Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

ENEL SOSTIENE IL LISTINO

enel2

ENEL SOSTIENE IL LISTINO

Chiusura 19958 punti

QUALCHE SEGNALE DI CEDIMENTO SUL NOSTRO MERCATO,SOSTENUTO DALL’OTTIMA PERFORMANCE DEL TITOLO ENEL,ANCHE SE ENI ED INTESA NON HANNO DEMERITATO.IL PROBLEMA E’ SEMPRE LO STESSO , FINCHE’ NON CI SARA’ UNA PRIMA PULIZIA DL MERCATO ,VIVREMO FASI ALTALENANTI,QUINDI DOBBIAMO ESSERE CONSAPEVOLI DI QUESTO E DISTRICARCI AL MEGLIO,POI SE IL TANTO AGOGNATO PULL BACK ARRIVERA’ CARICHEREMO IN MODO SERIO SUL NOSTRO INDICE.
LEGGE ELETTORALE
A differenza di quanto atteso, non è ancora stato depositato presso la commissione Affari costituzionali della Camera il testo del disegno di legge per la riforma della legge elettorale derivato dall’accordo del segretario del Pd Matteo Renzi con altri partiti a iniziare da Forza Italia di Silvio Berlusconi.

Lo ha riferito ai giornalisti un esponente della commissione mentre i lavori sono in corso.

Il testo dovrebbe essere depositato dal presidente stesso della commissione, Francesco Paolo Sisto (di Forza Italia), probabilmente questa sera, dopo la seduta dell’aula.

Secondo fonti politiche sono ancora in corso trattative “tecniche” fra i vari partiti su dettagli della riforma, in particolare sulle soglie di sbarramento per le formazioni minori.

 

RIVALUTAZIONE QUOTE BANKITALIA
La rivalutazione delle quote detenute dalle banche in Bankitalia non è stato un regalo agli istituti di credito e riguarda peraltro soltanto un gruppo di banche e l’intero sistema.

Lo ha detto il presidente dell’Abi Antonio Patuelli aggiungendo che il Governo dovrebbe elaborare una politica di sostegno alle banche, sulla scorta di quanto avviene negli altri paesi europei, soprattutto in vista di un 2014 alquanto complesso.

“Era un dovere, non è un regalo e inoltre non arriva un euro nelle casse delle banche. Le banche italiane sono 800 mentre quelle che detengono le quote di Bankitalia sono soltanto 50″, ha spiegato Patuelli.

Di fronte a un 2014 che si presenta “complessissimo” in cui gli altri paesi europei hanno una forte attenzione nel sostenere gli istituti di credito, “noi abbiamo ancora la memoria dell’addizionale dell’8,5% sugli utili – quei pochi che saranno fatti nel 2013 – proprio nell’anno degli stress test e dell’asset quality review che non porta un contributo a rafforzare patrimonialmente le banche”, ha detto Patuelli.
RIFORMA IOR
continua il processo di riforma dello ior: l’istituto per le opere religiose continua la sua opera di riforma. fino al momento è stato controllato il 55% dei clienti e il presidente ernst von freyberg ha ordinato di eseguire diverse indagini speciali su determinati conti e transazioni. per quanto riguarda la prevenzione del riciclaggio del denaro, lo ior ha implementato un’applicazione basata sui dati dei clienti “know you customer” e un sistema automatizzato di rating interno dei clienti, entrambi in fase di messa a punto

oro
Morgan Stanley ha tagliato le sue previsioni sul prezzo dell’oro per il 2014 dell’11,6% a $1.160 l’oncia e per il 2015 del 12,5% a $1.138 l’oncia.

La banca d’affari spiega in una nota che le quotazioni del metallo giallo resteranno sotto pressione finchè gli asset più rischiosi in generale e le azioni statunitensi in particolare continueranno a registrare una forte performance. Ciò ridurrà infatti la necessità dei gestori di avere asset difensivi in portafoglio.

Morgan Stanley indica di attendersi un’ulteriore moderata debolezza del prezzo dell’oro nei due anni seguenti a causa del rafforzamento dell’economia globale e del crescente rischio di un aumento dei tassi d’interesse.

Tagliate anche le previsioni sull’argento

Morgan Stanley ha tagliato anche le sue previsioni sul prezzo dell’argento, per il 2014 del 10% a $19 l’oncia e per il 2015 del 13% a $18,86 l’oncia.

Tra i metalli preziosi gli analisti continuano a puntare sul palladio perchè l’offerta dovrebbe rimanere inferiore alla domanda.

