Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Facebook abbandonerà il Nasdaq?

. E non pensiate che i risarcimenti si fermeranno alla richiesta di “soli” 100 milioni. Questo è l’ammontare calcolato per prezzi superiori ai 43 dollari, ma resta il fatto che potenzialmente tutti i risparmiatori potrebbero chiedere di essere riparati nelle loro perdite, se si dovesse accertare che Zuckenberg abbia fornito informazioni su stime negative sui ricavi solo a grossi azionisti e non a tutto il mercato. Un comportamento gravissimo, non accettabile quando ci si quota in borsa e che potrebbe anche fare scattare l’accusa di insider trading, qualora si dimostrasse che alcuni azionisti già del circuito secondario abbiano ricevuto notizie in anticipo sul resto del mercato.Non si contano più gli studi legali che tentano di raccogliere clienti inferociti in tutti gli USA. La stessa commissione bancaria del Senato indaga sull’accaduto.

Facebook a Wall Steeet ma non più sul Nasdaq
E siccome i guai non arrivano mai da soli, alla falsa partenza dell’Ipo si aggiunge anche lo scontro tra la società neo-quotata e il Nasdaq, ossia il circuito in cui il titolo viene negoziato. Sappiamo, infatti, che una settimana fa, le contrattazioni erano iniziate con 30 minuti di ritardo sull’orario previsto, mentre alcuni ordini di acquisto e di vendita non erano stati neppure registrati, per un non meglio identificato errore nel sistema di gestione. Cose possibili, ma che stanno scatenando una vera bufera, che si aggiunge alla tempesta abbattutasi sulla creatura di Mark Zuckerberg.
Il giovane, quanto inesperto e pasticcione Ceo starebbe prendendo in considerazione l’ipotesi di uscire dal Nasdaq e di quotare Facebook sul circuito Nyse. Un caos, un pasticcio. Se non conoscessimo i personaggi, ci sembrerebbe di assistere a una tipica sceneggiata all’italiana, mentre si tratta di un giovane rampollo di Wall Street, che in in poche ore è riuscito a sconsacrare il serissimo tempio del capitalismo finanziario mondiale. Consiglio a Barack Obama: punti su Twitter per questa campagna elettorale, perché accostare il suo nome a quello di un presunto truffatore potrebbe non portare bene nella sua America. In questo, gli USA sono ancora diversi dall’Italia.

Comments are closed.