Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

CONFERENCE DI DRAGHI ,DOLLARO GIU E BORSE RALLENTANO,POI GRANDE RIMBALZO

draghi

 CONFERENCE DI DRAGHI  ,DOLLARO GIU E BORSE RALLENTANO,POI GRANDE RIMBALZO
CHIUSURA 19502 +2,2%

ORE 14,3 BORSE MOLTO POSITIVE, ARRIVA LA CONFERENCE DI DRAGHI E CLASSICO” SELL ON NEWS”,FIN QUI TUTTO NELLA NORMA ,LA COSA CHE CI HA COLPITO IL RAFFORZAMENTO DELL’EUR/USD,ONESTAMENTE CI HA COLTO DI SORPRESA.IL CROSS DA 1,348 POST NEWS SU TASSI FERMI E SCHIZZATO A 1,362 DURANTE LA CONFERENCE.LE BANCHE CHE VELEGGIAVANO HANNO IMMEDIATAMENTE CAMBIATO MARCIA.POI APERTURA USA IN DENARO E FORTE RIMBALZO. TANTA VOLATILITA’BORSE PER CUORI FORTI.

SQUINZI
Il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi continua ad incalzare l’esecutivo Letta affermando oggi che in mancanza di risposte entro il 19 febbraio sul fronte delle riforme economiche l’associazione degli industriali si appellerà al capo dello Stato.

Se il premier, che è atteso in Viale dell’Astronomia il 19 febbraio per partecipare al direttivo dell’associazione, si presenterà senza proposte convincenti, “non ci resterebbe altro che appellarci a [Giorgio] Napolitano”, ha detto Squinzi parlando a Mix24, la radio del Sole 24ore, aggiungendo che il presidente della Repubblica “nella sua grande saggezza prenderà le decisioni giuste”.

Nei giorni scorsi il numero uno di Confindustria aveva criticato nettamente l’apatia del governo sul fronte delle riforme economiche dinnanzi al “grido di allarme degli imprenditori”. Dal canto suo Letta l’aveva invitato ad evitare il “disfattismo” richiamando piuttosto gli imprenditori a sostenere gli sforzi per la crescita del Paese.

“Più che un disfattista credo di essere realista”, ha commentato oggi alla radio Squinzi.
CREDIT SUISSE

La banca svizzera ha comunicato stamattina di aver chiuso il 2013 con un utile netto di 3,07 miliardi di franchi svizzeri, in forte aumento rispetto a 1,35 miliardi dell’esercizio precedente. L’utile per azione è stato di 1,65 franchi.
Nel solo quarto trimestre l’utile netto è cresciuto da 263 milioni a 267 milioni di franchi, molto sotto le aspettative a causa di un inaspettato accantonamento di 514 milioni di franchi posto in essere per far fronte a spese legali negli Stati Uniti.
BCE
Tassi invariati da parte della Bce al termine dell’odierno consiglio mensile di politica monetaria, in linea con le attese di analisti e mercati finanziari.

Il costo del denaro nei diciotto Paesi della zona euro resta al minimo storico dello 0,25%, raggiunto a seguito del taglio operato lo scorso novembre.

Confermati a 0,75% il tasso sui prestiti marginali e a zero quello sui depositi overnight in Bce, con un ‘corridoio’ che resta di tre quarti di punto percentuale.
CONFERENZA DRAGHI
ario Draghi ha affrontato il tema caldo del momento, cioè l’andamento al ralenti dei prezzi con lo spettro della deflazione che aleggia sul Vecchio Continente: per l’Eurotower la zona della moneta unica si trova di fronte a un periodo prolungato di bassa inflazione, destinata tuttavia a risalire: “Le aspettative sulle inflazione nel medio termine rimangono ancorate all’obiettivo di un tasso inferiore ma vicino al 2%”. Il governatore si è chiesto retoricamente: “C’è deflazione in Europa? La risposta è no”.

Promettendo come fatto recentemente “tassi ai livelli attuali o inferiori ancora a lungo”, Draghi ha detto che la moderata ripresa dell’Eurozona sta procedendo secondo le aspettative ed è prevista una ripresa dell’attività economica “a un ritmo lento”. “Dovrebbe materializzarsi anche un miglioramento della domanda interna”,
ha aggiunto il governatore. Quanto a un altro argomento sensibile – cioè il caos intorno ai Paesi emergenti che ha abbattuto i listini in questo primo scorcio di 2014 – la Bce “monitora attentamente” gli sviluppi sui mercati monetari ed è pronta ad “azioni decisive” se necessarie. “Dobbiamo capire – ha aggiunto – se la volatilità dei mercati emergenti è duratura”.

Rispondendo alle domande dei cronisti, il governatore ha precisato che “c’è stata un’ampia discussione su tutti gli strumenti disponibili per la Bce” e verranno eventualmente messi in atto.

