Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Pil USA sotto le attese

 

wall-street-sign-280x210New York – Il prodotto interno lordo degli Stati Uniti relativo al primo trimestre di quest’anno è al 2,2%.Gli analisti avevano stimato un rialzo del 2,5%, contro il +3% del quarto trimestre del 2011. 
Notizie no dal fronte dei consumi. L’indice dei prezzi delle spese per consumi core (PCE core price) – indicatore che viene tenuto in considerazione per la Fed nella decisione della sua politica monetaria – è balzato al 2%, contro il +1,4% del quarto trimestre. Una notizia sconfortante, in quanto indica come l’inflazione stia accelerando negli Stati Uniti, e che la Federal Reserve potrebbe avere dunque difficoltà a lanciare nuovi stimoli di politica monetaria espansiva, per risollevare l’economia. L’indice complessivo (PCE) è letteralmente raddoppiato al 2,4%, dall’1,2 dell’ultimo trimestre del 2011. 
Contestualmente è stato comunicato anche l’indice del costo dell’occupazione, che nel primo trimestre è cresciuto dello 0,4%, meno comunque del +0,5% atteso dal consensus. Guardando alle componenti dell’indicatore, la spesa per consumi è salita del 2,9% contro il +2,1% precedente.
Il rallentamento dell’economia americana è evidente, se si considera che nel trimestre precedente il rialzo era stato pari al 3%. Detto questo, non c’è alcun dubbio sul fatto che la congiuntura americana stia facendo molto meglio rispetto ad altri contesti: nel corso della settimana, il Regno Unito ha infatti reso noto di essere scivolato in una recessione tecnica – due trimestri consecutivi di contrazione del Pil – per la prima volta dagli anni ’70, e in Giappone e in Germania, inoltre, il Pil è sceso negli ultimi tre mesi del 2011. Fonte 

http://www.wallstreetitalia.com/

 

Comments are closed.