Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

RIENTRO CAPITALI DALL’ESTERO DOMANI DECRETO

SACCOMANNI E FRANCESCHINIRIENTRO CAPITALI DALL’ESTERO DOMANI DECRETO

Il nuovo regime della collaborazione volontaria per incentivare l’emersione dei capitali detenuti illegalmente all’estero sarà domani sul tavolo del Consiglio dei ministri.

Due fonti governative spiegano che il decreto legge è “sostanzialmente definito” dopo che il ministero dell’Economia ha sciolto gli ultimi dubbi sull’autoriciclaggio, uno dei capitoli più importanti dell’operazione.

Il Consiglio dei ministri dovrebbe riunirsi alle 15,30, al ritorno del ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, dal Worldeconomic forum di Davos.

Oltre a prevedere la depenalizzazione di fatto dei reati tributari per chi aderisce alla ‘voluntary disclosure’ italiana, il decreto estende la punibilità per riciclaggio anche all’autore del reato da cui proviene il denaro occultato al fisco.
Oggi, infatti, il contribuente italiano può eludere la contestazione del riciclaggio commettendo il cosiddetto ‘reato presupposto’, come ad esempio l’appropriazione indebita.

La collaborazione volontaria ricalca lo schema che hanno adottato gli Stati Uniti nel 2009 ed è esclusa nel caso in cui il contribuente presenti la richiesta dopo aver già ricevuto contestazioni: accessi, ispezioni, verifiche o anche l’invio di un semplice questionario da parte dell’Agenzia delle entrate.

MASSIMO 3 ANNI PER LA DICHIARAZIONE FRAUDOLENTA
Il contribuente dovrà versare in un’unica soluzione le somme dovute, rivelando l’esatta consistenza dei propri redditi con tanto di prove documentali.

Chi aderisce non rischierà di vedersi contestare i reati penali di omessa dichiarazione o dichiarazione infedele.

Nel caso, invece, del più grave reato di dichiarazione fraudolenta con false fatturazioni o altri artifici contabili, la pena sarà diminuita “fino alla metà”, cioè da un minimo di 9 mesi a un massimo di 3 anni (oggi va da 18 mesi a 6 anni).

Sconti anche sulle sanzioni per chi non dichiara le attività detenute all’estero nel quadro Rw di Unico.

Il decreto riduce alla metà del minimo edittale – dal 3 all’1,5% dell’importo non dichiarato – la sanzione per chi ha trasferito capitali in Stati che consentono un effettivo scambio di informazioni”.

Nei casi diversi, i paradisi fiscali come il Lussemburgo o i cantoni svizzeri, la sanzione è determinata nella misura del minimo edittale ridotto di un quarto, quindi il 4,5%.

Resta da chiarire se il decreto introdurrà incentivi specifici per chi farà rientrare fisicamente i capitali in Italia.

Analoghe iniziative adottate tra il 2009 e il 2010 – gli ultimi due scudi fiscali targati Giulio Tremonti – hanno portato a risultati fallimentari perché il grosso dei capitali regolarizzati è rimasto all’estero.

Comments are closed.