CURIOSITA’
presto coca cola in capsule: la coca cola ha acquistato il 10% di green mountain coffee roasters, il produttore del caffè in capsule, per 1,25 miliardi di dollari e ha siglato un accordo di partnership di 10 anni con la società, che è pronta a lanciare un sistema per produrre bibite gassate in casa. presto coca cola, diet coke, sprite e fanta potrebbero essere in capsule (repubblica.it)

GRATTACIELI
grattacieli new york pericolosi per la salute?: secondo uno studio parte della campagna organizzata dall’urban green council e pubblicato dal wall street journal, molti dei grattacieli in vetro di new york sarebbero pericolosi per la salute. tra i rischi più grandi ci sarebbe quello del surriscaldamento in caso di un black out prolungato durante i mesi estivi. in questo caso la temperatura interna salirebbe al di sopra dei 40 gradi. in inverno, invece, la temperatura potrebbe subire un vero e proprio tracollo (wall street journal)
BORSA USA
Il Dipartimento del Lavoro ha comunicato che in base alle sue stime preliminari la produttività (Productivity) è aumentata negli USA nel quarto trimestre del 2013 del 3,2%. Gli economisti avevano previsto un aumento del 2,4%.

Il dato del terzo trimestre è stato rivisto al rialzo, da +3% a +3,6%.
Rassegna titoli

INTESA
ALTRO UPGRADE ,MA STAVOLTA CON RATING NEUTRAL
Gli analisti di Kepler Cheuvreux hanno alzato il prezzo obiettivo a 2,1 euro dagli 1,65 precedenti, confermando il giudizio Hold.

Gli analisti francesi si aspettano buone novità dal prossimo piano industriale del gruppo che verrà annunciato il prossimo 28 marzo dove il focus rimarrà concentrato sulla crescita del fatturato e la normalizzazione del business

UNICREDIT

LA NOSTRA BIG CUP 2014
Prosegue il piano di ristrutturazione di crediti per le maggiori banche italiane, operazione che porterà a un miglioramento della solidità patrimoniale messa sotto ai raggi x dai test della Bce, Asset quality review e stress test.

Secondo La Repubblica, sia Intesa SanPaolo che Unicredit avrebbero allo studio l’ipotesi di costituire una società veicolo ad hoc dove le due banche possano apportare i crediti in ristrutturazione. Alla joint venture parteciperebbero il fondo private Usa Kkr, che investirebbe fondi freschi di nuova finanza, e la società Usa specializzata nei riassetti Alvarez & Marsal. Il quotidiano cita fonti vicine al progetto che confermano “discussioni preliminari tra le parti” in corso per verificarne la fattibilità.

Settimana scorsa, Unicredit Credit Management Bank ha ceduto crediti in sofferenza pro soluto per circa 700 milioni di euro a un fondo gestito da Europea Anacap Financial Partners.

L’operazione è stata perfezionata lo scorso dicembre e gli effetti saranno sul bilancio 2013.

FIAT
PRME TEGOLE
Le vendite di auto in Brasile <BRASLM=ECI> sono calate dell’11,7% e la produzione <BRAOPM=ECI> è salita del 2,9% a gennaio rispetto a dicembre, dice l’associazione nazionale dei produttori Anfavea.

Fiat (F.MI) rimane il primo produttore in termini di vendite, con 63.049 immatricolazioni. Volkswagen (VOW3.EQ), con 56.133 auto, è seconda davanti a GM (GM.N), che ha venduto 53.892 auto e veicoli commerciali leggeri. Il mese scorso la produzione di auto e mezzi pesanti è stata pari a 237.500 unità, le vendite a 312.600.

A dicembre la produzione è scesa del 18,6%, le vendite sono aumentate del 16,8%.

MPS

VERSO LA TREND LINE POSTA A 0,184 ED A SEGUIRE SE AVRA’ FORZA CHIUDERE GAP POSTO A 0,194
ANSALDO

AVEVAMO SOTTOLINEATO STAMANE CHE IL TITOLO ERA IN ACCUMULO,E LA ROTTURA DEI 8,2 EU HA PORTATO ALTRO BUON RIALZO,COMPRARE SE TORNA SU QUEL LIVELLO DI PARTENZA

ENI
CHIUSO ,COME SI DICE NEL GERGO ,IL VASCONE A 6 MESI POSTO A 16,2 EU OGGI UNA TIEPIDA REAZIONE,MA E’ ANCORA PRESTO PER GIUDICARE SE SI POSSA O MENO RIMBALZARE CORPOSAMENTE, IN VISTA DEL PRECONSUNTIVO DI BILANCIO IN AGENDA IL 12 FEBBRAIO

 

Comments are closed.