Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

L'oro alleato dell'inflazione?

.L’aumento del costo della vita si abbaterrà per primo su pensionati e su coloro che hanno investito i propri risparmi in bond.“Arriverà prima o poi e, prima che che sia troppo tardi, è bene ricordare che le azioni proteggono dall’inflazione più di quanto si creda” continua la lettera della GMO, corredando le argomentazioni con grafici così densi da sembrare dipinti di Seurat.A parte il puntinismo, Grantham concorda con Paulson sul fatto che è bene acquisire una posizione in oro il prima possibile. Mentre comprare azioni come protezione dall’inflazione quando ancora non è il momento potrebbe essere un errore da pagare caro.

Oro Azioni_Inflazione AZIOMNI
“Quando l’inflazione comincia a salire, il prezzo reale dell’oro sale, il prezzo reale dei bond ha un netto declino, e anche le azioni hanno un declino, ma molto inferiore,” continua Grantham. Eppure, su un termine di 10 anni, “tali picchi inflazionari sono stati un problema molto relativo per chi aveva azioni (e oro), e un problema molto serio per chi invece possedeva bond.” E le azioni rimangono “sottovalutate come protezione contro l’inflazione”.L’ultimo Global Investment Returns Yearbook di Credit Suisse dice invece che “i rendimenti delle azioni hanno avuto una correlazione negativa con l’inflazione” riporta Philip Coggan sull’Economist.“Peggio ancora, le azioni performano poveramente in periodi di alta inflazione, e i governi nei prossimi anni avranno bisogno di inflazione per erodere il peso dei loro debiti. L’unica classe di asset con cui [gli autori Marsh, Dimson e Staunton] hanno trovato una correlazione positiva è l’oro. Eppure il ritorno reale a lungo termine dell’oro è stato di appena l’1% all’anno, appena migliore del cash.”L’uno per cento all’anno non basta nemmeno per comprare una lavatrice, figuriamoci per le rette scolastiche. Che fare allora? Comprare azioni, come mostra il grafico in alto, ma solo quando l’inflazione ha cominciato a decelerare (come del 1920, 1950 e 1980). Certo è che accorgersi del cambiamento di trend mentre sta avvenendo non è cosa semplice, sopratutto se si ritiene che il tasso di inflazione ufficiale non sia credibile. Fino ad allora e mentre il costo della vita continua ad aumentare, comprare oro sembra l’unica soluzione, sostengono Paulson (bull dell’oro), Grantham (bull delle azioni) e pure gli accademici super partes della London Business School.Il prezzo dell’oro sale più velocemente quando l’inflazione galoppa, dicono tutti. Eppure se si osservano gli ultimi 10 anni (e la Grande Depressione del 1930) l’oro fa anche qualcos’altro…
RENDIMENTI AL 5
 Nonostante lo scorso decennio sia stato quello con minore inflazione dal 1960, dal 2011 il prezzo dell’oro è sestuplicato. Quindi, o i dati sull’inflazione sono sbagliati, o l’aumento dei prezzi al consumo non è una condizione necessaria per l’aumento del prezzo dell’oro.Cosa può influire più dell’inflazione? Secondo l’indice dei prezzi al consumo, il prezzo dell’oro reale è aumentato in maniera esponenziale durante l’ultimo decennio. Le azioni invece non hanno fatto molto, seguendo un modello facilmente individuabile nel grafico lungo un secolo mostrato in alto. Questo perchè negli ultimi 102 anni, e includendo i dividendi, il rendimento reale delle azioni nel mercato azionario USA è stato tipicamente negativo quando il prezzo dell’oro è salito, e positivo quando è sceso.Questo modello si conferma anche analizzando i dati dell’epoca dello standard aureo. Su base quinquennale, le azioni e l’oro hanno dato agli investitori rendimenti positivi nel 59% dei mesi dal 1910. Durante un terzo di detto periodo entrambi gli asset sono stati positivi. Sono stati entrambi negativi durante meno del 7% in quel periodo, e ciò è avvenuto sopratutto durante il periodo inflattivo tra le due guerre.La cosa più ragionevole sarebbe quindi avere entrambi gli asset nel portafoglio, riaggiustando la proporzione a seconda delle circostanze. Un riaggiustamento potrebbe essere necessario in questo momento, sopratutto per chi ritiene che alle porte c’è un periodo di forte inflazione. O per lo meno, così sembrano suggerire i dati storici.
L’articolo è di Adrian Ash di Buillionvaultvedi link Fonte

http://oro-oggi.bullionvault.it/Oro_azioni_inflazione_090312

Comments are closed.