Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

SP500 SUI MASSIMI ASSOLUTI, IL FTSEMIB NE BENEFICIA

mercato usa

SP500 SUI MASSIMI ASSOLUTI, IL FTSEMIB NE BENEFICIA

L’AMERICA E’ AL MASSIMO STORICO,IL NOSTRO INDICE INVECE SOFFRE IL MURO DEI 20500 PUNTI,MA QUESTIONE DI POCO TEMPO,VEDREMO INFRANGERE” THE WALL”CON LE TRIMESTRALI IN AGENDA TRA DUE SETTIMANE:OVVIAMENTE CON L’AUSPICIO CHE PRESENTINO BILANCI DI TUTTO RISPETTO.

SOFFRE MOLTO UNICREDIT,ALLE PRESE CON PROBLEMATICHE INERENTI AI PAESI EMERGENTI,DOVE DETIENE MOLTE FILIALI,MA SOPRATTUTTO AI RUMORS SU EVENTUALE TAGLIO NETTO AL DIVIDENDO,MENTRE INTESA BENEFICIANDO DELLO SPREAD A 184 PUNTI SALE CON TRANQUILLITA’

CHIUSURA 20442 PUNTI

RENZI
“La disoccupazione è al 12,9%. Cifra allucinante, la più alta da 35 anni. Ecco perché il primo provvedimento sarà il JobsAct”. Così il premier Matteo Renzi ha scritto su Twitter commentando i dati dell’Istat usciti questa mattina. Il tasso di disoccupazione a gennaio si è attestato al 12,9%, in aumento di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 1,1 punti nei dodici mesi, raggiungendo i massimi sia dall’inizio delle serie mensili, gennaio 2004, sia delle trimestrali, primo trimestre 1977.
SALVA ROMA

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al decreto sugli enti locali che contiene le nuove misure cosiddette “salva Roma”. Lo riferiscono fonti di governo.

All’ordine del giorno, tra l’altro, la nomina di sottosegretari e viceministri, un decreto sugli Enti Locali, che recepisce le norme del Salva Roma. Non sono escluse anche norme relative alla Tasi.

BORSA USA

La National Association of Realtors (l’Associazione Agenti Immobiliari degli USA) ha comunicato oggi che il suo indice che misura l’andamento dei contratti di vendita di abitazioni già firmati ma non ancora conclusi (Pending Home Sales) è salito a gennaio dello 0,1% a 95 punti. Gli economisti avevano atteso un aumento dello 0,8%.

Il Dipartimento del Commercio ha appena comunicato che il PIL degli USA è cresciuto nel quarto trimestre del 2013 del 2,4%. La stima preliminare aveva indicato +3,2%. Gli economisti avevano atteso una crescita del 2,6%.

Le spese per consumi sono aumentate lo scorso trimestre del 3,3%, contro il +2,6% stimato in precedenza.

L’Università del Michigan ha annunciato che in base alle sue stime definitive il suo indice relativo alla fiducia dei consumatori statunitensi (Michigan Consumer Confidence Index) è salito a febbraio, rispetto a gennaio, da 81,2 a 81,6 punti. La lettura preliminare aveva indicato 81,2 punti. Gli economisti avevano previsto 81,5 punti.

RASSEGNA TITOLI

INTESA ED UNICREDIT

BEREMBERG DOPO AVER FATTO UNA BRUTTA FIGURA IN QUESTI MESI DOWNGRADANDO I DUE TITOLI CHE POI HANNO FATTO +50% ORA INSISTE CON INTESA alza target a 1,4 da 1,2 euro, rating SELL ,ED A SEGUIRE CON UNICREDIT alza target a 3,1 da 2,6 euro, rating SELL
RIVALUTAZIONE QUOTE BANKITALIA
Secondo quanto riportato da Il Sole24Ore, ci sarebbe stato il nulla osta per gli istituti a computare le quote rivalutate già nel bilancio 2013, mentre ai fini del patrimonio di vigilanza l’impatto non sarà computato almeno fino al 2014. La rivalutazione transiterà al conto economico con un prelievo fiscale del 12%.
Secondo La Repubblica, la Commissione Europea, starebbe indagando sulla natura del decreto, che potrebbe essere qualificato come aiuto di stato.

