Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

TUTTI VOGLIONO INTERNET SUPER VELOCE

INTERNETTUTTI VOGLIONO INTERNET SUPER VELOCE

OSPITIAMO UN POST DI ALFONSO MARUCCIA

PUNTO INFORMATICO

Tutti vogliono l’Internet super-super-veloce, lo vuole Google e lo vuole anche IBM, mentre le lobby tecnologiche spingono per una maggiore deregolamentazione a favore delle reti wireless su segnale WiFi
Roma – Google Fiber, la connessione in fibra ottica diversamente neutrale offerta da Mountain View in poche, selezionate città statunitensi, viaggia al momento a 1 Gigabit al secondo. Nel corso di pochi anni quella banda potrebbe decuplicarsi, o almeno è questo l’obiettivo a cui lavorano i ricercatori acquartierati in quel di Mountain View.

Il CFO di Google Patrick Pichette spiega infatti che la corporation è impegnata a spingere la velocità delle connessioni del servizio Fiber fino a 10 Gbps, una velocità fuori parametro per un’utenza domestica perfettamente in linea con l'”ossessione” per la velocità coltivata dalla corporation californiana.

Il mondo sta andando nella direzione delle connessioni a Internet super-veloci, spiega Pichette, quindi è inutile aspettare. O meglio, è necessario aspettare visto che le ricerche sulla tecnologia necessaria a portare 10 Gigabit su una linea domestica sono ancora in corso e ci vorranno comunque degli anni prima del suo debutto commerciale.
L’ossessione per la velocità non è a ogni modo appannaggio esclusivo di Mountain View, visto che anche IBM lavora a nuove tecnologie in grado di moltiplicare enormemente la banda disponibile su reti in fibra ottica.

In questo caso, però, il prototipo di chip che promette meraviglie – fino a 400 Gigabit al secondo – è pensato per l’impiego sull’infrastruttura di rete più che sui tratti terminali della connessione a Internet dell’utente.

E in attesa di una Internet superveloce, la lobby delle aziende tecnologiche statunitensi (Microsoft e Google incluse) si fa coalizione con il nome di WifiForward e chiede alla politica di Washington di incrementare i canali radio disponibili per l’implementazione di reti wireless su segnale WiFi.

Alfonso Maruccia

Comments are closed.