Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Ftsemib il trend bullish continua

borsa italia 21

ftsemib il trend bullish continua

chiusura 19215 punti

Seduta con assenza di volumi,ma finalmente con le nostre banche che iniziano a prendere i loro giusti e salutari benefici,dovuti ad uno spread molto favorevole e ad una grafica,soprattutto come segnalato più volte su unicredit in forte compressione e pronta per salto.Il trading praticamente scritto 5,4/ 5,7 su unicredit sta prendendo corpo,poi vedremo sopra tale livello ci potrebbero essere grosse sorprese.il Ftsemib consolida sopra 19200.target 19500,poi come segnalato per mesi l’obiettivo di 21000 punti.

 

FISCO
Nel 2013 l’Erario ha rimborsato 13,487 miliardi a famiglie e aziende. Per imprese, professionisti e artigiani sono arrivati 11,5 miliardi dall’Iva. Il rimborso di Ires e Irpef e’ di “oltre 1,8 miliardi”. Lo sottolinea l’Agenzia delle Entrate in una nota. In particolare alle famiglie sono arrivati 973 milioni di rimborsi Irpef mentre alle imprese, oltre agli 11,456 miliardi di Iva sono arrivati 729 milioni di rimborsi Ires e 120 milioni in rimborsi da imposte dirette da deducibilità dell’Irap.
BORSA USA
L’indice ISM non-manifatturiero è sceso a dicembre, rispetto a novembre, da 53,9 a 53 punti. Gli economisti avevano previsto un aumento a 54,6 punti.

APPLE CURIOSITA’NEL RATING DI UN BROKER

L’IMPRESA DELLA MELA TRATTEREBBE I PROPRI DIPENDENTI COME SCHIAVI

Standpoint Research ha tagliato il suo rating su Apple da “Neutral” a “Sell”. Il motivo alla base del downgrade è curioso a dir poco per un broker di Wall Street. Standpoint Research consiglia di vendere Apple per “ragioni morali”.

Secondo l’analista Ronnie Moas l’impresa della mela tratterebbe a livello economico i suoi dipendenti alla stessa stregua degi schiavi. MOAS ASSERISCE”Per Apple non è affatto osceno pagare i suoi operai $2 all’ora nonostante abbia $150 miliardi in banca”,
“Hanno operai che si trovano in uno stadio d’animo depresso e fanno lavori che spezzano la schiena e danneggiano gli occhi e che in molti casi si sono suicidati”; “Invece di trattate i loro impiegati come esseri umani, li trattano come bestie. Se non fosse per i suoi lavoratori, Apple non sarebbe arrivata dove si trova oggi. Ma invece di dare a queste persone una vita migliore, le da solo il minimo necessario e si difende affermando che i salari che paga sono in quei Paesi superiori alla media e conformi a quelli delle imprese rivali”.

RASSEGNA TITOLI
FIAT
Moody’s ha confermato il rating “B1″ su Chrysler dopo l’acquisizione da parte di Fiat della quota non ancora in suo possesso, l’outlook rimane stabile.

Secondo quanto scrive il Sole 24Ore di domenica, Fiat starebbe studiando un convertendo per un importo tra 1 e 2 miliardi di euro.

La fusione tra Fiat e Chrysler comporterà probabilmente la quotazione del gruppo a Wall Street, fonti vicine a Fiat dicono non prima del 2015.

MPS
La stampa riporta che starebbe proseguendo l’approfondimento del progetto di un eventuale swap tra una parte della quota in B.Mps della Fondazione Monte dei Paschi e alcune partecipazioni di altri enti. Le indiscrezioni parlano di un eventuale coinvolgimento di tre o quattro investitori americani.
INTESA
BNP Paribas, SocGen e Intesa Sanpaolo sono le banche preferite dagli analisti di BofA – Merrill Lynch nella zona euro.

L’analisi mette in rilievo il livello conveniente di P/E (price earnings) compreso tra 7 e 9 e, per quanto riguarda il caso specifico di Intesa, la previsione di un utile netto in crescita almeno del 50%, su ricavi che tendono a stabilizzarsi, grazie a costi e accantonamenti in discesa.

Eni
Banca Imi ha confermato il rating hold su Eni e il target price a 19,1 euro. La societa’ ha avviato il piano di buy-back fino al 10% del capitale. “Questa notizia non e’ nuova al mercato e dovrebbe far parte del piano del Governo di cedere circa 3% della partecipazione”, spiegano gli esperti. La casa d’affari si aspetta infatti che l’attuale partecipazione del 30% del Governo aumenti fino al 33% al termine del programma di buy-back. “Prevediamo che questa notizia abbia un effetto neutrale sul titolo: il debito netto aumentera’, ma ci aspettiamo che l’operazione dia qualche supporto al prezzo di mercato dell’azione”.

UNICREDIT
NOSTRO PROGETTO 2014 COMINCIA A DARE I FRUTTI, VI AVEVO DETTO COMPRARE PER TRADING IMMEDIATO SU ROTTURA 5,4 EU TARGET 5,7 E SEMBRA CHE COME AL SOLITO BORSAINVESTIMENTI ABBIA CONSIGLIATO BENE.

TERNI ENERGIA

ASPETTA LA ROTTURA DEI 2,2 EU PER MOSTRARE LA SUA FORZA

ANSALDO
PARTE DI SLANCIO POI SI CALMA A RIDOSSO DELLA IMPORTANTE RESISTENZA POSTA A 8 EU,CHE UN EVENTUALE SUO SUPERAMENTE APRIREBBE LA STRADA AL LIVELLO 8,5 EU.

FINMECCANICA
“Secondo Milano Finanza il titolo e’ tra le azioni piu’ promettenti di tutta piazza Affari per il 2014″, commenta un gestore contattato da MF-Dowjones, aggiungendo che “Finmeccanica beneficia poi del fatto che” Air Algerie, una delle maggiori compagnie aeree del Nord Africa, ha siglato un accordo per l’acquisto di 3 nuove ATR 72-600 per un controvalore di 74,1 mln usd. ATR e’ una joint venture paritetica tra Alenia Aermacchi (gruppo Finmeccanica) e Airbus Group.

Saes getters
con dollaro debole ci sono chance di ottimi recuperi sul titolo ,avendo soprattutto rotto la media mobile a 120gg

 

Comments are closed.