Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

FTSEMIB PRIMO OSTACOLO A 20500 PUNTI

 

borsaitaliana

FTSEMIB PRIMO OSTACOLO A 20500 PUNTI

SIAMO DIRETTI AL NOSTRO TARGET STABILITO DUE MESI FA ,ORA DOBBIAMO SUPERARE 20500 ED A SEGUIRE 20700 ULTIMI BALUARDI ,PER APPRODARE ALL’OBIETTIVO DEI 21000 PUNTI.OGGI BORSA USA CHIUSA ERGO SCAMBI AL LUMICINO.

CHIUSURA 20459 PUNTI
Curiosita’
regionali sardegna, il popolo del web infuriato per la lentezza dello scrutinio: lo scrutinio delle schede elettorali in sardegna dove si sono svolte le regionali procede a rilento. tanto che il popolo della rete, attraverso twitter, ha espresso tutto il suo disappunto. c’è chi ha scritto: “se lo spoglio procede con questo ritmo, ci vorranno 690 ore, circa 280 giorni”. con 17 sezioni scrutinate su 1836 è testa a testa tra il presidente uscente di centrodestra ugo cappellacci e il candidato di centrosinistra francesco pigliaru

 

INCARICO A RENZI
Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha affidato al segretario del Pd l’incarico di formare il nuovo governo. .
Matteo Renzi annuncia che le consultazioni inizieranno domani. Serve qualche giorno per sciogliere la riserva, ha detto parlando ai giornalisti al Quirinale dopo aver ricevuto l’incarico da parte di Napolitano.
“Ho accettato con riserva, con la responsabilità e il senso dell’importanza e rilevanza della sfida e ho assicurato che metteremo tutto l’impegno in questa difficile situazione”. Così il premier incaricato Matteo Renzi.
“Entro il mese di febbraio compiremo un lavoro urgente sulle riforme della legge elettorale e istituzionali, subito dopo immediatamente nel mese di marzo la riforma del lavoro, in aprile la pubblica amministrazione e in maggio il fisco””E’ fondamentale che le forze politiche di maggioranza per quanto riguarda il programma di governo e tutte le forze dell’arco costituzionale per quanto riguarda le riforme siano ben consapevoli dei prossimi passaggi”

SPREAD

Lo spread tra Btp e Bund cala fino a 191 punti base, con il tasso sul decennale del Tesoro che cala al 3,60% per la prima volta dal 24 gennaio del 2006. Il differenziale tra i titoli spagnoli e tedeschi è a 181 punti base.
TESORO
Italia: Tesoro, a dicembre registrato avanzo di 14,5 miliardi di euro
A dicembre le entrate dello Stato si sono attestate a 119,4 miliardi di euro e le spese a 104,9 miliardi generando un avanzo 14,5 miliardi. Lo ha annunciato il Ministero dell’Economia e delle Finanze che poco fa ha diffuso i dati di sintesi del conto del settore statale relativi l’ultimo mese 2013.

COTTARELLI
Il commissario per i tagli alla spesa pubblica del governo Letta, Carlo Cottarelli, si mette a disposizione del nuovo esecutivo in attesa di sapere se il suo incarico sarà confermato.

“Io ho un contratto di treanni per la revisione della spesa e credo che la mia posizione non sia sottoposta a ‘spoil system’ ma sono il primo a dire che, se vogliono un’altra persona, mi faccio da parte”, ha detto Cottarelli a margine di una conferenza in Bocconi.

Il commissario ha detto di aver presentato, a inizio febbraio, le proprie proposte per ridurre la spesa pubblica, avanzando misure per tagli superiori ai 3 miliardi di euro.

“I tre miliardi di euro di cui ha parlato (il premier uscente Enrico) Letta per la riduzione della spesa nel 2014 sono una taratura verso il basso delle mie proposte”, ha detto Cottarelli.

Il Commissario ha detto che non ci sono ancora stati contatti con il premier in pectore Matteo Renzi.

 

RASSEGNA TITOLI

ENI

DOPO AVER COPERTO IL LIVELLO 16,2 EU ,FAMOSO VASCONE NEL GERGO BORSISTICO,VI AVEVAMO DETTO CHE CON MOLTA PROBABILITA’ QUEL LIVELLO SAREBBE STATO PROPEDEUTICO AL RILANCIO DELL’AZIONE E SEMBRA CHE COSI SIA STATO.
OGGI PERO’ Gli analisti di Morgan Stanley hanno tagliato il prezzo obiettivo sul titolo a 17,4 euro da 17,8 mantenendo il giudizio Equalweight.

Settimana scorsa il gruppo petrolifero ha archiviato il quarto trimestre del 2013 con un utile netto adjusted (ovvero l’utile al netto delle componenti straordinarie) di 1,3 miliardi di euro di euro, in calo del 14% rispetto allo stesso periodo del 2012, mentre per l’intero anno il netto si attesta a 4,43 miliardi, in flessione del 35%. Il dato è decisamente superiore alle stime degli analisti pari a 1,024 miliardi per il quarto trimestre.COMUNQUE SU QUESTI LIVELLI MOLTO TRANQUILLO L’INVESTIMENTO

il neo premier Matteo Renzi sarebbe intenzionato a cambiare i vertici in scadenza delle principali società a controllo pubblico. Nel caso di Eni (ENI.MI), secondo La Repubblica Renzi starebbe sondando l’attuale Ad di Vodafone, Vittorio Colao, per prendere il posto di Paolo Scaroni.

