Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Borse Usa scende la volatilita’ ,Borse Asiatiche in rialzo,Mps

MPSBorse Usa scende la volatilita’ ,Borse Asiatiche in rialzo,Mps

Wally un colpo di coda e torna sopra 2650 SP500 ;ma francamente le paure non sono ancora sopite e la volatilita’ ,nonostante la pausa di ieri ,è tutt’ora la Regina dei mercati.Wall Street, è scesa la volatilità e sono salite le azioni. Indice Dow Jones +1,7%, S&P500 +1,4%, Nasdaq +1,6%. Il Vix – 12% a 25,5 punti.

L’evento chiave della settimana sarà il dato sull’inflazione Usa in pubblicazione mercoledì, che aiuterà gli investitori a capire se i timori di un’accelerazione al rialzo dei prezzi che hanno fatto decollare i rendimenti sull’obbligazionario siano eccessivi o giusitificati.Anche il mercato delle obbligazioni si sta placando. Il rendimento del governativo di riferimento con scadenza a 10 anni è a 2,84%, all’incirca sugli stessi livelli di ieri, anche se nel corso della giornata si era spinto sui massimi degli ultimi quattro anni a 2,90%. Il titolo a due anni è a 2,07%.

Trump ha presentato una proposta di budget da 4.400 miliardi di dollari per l’anno fiscale 2019 che prevede una maggiore spesa federale per il settore militare, per le infrastrutture, per la sicurezza dei confini.Ieri la Casa Bianca ha presentato il piano per la realizzazione di ponti, strade, ferrovie ed aeroporti, una serie di opere da finanziare con 200 miliardi di dollari di fondi federali. Le risorse, allo stato attuale non ci sono, infatti dovrebbero essere reperite con una massiccia emissione di bond. L’arrivo di carta sul mercato, aveva contribuito nei giorni scorsi ad indebolire il governativo degli Stati Uniti. Va detto che il piano, prima di partire, deve diventare legge al Congresso, ovvero, deve passare dal Senato, dove i repubblicani non hanno, sulla carta, i voti necessari ad approvarlo.

Il dollaro si è indebolito su euro, il cross, stamattina è a 1,230.

BORSE ASIATICHE ED ITALIA

Le Borse della Cina sono in rialzo stamattina, anche se i volumi sono in discesca, in vista della lunga pausa del Capodanno lunare. L’indice CSI 300 dei listini di Shanghai e Shenzen guadagna il 2,2%. Hong Kong +2%.
E’ molto più modesto il rialzo del mercato azionario del Giappone, zavorrato dal rafforzamento dello yen su dollaro: indice Nikkei +0,2%, da +1,3% di avvio seduta.

MPS

Per Mediobanca Securities (neutral, Tp 4,8 euro) i conti mostrano che “non esiste una scorciatoia per ripristinare la redditivita’ di Mps e che e’ necessario del tempo per raccogliere i frutti della ristrutturazione in corso”. Questa non e’ comunque una sorpresa per MB poiche’ “la generazione di capitale organico sembra improbabile fino al 2020. Comunque, da quest’anno in poi, i benefici derivanti dai minori costi della raccolta e dal taglio dei costi dovrebbero diventare sempre piu’ visibili e le prospettive di un miglioramento dell’economia italiana dovrebbero tradursi in tassi di default piu’ bassi”. In generale gli analisti restano tranquilli e spiegano che “il ratio Cet1 fully loaded al 14,2% e’ abbastanza robusto per resistere al processo di riduzione del rischio e all’inasprimento della regolamentazione”.

BNS

Dopo la comunicazione di questa mattina, sono stati resi noti i termini finali del collocamento del bond di Beni Stabili.Il titolo di tipo senior unsecured con scadenza a 10 anni, di importo pari a 300 milioni, cedola 2,375%, e’ stato collocato ad un prezzo reoffer di 99,063.
Il gruppo romano ha raccolto ordini complessivi superiori ai 475 milioni.
Beni Stabili, societa’ di investimento immobiliare quotata, ha un rating BBB secondo S&P.

TELECOM

eri l’amministratore delegato di Telecom Italia, Amos Genish, durante un incontro con i sindacati di categoria (Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil) ha affermato che in seguito alla separazione della rete il perimetro dell’azienda non subira’ alcuna modifica: non e’ prevista per la nuova entita’ ne’ una fusione con Open Fiber, ne’ un Ipo.
E’ quanto emerge da fonti di stampa.

ENI

Stamattina Morgan Stanley ha ribadito la raccomandazione Underweight, limando il target price a 14,20 euro da 14,60 euro.Il gruppo Eni annuncia i risultati del quarto trimestre il prossimo 16 febbraio.

Comments are closed.