Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

FTSEMIB POSITIVO MA UNICREDIT TIRA IL FIATO

 

borsaitalianaFTSEMIB POSITIVO MA UNICREDIT  TIRA IL FIATO

CHIUSURA 19969 PUNTI

SOSTENUTA DA FIAT, TELECOM, FINMECCANICA,MENTRE LE BANCHE TIRANO IL FIATO DOPO IL RALLY.I RISULTATI NON ESALTANTI DELLE ISTITUZIONI BANCARIE D’OLTREOCEANO HANNO CONTRIBUITO ALLO STORNO ,CHE TUTT’ORA NON E’ SUFFICIENTE PER POTERSI CONSIDERARE UN PULL BACK SIAMO SOLO AGLI INIZI.IL DOLLARO FINALMENTE FA LE PROVE DI ACCELERAZIONE PERFORANDO IL LIVELLO CHIAVE 1,358 CONTRO EURO.

 

BANKITALIA
La Banca d’Italia prevede una ripresa modesta e inferiore alle stime governative per l’economia italiana con rischi verso il basso dopo la più lunga recessione dal dopo guerra. Nel Bollettino economico trimestrale si legge che nell’ultimo trimestre del 2013 “la crescita del prodotto sarebbe stata appena positiva” per la prima volta da metà 2011.

“Sulla base delle nostre stime nel complesso dell’ultimo trimestre dell’anno l’attività industriale avrebbe segnato un aumento nell’ordine del punto percentuale, per la prima volta da oltre due anni. Gli indicatori qualitativi prefigurano una espansione della produzione industriale anche nei primi mesi dell’anno in corso”,dice il documento.

Banca d’Italia conferma per l’anno in corso una stima dello 0,7% mentre prevede per la prima volta che il 2015 segni un incremento del prodotto dell’1%.

RENZI
All’indomani della direzione del Pd in cui ha sottolineato l’urgenza di riformare la legge elettorale e le istituzioni nei prossimi quattro mesi, il segretario Matteo Renzi torna oggi con un tweet sull’argomento, promettendo di resistere alle pressioni di chi vuole mantenere lo status quo.

“Legge elettorale seria, via senato e province, cambiare le regioni. Mi hanno votato per questo. Molti cercano di frenare ma io non mollo”, ha detto Renzi stamattina su Twitter.

GOVERNO DE GIROLAMO
Il ministro delle Politiche agricole Nunzia De Girolamo ha negato oggi di essere mai intervenuta, sia da parlamentare che da ministro, per far assegnare appalti o favorire nomine di dirigenti pubblici, in un caso che ha messo nuovamente in imbarazzo l’esecutivo, dopo la recente vicenda dei rapporti tra la guardasigilli Anna Maria Cancellieri e la famiglia dell’imprenditore Salvatore Ligresti.

La questione, su cui il Pd ha presentato un’interpellanza e il Movimento Cinque Stelle ha annunciato una mozione di sfiducia, riguarda la pubblicazione di una registrazione effettuata segretamente, nell’estate 2012, da un dirigente sanitario arrestato poi nel dicembre scorso, di una conversazione con De Girolamo e altri due manager della sanità pubblica sull’appalto di un bar nell’ospedale Fatebene fratelli di Benevento, nel suo collegio elettorale.

mini imu CONSIDERAZIONI
costa di più l’assistenza ai caf che l’imposta: dopo il danno anche la beffa. se non bastasse il caos di inizio anno per il vesamento della mini imu sulla prima casa, molti contribuenti italiani si trovano in questi giorni a dover richiedere assistenza ai caf. un’assistenza che potrebbe essere anche più costosa dell’imposta stessa. secondo i calcoli realizzati dalla uil, infatti, il versamento medio nazionale sarà di 40-42 euro, ma in molti comuni la tassa si aggirerà tra i 12 e i 25 euro. per fornire assistenza i caf si fanno pagare dai 2 ai 30 euro (ilmessaggero.it)

MERCATO LAVORO

La moderata ripresa dell’economia italiana attesa tra quest’anno e il prossimo si riverbererà gradualmente sul mercato del lavoro, che resta fragile e sarà segnato anche nel 2015 da un aumento della disoccupazione ches fiorerà il 13% in media annua.

Lo dice Bankitalia nel bollettino economico trimestrale diffuso oggi.

Borsa usa DATI CONTRASTANTI
La Federal Reserve ha comunicato oggi che la produzione industriale (Industrial Production) è aumentata a dicembre dello 0,3%. Il dato è conforme alle attese degli economisti.

Il dato di novembre è stato rivisto leggermente al ribasso, da +1,1% a +1%.

Il Dipartimento del Commercio ha comunicato oggi che lo scorso mese le costruzioni di nuove case (Housing Starts) sono calate negli USA del 9,8% a 999.000 unità. Gli economisti avevano atteso 945.000 unità.

Il dato di novembre è stato rivisto da 1,09 milioni a 1,11 milioni di unità.

L’Università del Michigan ha annunciato che in base alle sue stime preliminari il suo indice relativo alla fiducia dei consumatori statunitensi (Michigan Consumer Confidence Index) è sceso questo mese, rispetto a dicembre, da 82,5 a 80,4 punti. Gli economisti avevano previsto un aumento a 83 punti.

RASSEGNA TITOLI

Enel

Il Corriere della Sera scrive che il gruppo ha rimborsato 4 miliardi di euro di debiti con le banche in vista dell’obiettivo di riduzione del passivo a 37 miliardi a fine anno.

