Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Fiat industrial /CNH concambi ipotizzati

chnBenefici per tutti. E’ stato il motto che ha accompagnato l’annuncio e la successiva campagna di Sergio Marchionne per la fusione tra Fiat Industrial e la controllata statunitense Cnh. Eppure questi benefici non sembrano averli visti i componenti del consiglio degli indipendenti che hanno bocciato l’operazione, giudicandola sconveniente per Cnh. “L’operazione – si erano affrettati a dire gli Agnelli – non comporta il riconoscimento di un premio né per gli azionisti di Fiat Industrial né per quelli di Cnh”. E qui si è annidata la protesta. L’opposizione tuttavia non è di quelle che spaventano, non solo perché gli indipendenti, tutti remunerati dalla stessa Fiat, hanno già detto di essere pronti a valutare nuove soluzioni, ma anche perché la società torinese ha ampie possibilità di migliorare il concambio. Stando ai valori ipotizzati, si tratta di 3,9 azioni Fiat Industrial per ogni Cnh. La bontà del concambio è in genere valutata in termini di utile per azione. Con un rapporto del genere – dopo la fusione – l’utile, grazie ai minori oneri finanziari stimati, aumenta per i soci di Fiat Industrial del 3-4%. Quindi molto a vantaggio di chi comanda, che non solo non dà premi alle minoranza, ma addirittura ci guadagna. L’equilibrio è con un concambio di 4,5. Ciò significa che Fiat può arrivare a dare a ogni socio di Cnh 4,5 azioni Fiat Industrial senza vedere aumentare o diminuire l’utile per azione. Per Cnh, sarebbe un aumento del 15%. E’ probabile che si trovi una soluzione. I grandi fondi di investimento lo sanno, come sanno che avranno comunque il loro tornaconto: non è un caso che da tempo si siano posizionati sui titoli. Alla fine i più penalizzati saranno gli altri portatori di interesse del gruppo Fiat (dai lavoratori ai fornitori, dall’Italia ai clienti), che vedranno un gruppo italiano diventare olandese come sede e statunitense come quotazione.

Cangia (staff)

Comments are closed.