Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Enel, utile sem1 a 1,8 mld (-28,6%)

 La riduzione dell’Ebitda, spiega la nota, risente del venir meno di taluni proventi straordinari realizzati nel 2011 e “della riduzione del margine riferito alle attività di generazione elettrica in Italia”: il margine operativo lordo della Divisione mercato si attesta a 328 milioni (+0,6%), quello della Divisione generazione ed energy management a 694 milioni (-44,3%), quello della Divisione infrastrutture e reti a 1,973 miliardi (-2,6%), quello della Divisione Iberia eAmerica Latina a 3,644 miliardi(+0,9%), quello della Divisione internazionale a 757 milioni (-5,1%) e quello della Divisione energie rinnovabili a 807 milioni(-7,9%).Per quanto riguarda l’andamento dell’intero 2012 la società dice che “ladiversificazione geografica e tecnologica, l’ottimizzazione degli investimenti e la razionalizzazione della struttura societaria in America Latina [la capogruppo controllata da Endesa, Enersis] possono consentire di minimizzare gli impatti negativiche la citata congiuntura economica sfavorevole e l’attuale incertezza regolatoria spagnola potranno generare sui risultati del Gruppo”.

 proposito dell’aumento di capitale di Enersis, previsto fino a 8,02 miliardi di dollari, Conti ha precisatoche “la liquidità rimarrà alla società controllata” mentre il cfo, Luigi Ferraris ha detto che Enel non ha intenzione di aumentare la propria quota, oggi al 60,6%, e che “vedrebbe positivamente il coinvolgimento nell’operazione degli altri soci”. Inbase alla legge, Enel se superasse il 65% vedrebbe sterilizzati i propri diritti di voto oltre quella soglia L’indebitamento netto è stato al 30 giugno pari ha 47,572 miliardi in crescita del 6,6% rispetto a fine 2011. Alla stessa data,l’incidenza dell’indebitamento finanziario netto sul patrimonio netto complessivo, il cosiddetto rapporto debt to equity, si attesta a 0,87 a fronte di 0,82 di fine 2011.Nel corso della conference per la presentazione dei risultati l’Ad FulvioConti ha detto di prevedere un debito “intorno ai 43 miliardi per la fine dell’anno” senza contare l’aumento di capitale della controllata latino americana Enersis.Conti ha risposto anche ad alcune domande sul gas è ha detto che entro un paio di settimane “potrebbero esserci novità positive sulla rinegoziazione dei contratti di fornitura con gli algerini di Sonatrach
Fonte REUTERS

 

Comments are closed.