Nel 2008, subito dopo l’acquisizione della spagnola Endesa i debiti erano balzati a 54 miliardi.
ENI
Il Cda di Eni (ENI.MI) ha deliberato ieri la possibile emissione di bond fino a 2 miliardi di euro nei prossimi 12 mesi.

Il CdA ha inoltre esaminato gli esiti delle verifiche promosse dalla società e realizzate da soggetti terzi sulle attività algerine oggetto di indagine da parte dell’autorità giudiziaria. Le verifiche non hanno evidenziato alcuna condotta illecita né alcuna condotta corruttiva di Eni.IL TITOLO E’ IN FASE CRITICA CON DUE ENORMI GAP FINO A 16,5 EU

In una nota, il gigante petrolifero ha rivisto “sensibilmente” al ribasso le stime per il quarto trimestre 2013 e per l’intero anno.

I profitti dell’ultimo trimestre dell’anno sono attesi a 2,9 miliardi di dollari per effetto delle deboli condizioni del mercato e dei maggiori costi. L’utile per l’intero 2013 è stimato a 19,5 miliardi di dollari.
MPS

Secondo quanto riporta Il Corriere della Sera, la Fondazione Mps ha cominciato a vendere quote della banca sul mercato, in pacchetti limitati inferiori all’1%, ma secondo i creditori la vendita va accelerata.

Sempre secondo il quotidiano, questa non sarebbe la strada maestra scelta dalla Fondazione che detiene il 33,4% di Mps per cedere parte della sua partecipazione. Da tempo infatti a Siena sono in cerca di un investitore stabile interessato a rilevare una partecipazione importante senza passare dal mercato. Lo stesso aumento di capitale del gruppo è stato rimandato proprio per dare più tempo alla Fondazione Mps per la ricerca di un socio. L’obiettivo della Fondazione è cedere per rientrare dell’esposizione di 300 milioni di euro nei confronti del sistema bancario.

Nelle scorse settimane si era parlato di una cordata di Fondazione, da Caripolo a Sanpaolo, passando per Carifirenze e Cariverona, pronta a venire in soccorso a Fondazione Mps, ma secondo Il Sole24Ore quest’opzione non decollerebbe.

Il fondo di private equity Pamplona starebbe valutando l’acquisto di una partecipazione.
.TRADING RANGE
FONDO PAMPLONA VUOLE ENTRARE

Fiat

target 7,5 eu
Secondo l’associazione dei produttori europei Acea, il mese scorso le immatricolazioni di auto in Europa (Ue27 + Efta) sono cresciute del 13% a 948.090 veicoli .

Il 2013 si chiude quindi con un calo dell’1,8% rispetto a un anno prima, a 12.308 milioni di veicoli.

 

FINMECCANICA

Finmeccanica (FNC.MI) ha dato mandato a Bnp Paribas, Citi, Credit Agricole Cib, Hsbc e Unicredit per gestire la riapertura del bond gennaio 2021, cedola 4,5%.

Lo riferisce il servizio Ifr di Thomson Reutersaggiungendo che la riapertura sarà di almeno 150 milioni di euro.

La prima indicazione di rendimento è in area 310 punti base sopra il tasso midswap.

TELECOM

Il prossimo CdA di Telecom Italia (TIT.MI) in agenda il 6/2/2014 sarà chiamato ad esaminare delle procedure ad hoc da utilizzare in caso di operazioni straordinarie che coinvolgano il Brasile. Nel comunicato emesso dal gruppo si conferma l’assenza di offerte o progetti di offerta per il Brasile.

In un’intervista rilasciata a La Repubblica, l’amministratore delegato, Marco Patuano, afferma che in caso arrivasse una offerta per il Brasile prima del 6 di febbraio si attenderebbe la nuova procedura per definire l’operazione. Patuano apre anche sul tema del rinnovo del meccanismo del voto di lista per la nomina del Board ad aprile.

L’a.d. dice di essere ancora disposto a considerare la separazione della rete, ma solo in cambio di un beneficio regolatorio.

Ancora Patuano afferma che la dismissione delle torri di trasmissioni in Italia e Brasile è prevista per il secondo trimestre di quest’anno. Tim Brasil utilizzerà i proventi per acquistare le nuove frequenze.

Secondo il consigliere Tarak Ben Ammar invece il cda difficilmente porterà in assemblea la modifica dello Statuto.

Telecom Italia ha emesso ieri un bond a 7 anni, 1 miliardo con un rendimento pari al 4,594%, inferiore al costo medio del debito pari al 5,4%.
SAES GETTERS

LA RIVALUTAZIONE DEL DOLLARO CHE HA ROTTO FINALMENTE IL LIVELLO 1,358 PUO’ SOLO CHE DARE DI BENEFICI

TERNI ENERGIA

FINALMENTE SCENDE PER COPRIRE UN GAP LASCIATO APERTO DA TROPPO TEMPO

TREVI FINANZIARIA

SOPRA 6,385 EU SEMPRE BUY

UNICREDIT ED INTESA
ANDAMENTO DIVERSO TRA LE DUE BANCHE LA PRIMA SUBISCE QUALCHE PRESA DI BENEFICIO CON UNA PERDITA DELL’1% L’ALTRA SALE DI MEZZO PUNTO.LO SPREAD A 206 IN RIALZO E QUALCHE TURBATIVA POLITICA NON HANNO AIUTATO.

Comments are closed.