Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Facebook affossa Wally,Telecom regge molto bene

facebookFacebook affossa Wally,Telecom regge molto bene

Facebook cade in ribasso  del 6,7% a Wall Street e zavorra l’indice Nasdaq.Le azioni Facebook registrano il giorno peggiore degli ultimi 16 mesi, sulla notizia che una società di consulenza che ha lavorato per il presidente, Donald Trump, ha avuto un accesso improprio ai dati di 50 milioni di utenti.

Anche Su Apple pesa l’analisi di Nomura Instinet che ha abbassato le stime sulla domanda di iPhone.Dall’incontro di politica monetaria della Federal Reserve, in agenda oggi  e domani, gli investitori attendono un aumento dei tassi e guardano a possibili indicazioni su nuovi aumenti. Il bilancio della prima seduta della settimana vede il Nasdaq -dell’1,8%, il Dow Jones -l’1,3% e lo S&P500 l’1,4%, mentre il Russell 2000 scende di un punto percentuale.
La brutta seduta spinge in alto la volatilita’ con il VIX che sale del 20% a 19 punti dopo essere risalito fino a 21,90.Nel mercato serale Oracle, il colosso multinazionale del software, scende del 2,5% dopo la pubblicazione di risultati in linea con le attese.
Il mercato attende con nervosismo anche la riunione della Fed che inizia oggi e che domani sera comunichera’ non solo il gia’ previsto aumento dei tassi, ma le proprie intenzioni per i prossimi mesi.
Nessuna variazione sul mercato obbligazionario con il rendimento del decennale governativo che resta invariato al 2,84%, mentre il petrolio perde mezzo punto percentuale e chiude a 62,05 dollari al barile.

Cambridge Analytica è accusata di aver utilizzato illegalmente o in violazione delle policy di Facebook i dati di circa 50 milioni di utenti. La web agency inglese (appartenente al gruppo SCL e di proprietà del miliardario Robert Mercer) ha collaborato a due recenti e delicate campagne elettorali: quella a favore della Brexit e quella a sostegno di Donald Trump.Nel 2014, ai vertici della società c’era Steve Bannon, tra gli ideologi che hanno portato Trump alla Casa Bianca.
Ora Facebook, a quanto riportano i media statunitensi, sta svolgendo delle indagini interne per stabilire se qualcuno dei suoi dipendenti fosse al corrente della “falla” a favore di Cambridge Analytica.

BORSE ASIA

Le borse della zona Asia-Pacifico sono per lo più in calo, spinte dal crollo di Wall street dopo l’affaire Facebook e con gli investitori che temono nuovi sviluppi della guerra commerciale avviata dal presidente americano Donald Trump.

SYDNEY ha chiuso in rosso in attesa della primariunione della Fed ma soprattutto per la preoccupazione di nuovi dazi americani. I titoli delle società che fanno affari con le materie prime hanno perso l’1,6%. I colossi del settore come BHP Billiton e Rio Tinto hanno chiuso rispettivamente in calo dell’1,9% e dell’1,8%.
Borse cinesi in attesa delle decisioni americane sui dazi ma che dopo l’avvio in deciso ribasso hanno limato le perdite. Secondo alcune fonti il governo Usa potrebbe annunciare venerdì tasseall’importazione per 60 miliardi di prodotti tecnologici delle comunicazioni cinesi. SHANGHAI è in crescita dopo aver aperto in ribasso. HONG KONG è risalita in corso di seduta dopo aver superato una perdita dello 1,25%.Prada invariata.SEOUL chiude in rialzo ma non recupera il calo di ieri.
TAIWAN ha chiuso poco sotto la parità, MUMBAI e SINGAPORE in corso di seduta sono in recupero dopo quattro chiusure consecutivenegative.

BORSA ITALIANA 

Nonostante il ripiegamento di ieri ,dovuto tra l’altro alla debolezza di Wally,bisogna sottolineare l’ottimo comportamento del Titolo Telecom ,e soprattutto delle Risparmio (nostro progetto 2018 N.D.R.).Altro titolo e tema interessante ,risulta essere la tanto amata Unicredit;che graficamente dopo la rottura a rialzo dei 16,9 eu ,sembra voler ascendere a livelli importanti ,con autorevoli supporti di analisti e Broker .

BROKER SU MERCATI

Andrea Delitala, Head of Investment Advisory e Marco Piersimoni, Senior Portfolio Manager di Pictet Asset Management, spiegano che dopo la recente correzione, le valutazioni dell’azionario si trovano su “valori piu’ accettabili”. Gli esperti pensano che i ritracciamenti del mercato siano da leggere come occasioni di acquisto e non come la fine del trend rialzista. Gli operatori evidenziano poi che da inizio anno “l’azionario europeo ha accumulato un differenziale di performance significativo” rispetto a quello americano (+4% S&P500 contro -2% Eurostoxx50).

PITECO

Piteco ha acquistato, nel periodo compreso tra il 12 e il 18 marzo 2018, complessive 11.000 azioni proprie, pari allo pari allo 0,0607% del capitale sociale, per un controvalore complessivo di 53.970 euro.
L’operazione e’ avvenuta nell’ambito del programma di acquisto azioni proprie approvato dall’assemblea degli azionisti del 21 novembre 2017. Alla data odierna Piteco detiene direttamente 59.000 azioni proprie, pari al 0,3254% del capitale sociale.
Il piano di buy-back e’ finalizzato a sostenere la liquidita’ del titolo e costituire un magazzino titoli per eventuali piani di stock option, operazioni straordinarie o altri impieghi finanziari strategici. Le operazioni di acquisto non sono strumentali alla riduzione del capitale sociale mediante annullamento delle azioni proprie acquistate.

Comments are closed.