LE BENEFICIARIE MAGGIORI SONO,INTESA
Tra i maggiori beneficiari c’è Intesa SanPaolo (ISP.MI) (circa 80 punti base in più di Core Tier I) e Unicredit (UCG.MI) (circa 30 punti base di Core Tier I) che però potranno computare tali effetti ai fini del capitale solo dal 2014 o dal 2015 (ancora in discussione).
ENI
Eni ha annunciato di avere firmato con Statoil un accordo quadro sulla revisione del contratto di fornitura di gas a lungo termine. Le revisioni riguardano anche i prezzi e i volumi di gas. I procedimenti arbitrali avviati da Eni sono quindi sospesi per 30 giorni consentendo alle parti di definire un accordo dettagliato volto ad affrontare un mercato del gas sfidante e in continua evoluzione. “L’accordo con Statoil fa parte della strategia di Eni volta a rinegoziare tutti i contratti di fornitura di gas in corso con l’obiettivo di raggiungere un portafoglio competitivo entro il primo gennaio 2016″ si legge in una nota del gruppo energetico di San Donato Milanese.
Nessun dettaglio da parte di Eni sull’impatto positivo derivante dalla rinegoziazione. I giornali parlano di un possibile impatto pari a circa 1 miliardo. Nelle nostre stime già includevamo un impatto positivo dalla rinegoziazione pari a circa 650 milioni di euro (500 milioni retroattivo più 150 milioni su volumi 2014). Notizia positiva, dopo le rinegoziazioni concluse lo scorso anno con Gas Terra (Olanda), Sonatrach (Algeria) e Gazprom (Russia).

Nel 2013 la divisione “gas” ha chiuso con un EBIT negativo per 837 milioni, inclusivo di effetti una tantum positivi su rinegoziazioni pari a circa 600-700 milioni, e una perdita pari a circa 1,4-1,5 miliardi. Per il 2014 nelle nostre stime abbiamo un EBIT negativo per 871 milioni, inclusivo di un effetto positivo su Statoil per circa 650 milioni, come anticipato. Nel caso in cui l’impatto finale arrivasse vicino 1 miliardo indicato sui giornali, vi sarebbe un impatto positivo sulle nostre stime di EBIT 2014 pari al 2%.

EQUITA HA ALZATO TARGET 18,7 EU COME BORSAINVESTIMENTI

FIAT
Secondo Bloomberg, il Lingotto starebbe studiando il collocamento di un bond convertendo da 1,5 miliardi per tagliare il debito salito dopo l’acquisizione del 42,5 % di Chrysler, un’operazione costata 4,35 miliardi di dollari.

Le trattative con le banche sarebbero solo a una fase iniziale e Fiat vorrebbe tenersi aperte altre strade per finanziarsi.

Lo stesso a.d. Sergio Marchionne vorrebbe evitare gli effetti dilutivi sull’utile di un aumento di capitale che si avrebbero appunto convertendo le obbligazioni in nuove azioni.

Marchionne in passato aveva detto che un’altra strada sarebbe quella di procedere a delle dismissioni.

FINMECCANICA
Secondo quanto riporta Milano Finanza, la controllata Agusta Westland si sarebbe aggiudicata una commessa da 100 milioni di euro per la fornitura di 5 elicotteri AW139 e 3 elicotteri AW189 alla Milestone Aviation Group.
Il contratto fa parte di un accordo quadro che potrebbe arrivare a prevedere la fornitura di 44 elicotteri nei prossimi 4 anni.
TELECOM
Il consiglio di amministrazione di Telecom Italia (TIT.MI) ha deliberato di chiedere all’assemblea l’introduzione di una norma che riduca a 11 i membri del consiglio di amministrazione, due in meno rispetto al numero previsto oggi. Il documento diffuso ieri prevede che le liste dei candidati per il c.d.a possano essere presentate solo da soci che detengono almeno lo 0,5% del capitale e raccomanda che il presidente sia scelto tra i consiglieri indipendenti.
Separatamente, Telefonica (TEF.MC) ha ribadito nel corso della conference call che il consolidamento del mercato della telefonia in Brasile, quando avverrà, porterà valore, non è chiaro quando questo scenario si avvererà perché la situazione è molto complessa.
Il cambio di governance è positivo in quanto accoglie le proposte arrivate da alcuni soci di minoranza. Ieri Telefonica ha semplicemente ribadito che lo scenario in Brasile è molto complesso.

ENEL
PREFERITE DI CITIGROUP
Citigroup ha alzato il settore delle utility europee a Neutral, citando un andamento del ‘free cash flow’ migliore delle attese e una politica dividendi sostenibile.

Citigroup aveva un giudizio Underweight sul comparto dal luglio 2008, fatta eccezione per il periodo Luglio-Agosto 2012.

Tra i titoli preferiti figurano Enel, Iberdrola, Red Electrica, Suez.
Giudizio cauto su E.ON, RWE.
ANSALDO

IERI CHIUSO GAP A RIBASSO A 7.98 DOVE NOI ABBIAMO ACQUISTATO ED OGGI RICOPERTO A RIALZO ED OLTRE A 8,23 DOVE CI SIAMO SBARAZZATI DI UNA TRANCHE,MOLTO BENE IL NOSTRO TITOLO PORTAFORTUNA.

JUVENTUS

SFIORA LA RESISTENZA A 0,232 EU E RIPIEGA ,COME DA CONSUETUDINE,IERI SUL TITOLO ABBIAMO PRESO IN PARTE PROFITTO CON 29/30 GAIN

 

Comments are closed.