Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Ftsemib alla prova del muro 19500

 

borsa italia

Ftsemib alla prova del muro 19500

OBIETTIVO DI PRIMO STEP RAGGIUNTO E CONTINUO A SOSTENERE CHE SALUTARE SAREBBE UN PULL BACK PER AFFRONTARE MEGLIO IL TARGET POSTO A 21000 PUNTI SENZA TROPPI PATEMI D’ANIMO;QUINDI SU ALTRA SPINTA RIALZISTA CONSIDERARE UN PRIMO ALLEGGERIMENTO PER EVENTUALE PULL BACK

TOKIO CON OTTIMA CHIUSURA   QUASI +2% AIUTERA’ L’ALLUNGO ,MA POI CONSIDERIAMO UN PRIMO ALLEGGERIMENTO SOPRATTUTTO SU TITOLI IN FORTE IPERCOMPRATO,EFFETTUARE ROTAZIONE SETTORIALE
TASI
L’aliquota massima della Tasi, la nuova tassa sui servizi indivisibili, salirà nel 2014 al 3 dall’attuale 2,5 per mille previsto nella legge di Stabilità.

Lo riferisce una fonte governativa mentre il governo sta facendo il punto con la maggioranza in una serie di colloqui informali.

Il sottosegretario al Tesoro in quota Pd, Pierpaolo Baretta, dice solo che l’esecutivo dovrebbe “presentare la proposta di modifica questa sera”. Il veicolo legislativo è il decreto legge che ha cancellato quasi totalmente la seconda rata Imu del 2013, da domani in aula al Senato.

La Tasi è una delle componenti in cui si articola la Iuc, l’Imposta unica comunale. Oltre all’Imu, che è dovuta da tutti i possessori di immobili escluse le abitazioni principali non di lusso, la Iuc comprende anche la Tari, la nuova tassa sui rifiuti urbani.

La Iuc, nella versione prevista dalla legge di Stabilità, avrebbe dovuto assicurare 22 miliardi di gettito l’anno. (news)
L’emendamento che il governo sta per depositare alzerà le entrate complessive a un livello analogo ai circa 24 miliardi riscossi con l’Imu nel 2012.

LETTA
Per concentrarsi su “Impegno 2014″, il nome coniato da Palazzo Chigi per il futuro programma di governo, Letta ha rinunciato al vertice italo-turco con il premier Recep Tayyip Erdogan, previsto per il 17 gennaio, rinviato a data da destinarsi.

La nuova agenda di governo è stata annunciata dallo stesso presidente del Consiglio nel corso del dibattito sulla fiducia lo scorso mese di dicembre.

La rinuncia del vicepremier Angelino Alfano e della pattuglia di ministri del centrodestra di seguire Silvio Berlusconi all’opposizione con Forza Italia, ma soprattutto l’ascesa al vertice del Pd di Matteo Renzi impongono, a detta di tutti i protagonisti, la definizione di un nuovo programma “alla tedesca”, sulla falsariga di quanto contrattato dalla cancelliera Angela Merkel con i partner di governo dell’Spd.

Le misure per la crescita economica e il mercato del lavoro saranno certamente sul tavolo delle consultazioni, ma è difficile pensare che a Chigi non si affrontino anche i temi “parlamentari” della legge elettorale e delle riforme istituzionali e il “rimpasto” della squadra di governo, come chiesto, tra l’altro, dai montiani che Letta vede oggi.

Il capogruppo di Scelta Civica alla Camera Andrea Romano – che farà parte della delegazione che in serata incontrerà Letta – ha detto che il suo partito chiederà di inserire nel programma “riduzione delle tasse e misure sul lavoro” oltre che auspicare una “revisione” della squadra di governo.
BORSA USA

Sale a oltre 2 miliardi di dollari la multa che JP Morgan Chase (JPM.N) pagherà nell’ambito del cosiddetto “caso Madoff” in cui è accusata di aver violato le leggi che impongano alle banche di monitorare l’attività dei propri clienti contro il rischio di riciclaggio.

Si tratta, secondo il Dipartimento di Giustizia Usa, della penale più grande mai pagata prima da una banca negli Stati Uniti e la maggiore per la violazione del”bank secrecy act”.

