Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Unicredit rating del giorno 27 DICEMBRE

unicredit3Unicredit rating del giorno 27 DICEMBRE

Kepler Cheuvreux conferma la raccomandazione hold e il prezzo obiettivo a 4,8 euro su Unicredit . Gli analisti apprezzano la cessione di un portafoglio di sofferenze per un ammontare lordo di 950 mln euro, in quanto “parte della strategia di de-risking e semplificazione del gruppo, volta a focalizzarsi sulla ristrutturazione delle attivita’ core italiane”. Il valore del deal non e’ stato reso noto, ma per gli esperti “la banca potrebbe postare una piccola perdita nel primo trimestre 2014 dopo il closing dell’operazione”.

Equita Sim conferma la raccomandazione buy e il prezzo obiettivo a 6,3 euro su Unicredit (-0,19% a 5,34 euro). La cessione a Cerberus di un portafoglio di sofferenze del valore nominale di 950 mln euro, spiegano gli analisti, non ha un impatto quantitativo, ma e’ “razionale dal punto di vista strategico perche’ contribuisce – seppur in minima parte – a ridurre la complessita’ del gruppo”. Il portafoglio ceduto, ricorda Equita, “non fa parte dell`Italian asset optimization portfolio, cioe’ dei 42 mld di asset con profilo di rischio/rendimento insoddisfacente che Unicredit punta a ridurre nei prossimi anni”

Mediobanca Securities conferma la raccomandazione outperform e il prezzo obiettivo a 6 euro su Unicredit dopo la notizia della cessione pro soluto di un portafoglio di crediti non garantiti e in sofferenza derivanti da contratti di credito al consumo e prestiti personali, per un ammontare (al lordo delle rettifiche di valore) di circa 950 mln euro. Per gli esperti la vendita “e’ parte delle attivita’ in atto di Unicredit per cedere gli asset non strategici e rafforzare il suo profilo di credito. 950 mln euro di valore lordo di libro rappresentano circa l’1% dei crediti deteriorati lordi al settembre 2013”. Gli analisti sottolineano come il prezzo della transazione non sia noto, “ma il coverage ratio oltre il 90% dovrebbe limitare l’impatto sui numeri di Unicredit”

Banca imi ,La societa’ ha concluso un accordo con Cerberus European Investments per la cessione pro soluto di un portafoglio di crediti non garantiti e in sofferenza derivanti da contratti di credito al consumo e prestiti personali, per un ammontare (al lordo delle rettifiche di valore) di circa 950 mln euro. “Nonostante la dimensione limitata, il 2% dei non performing loan lordi e lo 0,5% del dato netto, apprezziamo la cessione di asset non performing e non core, che migliora il profilo di credito della banca”, commentano gli analisti di Banca Imi. Su Unicredit la raccomandazione e’ add, con prezzo obiettivo a 6 euro

Comments are closed.