Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

RUMORS apertura E NEWS del 9 febbraio

BPERUMORS apertura  E NEWS del 9 febbraio

BPER

Bper, nel quarto trimestre 2017, ha riportato un margine di intermediazione consolidato di 504 milioni, un valore allineato al consensus.

Il periodo chiude con un utile netto di 27,5 milioni, superando del 96,4% le stime degli analisti. Significativa la riduzione delle rettifiche su crediti (da 219,1 milioni a 123 milioni).

Il cda ha Proposto un dividendo cash di 0,11 euro per azione (0,06 euro nel 2016)

MEDIOBANCA

ocus di Equita Sim su Mediobanca. I conti trimestrali, spiegano gli analisti, sono stati “superiori alle attese grazie a ricavi e accantonamenti per perdite su crediti”. Gli esperti, che parlano di un “ottimo trimestre”, evidenziano che e’ stata “migliorata la guidance sul dividendo dal 40% al 40-50% di payout”. Rating buy, prezzo obiettivo a 10,5 euro

ALITALIA

Tempi più lunghi per la cessione della commissariata Alitalia.Il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, parlando a Skytg24, si è detto “meno ottimista” sulla possibilità di poter avviare prima del voto del 4 marzo il negoziato in esclusiva per la cessione di Alitalia.

Lo ha confermato una portavoce.Ancora stamattina il ministro aveva rinnovato l’auspicio del governo a chiudere la partita entro le elezioni.A manifestare interesse perla compagnia in amministrazione straordinaria sono stati Lufthansa) ed Easyjet anche il fondo Usa Cerberus si è fatto avanti.Ieri Lufthansa ha ribadito il suo interesse per una Alitalia ristrutturata ma l’AD della compagnia  Tedesca, Carsten Spohr, ha detto di non vedere ancora segnali in questo senso.

BORSA TOKIO

La borsa giapponese ha chiuso oggi in netto calo dopo l’ennesima seduta drammatica a Wall Street, trascinata in particolare dai titoli legati al petrolio a causa del calo dei prezzi del greggio.
L’indice Nikkei ha perso il 2,3% a 21.382,62 punti. Su base settimanale, la perdita è dell’8,1%.Il più ampio Topix ha perso l’1,9% a 1.731,97 punti, -7,1% per la settimana.Il settore del petrolio e del carbone  ha perso il 4,9%,quello minerario il 5,4%.I prezzi petroliferi sono calati oggi per il sesto giorno consecutivo a causa dell’annuncio dell’Iran, che intende aumentare la produzione, e dei livelli di estrazione di greggio negli Usa che ha toccatolivelli record.Nissan Motor Co ha perso il 3,1% dopo aver annunciato il dimezzamento dei profitti operativi del terzo quadrimestre.Brilla invece Nikon Corp, +3%, dopo aver annunciato ieri profitti superiori alle attese.

OBBLIGAZIONI USA

Il rendimento del Treasury Bill è 2,82%, come ieri. Il biennale è stabile al 2,08%.
Ieri l’asta da 16 miliardi di dollari di governativi degli Stati Uniti con scedenza a trent’anni, è andata maluccio: domanda in lieve calo e rendimenti ovviamente in salita. Il Tesoro ha dovuto salire al 3,13% di rendimento, per smaltire la carta, un livello che non si vedeva dal marzo del 2017.

I segnali di ripartenza dell’inflazione negli Stati Uniti, insieme agli accenni di ritirata delle banche centrali, stanno spingendo gli investitori a riconsiderare il valore dell’investimento in obbligazioni. L’ultimo segnale di vendita è arrivato ieri dalla Banca d’Inghilterra, la quale, nel rivedere al rialzo le stime sulla crescita economica, ha anche avvertito, con questa ripresa, sarà da riconsiderare anche la traiettoria del rialzo tassi.

BCE

Aumentano i flussi di immigrazione verso Germania, Italia e Austria, ma “l’impatto sulla forza lavoro finora è rimasto limitato”. A dirlo è la Bce. Nei maggiori Paesi dell’Eurozona “gli immigrati hanno un’età media inferiore e un livello di istruzione medio lievemente inferiore rispetto ai cittadini dei paesi ospiti”. La quota di stranieri in età lavorativa (15-64 anni) è più ampia di quella dei cittadini dei Paesi stessi. Questo suggerisce “che l’aumento del numero di lavoratori più anziani all’interno della popolazione in età lavorativa sarebbe stato ancor più pronunciato senza i recenti flussi migratori”.

ITALO

Ntv-Italo ha accettato la nuova offerta da 1,940 miliardi ricevuta dal fondo Usa Global Infrastructure Partners (Gip) per il 100% del capitale sociale. Inoltre, è previsto che gli attuali azionisti di Italo incassino il dividendo di 30 milioni deliberato dall’assemblea della società e che la stessa sostenga spese relative all’interrotto processo di quotazione fino a un massimo di 10 milioni, quindi il controvalore complessivo è di 1,980 miliardi.

UNICREDIT

Unicredit mantiene la raccomandazione underweight su Abertis, operatore spagnolo di strade a pedaggio, nonostante i risultati “solidi” riportati nel 2017. La valutazione e’ principalmente basata sulle due offerte in sospeso per l’acquisizione dell’azienda, da parte dell’italiana Atlantia e dell’ispano-tedesca Acs/Hochtief, che costituirebbero, in entrambi i casi, fattori di pressione per i bond di Abertis. Una controfferta piu’ alta da parte di Atlantia, da un lato, aumenterebbe il rischio di downgrade, ma la vittoria di Acs/Hochtief, dall’altro, peserebbe sui bond di Abertis, lasciando attrattivo il trading di quelli di Atlantia

FERROVIE STATO

-Bombardier non e’ il “miglior offerente” per la fornitura di treni del nuovo sistema ferroviario di Montreal. A dirlo sono i vertici della societa’ canadese, la cui offerta e’ stata rifiutata dalla Caisse. Quest’ultima sta supervisionando un progetto da 4,8 miliardi di dollari per costruire un sistema ferroviario da 42 miglia a Montreal entro la fine del 2020.

Comments are closed.