Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Retelit: analisi tecnica.

RETELITRetelit: analisi tecnica.

Retelit (uno dei principali operatori italiani di servizi dati e infrastrutture nel mercato delle telecomunicazioni) prosegue lungo la via delle vendite raggiungendo quota 1.7190 euro. La violazione di 1.75 euro ha peggiorato lo scenario e non è da escludere un ritorno dei corsi in area 1.67 euro e 1.645 euro in prima battuta. Nel breve/medio periodo c’è ancora qualche possibilità di recupero ma affinché ciò avvenga è necessario che il prezzo si mantenga oltre quota 1.60 euro per evitare un ulteriore scivolone fino ai primi target posizionati a quota 1.55 e 1.48 euro. Primi segnali di ripresa oltre 1.82 euro (in chiusura) per il test a 1.94 euro.

La società si ritiene soddisfatta dei risultati ottenuti nel primo trimestre dell’esercizio in corso, che, in continuità con lo sviluppo operativo avviato nel triennio precedente, testimoniano la strategicità delle scelte effettuate dal riconfermato management esecutivo. Grazie anche a una nuova Governance che ha fortemente creduto nel piano di rilancio e nelle potenzialità del Gruppo e del management, Retelit potrà migliorare ulteriormente la propria posizione strategica ed espandere ulteriormente il proprio business.

Indicatori tecnici (sett.):

RSI(14) Neutrale
STOCH (9,6) Comprare
STOCHRSI (14) Ipervenduto
MACD(12,26) Comprare
ATR(14) meno volatilità
CCI(14) Neutrale
ADX(14) Vendere
ROC Comprare
UO Vendere

Williams R: ipervenduto.

 Medie mobili esponenziali:

il prezzo è collocato al di sotto di Ema20, quest’ultima è superiore a Ema50; entrambe sono superiori alla media mobile di periodo 200 (SMA). Secondo questa teoria non è in atto l’orientamento più ribassista possibile.

Bande di Bollinger (vedi grafico): i trader colgono dei segnali di acquisto quando il prezzo tocca la banda inferiore, o si allunga per breve periodo al di fuori di essa, colgono invece dei segnali di vendita quando il prezzo tocca la banda di Bollinger superiore, o si allunga per breve tempo al di fuori di essa (questo ind. Funziona meglio durante una fase di contrazione del range).

Punti di Pivot (gg):

S3 S2 S1 Punti di Pivot R1 R2 R3
Classico 1,5584 1,6567 1,7334        1,8317 1,9084 2,0067 2,0834
Fibonacci 1,6567 1,7236 1,7649        1,8317 1,8985 1,9398 2,0067
Bull/Bear Power(13) -0,2230 Vendere

Beta: 1.08

Ratio Prezzo/Utile: 24.47

Eps: 0.07

Range 52 settimane: 1.233 – 2.078 euro.

Dividendi:

Anno rif. bil. Valore
2016 0,00  euro
2015 0,00
2014 0,00
2013/2012 0,00/0,00
PERFORMANCE %
Ytd +3.3
1 Mese -8.8
6 Mesi +25.1
1 Anno +26.7
3 Anni +176
5 Anni +217

 Rating e target price:

Nome Data Rating Target Price
Intermonte 16/03/2018 Outperform 2.20 euro
Intermonte 20/11/2017 Outperform 1.70

Prosegue il deciso miglioramento della marginalità grazie ad un più favorevole mix dei ricavi, grazie anche alla significativa crescita del segmento Business:

• Ricavi in crescita del 9,9% a €14,9 milioni rispetto a €13,6 milioni del 1Q 2017
• EBITDAin aumento del 25,6% a €5,2 milioni vs. €4,2 milioni del 1Q 2017 – EBITDA margin al 35,0% dal
30,7%
• EBIT in forte crescita del 52,7% a €1,5 milioni, rispetto a €1,0 milione del 1Q 2017
• Utile netto a €0,5 milioni rispetto €1,0 milione del 1Q 2017
• PFN positiva per €29,3 milioni rispetto ad una PFN positiva per €8,7 milioni al 31 marzo 2017 e €33,4 milioni al 31 dicembre 2017
• Adozione del nuovo principio contabile IFRS 15 dal 1 gennaio 2018 che permetterà una maggior grado di comparabilità tra i bilanci degli operatori del settore.

PREVEDIBILE EVOLUZIONE DELL’ATTIVITÀ PER L’ESERCIZIO IN CORSO

Il Consiglio di Amministrazione del 15 marzo 2018, ha approvato il nuovo Piano Industriale 2018-2022 che apre una nuova fase rivolta allo sviluppo e all’espansione attraverso una crescita organica su cui si innesterà una crescita inorganica tramite acquisizioni per accelerare il processo e che costituirà ulteriore upside al piano in oggetto. Il piano prevede una crescita organica attraverso l’ulteriore sviluppo del segmento Business e l’acquisizione di quote di mercato nei segmenti Wholesale Nazionale ed Internazionale, facendo leva sul sistema in Cavo AAE-1 e le partnership internazionali. Come anticipato in questo comunicato nella nota introduttiva, ad oggi la Società conferma le attuali guidance per l’esercizio in corso: fatturato atteso tra i €67 e €71 milioni, EBITDA tra gli €24 e €28 milioni, investimenti nel range €28 e €31 milioni e una PFN positiva compresa tra i €37 e i €40 milioni.

Comments are closed.