Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

INTESA UNA INASPETTATA TRIMESTRALE NEGATIVA

intesa5INTESA UNA INASPETTATA TRIMESTRALE NEGATIVA
COMUNICATO FONTE BANCA INTESA

conto economico consolidato del primo semestre 2013 di Intesa Sanpaolo ha registrato proventi operativi netti pari a 8,2 miliardi di euro, in diminuzione dell’8,3% rispetto agli 8,94 miliardi di euro del primo semestre 2012.Il risultato della gestione operativa è ammontato a 4,09 miliardi di euro, in diminuzione dell’8,9% rispetto ai 4,49 miliardi del primo semestre 2012, con un cost/income ratio nel primo semestre 2013 al 50,1%, in confronto al 49,8% del primo semestre 2012.L’utile netto consolidato è stato così pari a 422 milioni di euro, in calo rispetto ai 1,27 miliardi di euro del primo semestre 2012.Se si escludono le principali componenti non ricorrenti, l’utile netto normalizzato nel primo semestre 2013 è pari a 660 milioni di euro, rispetto ai 995 milioni del primo semestre 2012.Per quanto riguarda lo stato patrimoniale consolidato, al 30 giugno 2013 i crediti verso la clientela sono pari a 358 miliardi di euro, in flessione del 4,8% rispetto al 31 dicembre 2012 e del 4,5% rispetto al 30 giugno 2012 Il complesso dei crediti deteriorati (in sofferenza, incagliati, ristrutturati e scaduti/sconfinanti) ammonta – al netto delle rettifiche di valore – a 29,66 miliardi di euro, in aumento del 4,2% rispetto ai 28,47 milioni del 31 dicembre 2012.I coefficienti patrimoniali al 30 giugno 2013 risultano pari all’11,7% per il Core Tier 1 ratio (dall’11,2% al 31 dicembre 2012), al 12,6% per il Tier 1 ratio (dal 12,1% a fine 2012) e al 14,1% per il coefficiente patrimoniale totale considerando il nuovo regime, rispettivamente pari a 11,1%, 12% e 14,1%. Tali coefficienti sono calcolati tenendo conto dei dividendi maturati nel semestre per l’esercizio 2013, assumendo come tali la metà degli 832 milioni di euro distribuiti nel 2013 per l’esercizio 2012. Per quanto riguarda la seconda parte dell’anno il gruppo afferma la previsione che il costo del credito rimarrà elevato.

Comments are closed.