Sempre secondo La Repubblica sarebbero in calo le quotazioni di Claudio Descalzi, attuale responsabile della divisione Estrazione&Produzione di Eni.

La lista dei candidati per le società quotate deve essere presentata entro il prossimo 13 aprile.
TELECOM

Barclays conferma la raccomandazione Equalweight ma alza il target price a 0,82 euro dal precedente 0,65 euro: siamo sotto il valore di Borsa, venerdì il titolo ha chiuso a 0,848 euro.
La nota è dedicata principalmente a TIM Brasil, la controllata brasialiana, “: si trova in un buona posizione per sfruttare le possibilità di crescita organica, inoltre ha nelle sue mani anche opzioni per crescere attraverso acquisizioni”.
Venerdì sera l”amminsitratore delegato di Tim Participacoes, la holding di controllo di Tim Brasil, Rodrigo Abreu,A Telecom Italia non conviene vendere Tim Brasil. È quanto ha dichiarato Rodrigo Abreu, n.1 di Tim Participacoes (Tim Brasil), nel corso della conference call di presentazione dei conti. Abreu nel ribadire “che non è in corso nessun processo per la vendita” ha definito la controllata brasiliana “un asset strategico del gruppo”.

FIAT

una nota del gruppo chiarisce che la liquidità di Chrysler verrà utilizzata solo se eccede i 3 miliardi di dollari ricordando che un’altro limite per l’accesso alla cassa del gruppo Usa è il tetto sui dividendi distribuibili a Fiat al 50% degli utili netti insieme alla distribuzione una tantum di 500 milioni.

Notizie negative dall’Europa Occidentale dove, secondo Global Insigh (società di ricerche di mercato), il settore dell’auto a gennaio ha visto aumentare le vendite del 4,4% su base annua. Fiat-Chrysler registrano un calo dello 0,6% e una riduzione della quota di mercato al 6,5% dal 6,8%.

Il Sole 24-Ore di sabato scrive che il Lingotto ha inviato alla Banca d’Italia una richiesta di licenza bancaria per Fga Capital, la jv paritetica di Fiat-Chrysler con il Credit Agricole. L’obiettivo è avere accesso ai finanziamenti a tassi agevolati Bce.
BENI STABILI

VI AVEVAMO SEGNALATO GIOVEDI QUESTA CHICCA
Dopo la comunicazione dei risultati 2013, Kepler Cheuvreux ha confermato il Buy, alzando il target price da 0,59 a 0,65 euro.

Anche Equita ha confermato il Buy, ritoccando il target price verso l’alto del 15% a 0,68 euro e inserendo il titolo nel portafoglio raccomandato riservato alle small caps.
I risultati del quarto trimestre hanno evidenziato ricavi netti a 52,6 milioni, EBITDA a 46,6 milioni. La perdita a livello operativo è stata di 20,8 milioni, causata da 67,4 milioni di svalutazioni. Il trimestre si chiude con una perdita netta di 15,7 milioni.

Il debito netto a fine dicembre era a 2,164 miliardi ed il valore degli attivi per azione a 0,961 euro.

Sono riprese nel quarto trimestre le cessioni di attivi, che sono state pari a 85 milioni, più di quanto la società controllata dalla famiglia Del Vecchio abbia  ceduto nei primi nove mesi del 2013.

Dividendo a 0,022 euro per azione, in linea con le attese.

MPS

BUY SPECULATIVE
La partita Monte dei Paschi (BMPS.MI) è in mano alla Fondazione senese che è l’unica deputata a prendere decisioni.

Così il presidente della Fondazione Cariplo Giuseppe Guzzetti ha risposto a chi gli chiedeva se l’ente lombardo potesse essere coinvolta nella vicenda Monte dei Paschi.

“La partita è nelle mani della Fondazione di Siena ed è la Fondazione di Siena che deve decidere”, ha detto a margine di un convegno.

Indiscrezioni ricorrenti, più volte smentite, degli ultimi mesi hanno indicato in alcune fondazioni – Cariplo, Cariverona, Compagnia di San Paolo – i soggetti potenzialmente interessati a intervenire in soccorso della Fondazione Mps rilevando azioni della banca senese.

-Banca Imi conferma la raccomandazione sell e il prezzo obiettivo a 0,15 euro su B.Mps Gli analisti giudicano positivamente la cessione di un 2% circa da parte della Fondazione avvenuto a gennaio, ma ritengono che “una vendita maggiore sia necessaria per consentire all’Ente di ripagare il suo debito e per ridurre l’overhang nell’aumento di capitale di Mps”

INTESA ED UNICREDIT

LA PRIMA STA BENEFICIANDO,GIUSTAMENTE,DELLO SPREAD SEMPRE PIU’ BASSO,MENTRE UNICREDIT NOSTRO PROGETTO 2014 HA ANCORA QUALCHE DIFFICOLTA’ ,MA SARA ‘ LA PRIMA A PRENDERE AL LARGO NEL MOMENTO OPPORTUNO

 

Comments are closed.