Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Partono le privatizzazioni?

LETTAPartono le privatizzazioni?

Il governo presenterà questa settimana il piano delle privatizzazioni. Lo ha detto il premier Enrico Letta, parlando oggi al summit sull’Italia organizzato dal Financial Times.

“Questa settimana ci sarà un evento importante, presenteremo il piano di privatizzazioni che viene discusso al ministero dell’Economia”, ha detto Letta.

Venerdì scorso, rispondendo alle critiche della Commissione europea al disegno di legge di Stabilità, il ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni ha detto che “diversi miliardi” sono attesi dalla revisione della spesa pubblica e dal programma di privatizzazioni che dovrebbe essere pubblicato nei prossimi giorni.

Il presidente del Consiglio, Enrico Letta, si dice “sicuro” che nel 2014 il debito sarà ridotto grazie anche al piano privatizzazioni e alla spending review.

Il governo si è impegnato a dismettere attivi dello Stato per mezzo punto di Pil all’anno tra 2014 e 2017.

La legge di Stabilità prevede che la revisione mirata della spesa produca risparmi non prima del 2015.

La Commissione europea ha chiesto all’Italia di ridurre ulteriormente il debito pubblico e l’indebitamento netto strutturale nel 2014.

Governo e Parlamento vogliono modificare la manovra per anticipare la spending review al 2014.

La creazione del Nuovo centrodestra guidato dal vicepremier Angelino Alfano, un gruppo parlamentare filo governativo che si è staccato dal partito di Silvio Berlusconi, ha reso l’esecutivo più forte.La spaccatura del centrodestra “aumenterà la stabilità in Italia. Ora la situazione è chiara e le persone possono assumersi le proprie responsabilità”, ha detto Letta.

Sul frontedel centrosinistra, invece, il premier non vede alcun rischio di tensioni con il candidato più accreditato alla segreteria del Pd, Matteo Renzi.

“Con Renzi e il Pd faremo lo stesso percorso perché dovremo applicare riforme importanti da un punto di vista economico e politico per avere un paese più stabile”, ha detto Letta.

 

Comments are closed.