, secondo gli analisti, sono anche le quotazioni in calo dell’E-Mini futures sull’S&P500  (-0,4% negli scambi asiatici).
L’indice Hang Seng è prima sceso, arrivando a segnare un calo dell’1,3%, poi ha annullato le perdite e si è spinto all’insù fino a segnare un rialzo dello 0,5%, ora è sulla parità.
Resta chiusa la Borsa di Shanghai.
L’indice Kospi di Seoul -‘1,1% l’indice BSE Sensex di Mumbai + 0,2%.

Con Wall Street chiusa ieri per festività, in assenza di dati macroeconomici di prima importanza nel corso della giornata, l’attenzione degli investitori è tutta indirizzata ai bond, soprattutto alle colossali aste di governativi a breve scadenza in programma oggi. Il Tesoro degli Stati Uniti prova a collare 52 miliardi di dollari di obbligazioni a tre mesi e 45 miliardi di dollari di obbligazioni a sei mesi. Si prosegue nei giorni successivi con altre aste di grandi dimensioni, su scadenze più lunghe. Complessivamente, queste settimana, dagli Stati uniti arriva carta per 258 miliardi di dollari. Uno dei strategist per i bond di Blackrock ha detto stanotte in un’intervista a Bloomberg che la domanda non dovrebbe mancare, ma è probabile che gli investitori saranno molto attenti ai prezzi: si prevede che tutte le nuove obbligazioni siano collocate a rendimenti mai visti da circa 5 anni.

TASSI

Il tema dominante restano i Tassi d’interesse.Si indeboliscono buona parte delle obbligazioni governative europee, con l’eccezione del bond della Grecia: -3 punti base di rendimento a 4,16% il decennale: Fitch ha alzato il rating del Paese.
Per JP Morgan la risalita dei tassi di interesse è ancora parecchio distante dai livelli di allerta, quelli che fanno male al ciclo economico. Lo ha affermato oggi in un’intervista a Bloomberg, la strategist globale Nandini Ramakreshnan. Il giudizio è di JP Morgan. I due strategist che fimano la nota affermano che le incertezze sull’esito delle elezioni del 4 marzo sono nei prezzi. La banca d’affari dà un terzo di probabilità ad un governo di centro destra, un terzo di probabilità al centro sinistra, un quarto di probabilità per un governo di minoranza e il 9% di probabilità di una maggioranza formata da partiti anti sistema. JP Morgan ritiene che l’elezioni dei presidente della Camera e del Senato sarà la prima indicazione importante sugli equilibri post elezione.
Nel caso si dovesse formare una grande coalizione tra forze centriste, lo spread potrebbe scendere sotto quota 100 punti base, dovrebbe oscillare intorno al 140 punti base se dovesse insediarsi un governo di centro destra. Un Parlamento dominato dalle forze anti sistema porterebbe lo spread a 300 punti base. In caso di nuove elezioni, JP Morgan vede uno spread a 200 punti base.

BAMI

Banco Bpm mette a segno un importante risultato sul fronte del rafforzamento patrimoniale. La Bce ha autorizzato l’adozione dei modelli interni avanzati di rating (Airb) con un provvedimento atteso da mesi che avrà un effetto positivo sul capitale della banca. L’accordo di Basilea consente infatti alle banche di mettere a punto un sistema interno di parametri per determinare il rischio di.Default.

TELECOM

Telecom Italia  ha ricevuto una sola offerta per la piattaforma televisiva Persidera, l’ha presentata Rai Way, insieme a F2I. Pare che i venditori siano rimasti delusi in quanto si aspettavano di riuscire a vendere queste attività ad un prezzo molto più alto. Il Sole24Ore riferisce che l’offerta dovrebbe essere rifiutata. Persidera è controllata da Telecom Italia con il 70%, il resto è di Ged

Comments are closed.