RASSEGNA TITOLI

FIAT

Fiat (F.MI) ha chiuso l’accordo con VEBA per il 41,5% di Chrysler in linea con quanto annunciato lo scorso 1 gennaio.
ADESSO IL TITOLO HA ALTRO SPESSORE ,NEWS Banca IMI ha confermato il Buy, alzando il target price a 8,8 euro da 7,2 euro precedente.
INTESA
OTTIMA NEWS

Barclays alza a EQUAL WEIGHT da UNDERWEIGHT, target a 2,1 euro da 1,3
Morgan Stanley, in una rivisitazione del settore bancario italiano, ha alzato la raccomandazione a Overweight da Equal Weight. Target price a 2,4 euro da 2,1.

MPS
LE PAROLE DI PATUELLI IN MERITO
Il presidente dell’Abi Antonio Patuelli ha aspettative positive riguardo all’operazione di rafforzamento patrimoniale di Monte dei Paschi (BMPS.MI).

“Confido e sono convinto che l’operazione di rafforzamento del capitale di Montepaschi avrà segnali positivi, quindi io ragiono in positivo e ho delle aspettative positive, non prevedo un terremoto”, ha detto Patuelli a margine dell’esecutivo dell’Abi.

Il presidente dell’associazione bancaria ha poi espresso l’auspicio che le banche che nel 2013 hanno evidenziato dei problemi possano registrare “forti miglioramenti” con un’accelerazione nei primi mesi di quest’anno.

“Non è solo un auspicio, ma una convinzione di fondo e quindi auguro il miglior successo alle operazioni di ristrutturazione e rilancio, innanzitutto a quella del Montepaschi”, ha concluso.

UNICREDIT

Morgan Stanley rivede al rialzo le valutazioni sulle banche italiane, nel report, porta il target price di Unicredit a 7,6 euro dal precedente 7 euro, il giudizio resta Overweight.
Anche Barclays interviene sul titolo portando il target a 6 euro da 4,50 euro, giudizio confermato a Equalweight.

Ieri sera l’amministratore delegato Federico Ghizzoni, in un incontro con alcuni giornalisti, ha fatto il punto sull’andamento del business bancario.
Per quanto riguarda la qualità del credito questa è la sua affermazione: “I crediti problematici sono in fase di rallentamento da mesi e per la metà dell’anno prevediamo che il flusso si stabilizzi”. L’ indicazione contrasta con i dati di dicembre diffusi ieri dall’associazione delle banche italiane.
Ghizzoni ha confermato che il target del 2014 per quanto riguarda gli impieghi è un risultato superiore al 2013.

TELECOM

AVEVAMO DETTO CHE IL TITOLO AVEVA BISOGNO DI UN BUON PULL BACK E PRESE DI PROFITTO,OGGI il broker Espirito Santo ha deciso di tagliare la raccomandazione a Hold da Buy. Non è noto il nuovo target price, quello precedente era fissato a 0,85 euro.
ENI

SOPRA 17,17 EU IL TITOLO HA EFFETTUATO UN DOPPIO APPOGGIO PER CREARE UNA POSIZIONE RIALZISTA,E A CONFERMA DI CIO LA ROTTURA DEI 17,42 MEDIA MOBILE A 120 GG

FINMECCANICA
Gli esperti di Mediobanca Securities giudicano positivamente per Finmeccanica l’eventuale cessione di Ansaldo Sts, ma ancora non vedono una soluzione per il principale peso sui conti dell’azienda, ossia Ansaldo Breda. Senza legarla ad Ansaldo Sts, precisano gli analisti, sara’ difficile trovare un compratore. Rating underperform e target price di 3,8 euro per azione confermati. Finmeccanica

 

ANSALDO
LA NOSTRA CHICCA STA DANDO I FRUTTI SPERATI

Equita ha confermato la raccomandazione Buy portando il target price a 9,4 euro da 8,4 euro.

Il gruppo Finmeccanica intende proseguire nel progetto di deconsolidamento di Ansaldo Sts (STS.MI) e Ansaldo Breda, le due società del settore trasporti, così come ha già fatto per il settore energia. Lo ha detto stamattina l’amministratore delegato Alessandro Pansa nel corso di una audizione in commissione Attività produttive della Camera.

Mediobanca Securities ha confermato su Ansaldo Sts il rating outperform e il prezzo obiettivo a 9,7 euro.

ENEL

OGGI PREMIATA DAI MAGGIORI BROKER
Barclays ha promosso il titolo a Overweight da Equal Weight, alzando il target price a 4 euro da 3,1 euro. Gli analisti inglesi si aspettano notizie positive dal nuovo piano industriale che verrà presentato a marzo.

HSBC ha invece confermato la raccomandazione Overweight, ritoccando il target price a 4 euro da 3,9 euro.

 

 

Comments are closed.