La banca Usa pagherà 1,7 miliardi di dollari di penale per porre fine al contenzioso con il Dipartimento di Giustizia e 350 milioni all’Ufficio Usa che controlla la valuta.

JP Morgan ha anche concordato di riformare le proprie pratiche anti-riciclaggio.

Il titolo Jp Morgan è in calo dell’1,25% a Wall Street a 58,26 dollari.

RASSEGNA 9 TITOLI
UNICREDIT ED INTESA
ENTRAMBE LE BANCHE HANNO RAGGIUNTO I LORO LIVELLI DA ME SEGNALATI , IN ORDINE 5,7 EU PER UNICREDIT E 1,9 EU PER INTESA ,E PER UNICREDIT C’E’ STATO UN ULTERIORE ALLUNGO VERSO IL PROSSIMO STEP 6,2 EU.IL TITOLO E’ LA NOSTRA AZIONE DA PROGETTO PER IL 2014
ENI

IL PIANO DI BAY BACK ,E’ MOLTO INTERESSANTE E DOVREBBE CONFERIRE UN BUON PARACADUTE NEL MOMENTO IN CUI IL MERCATO SI PRENDERA’ UNA PAUSA DI RESPIRO

TERNI ENERGIA

SMALL CUP 2014 HA BISOGNO DI INFRANGERE LA BARRIERA DEI 2,2 EU PER POTER ALLUNGARE E RAGGIUNGERE I 2,4 EU
SAES GETTERS

IERI QUALCHE SPORADICO ACQUISTO,ANCORA SIAMO SU VOLUMI INESISTENTI MA QUALCOSA SI MUOVE…

MPS

INTERESSANTI LE VOCI CHE ARRIVANO IN CONTINUAZIONE SU INTERESSE EDGE E FONDI AMERICANI ALL’AUMENTO DI CAPITALE,IL TITOLO PER CHI AMA IL RISCHIO VA COMPRATO E A SEGUIRE BISOGNA EFFETTUARE AUMENTO DI CAPITALE PER TENERE AZIONE UN ANNO.

FIAT
LO STORNO ERA SCONTATO ED INEVITABILE,QUANDO TUTTI SONO POSITIVI BISOGNA ESSERE CONTRARIAN;TUTTO CIO’ NON SIGNIFICA CHE L’AZIENDA NON ABBIA UN VALORE AGGIUNTO CON ACQUISTO CHRYSLER,MA AVENDO PERFORMATO MOLTO HA BISOGNO DI UNA PAUSA RICARICARE LE PILE, CHIUDERE IQUANTOMENO IL  GAP PER  RIPARTIRE,poi stamattina ecco la mazzata
news
Moody ha annunciato ieri sera di aver posto sotto revisione in vista di un possibile downgrade il corporate family rating Ba3 di Fiat. Al tempo stesso, Moody’s ha posto sotto osservazione per un possibile downgrade il debito emesso dalle controllate di Fiat, Fiat Finance and Trade Sa e Fiat Finance North America cosi’ come Fiat Finance Canada. Le misure di Moody’s riguardano nel complesso debito emesso per circa 11,7 miliardi di euro.
La decisione, spiega Moody’s, segue l’annuncio da parte di Fiat dell’accordo raggiunto con Veba per rilevarne la quota in Chrysler. “Poniamo i rating di Fiat sotto osservazione per un downgrade – ha spiegato Falk Frey, Senior Vice President di Moody’s e capo analista per Fiat – perche’ l’annuncio dell’acquisizione indebolira’ in misura sensibile la liquidita’ di Fiat in un momento in cui la compagnia ha ancora un free cash flow negativo”.

ANSALDO

SEMPRE PIU’ INTERESSANTE ,SEMPRE PIU’ VICINA ALLA SUA DEFINITIVA VENDITA,IL NOSTRO PORTAFOGLIO HA UNA FORTE PARTECIPAZIONE

TELECOM

GLI AGGETTIVI SONO FINITI,LA SPECULAZIONE LA FA DA PADRONA E NESSUNO CREDE PIU’ NELLE SMENTITE SULLA CESSIONE DI TIM BRASILE

 

Comments are closed.