Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

TELECOM GIUDIZI CONTRADDITTORI

 

telecomTELECOM GIUDIZI CONTRADDITTORI
Gli esperti di Deutsche Bank hanno confermato sul titolo il rating buy e il target price a 0,9 euro. Gli analisti spiegano che il prezzo obiettivo e’ stato ottenuto tramite la combinazione di diversi scenari ponderati con le probabilita’ di accadimento. Il primo implica il raggiungimento da parte del gruppo del target di indebitamento 2013 ma non di quello futuro e non prevede operazioni di M&A (5% di probabilita, Tp a 0,73 euro). Il secondo caso implica dismissioni di alcuni asset non-core come le torri e i Multiplex (5% prob., Tp 0,88 euro). Il terzo scenario ipotizza invece un incremento dell’Ebitda 2016 superiore a 300 mln euro come risultato di una diminuzione dei prezzi nel mobile (30% prob., Tp 1 euro). La quarta ipotesi comporta la cessione di Tim Brasil o un deal con Telefonica (60% prob., Tp 1,05 euro). L’ultimo scenario, quello piu’ ottimista, prevede invece combinazioni delle ipotesi precedenti (Tp 1,26 euro). La casa d’affari evidenzia infine che Telecom I. e’ scambiata a sconto rispetto ai concorrenti.

MENTRE
Gli analisti di Ubs continuano tuttavia ad essere negativi sul titolo, confermando il rating sell e il target price a 0,34 euro. Gli esperti non escludono infatti la possibilita’ di revisione al ribasso sia sulle loro stime che su quelle del consenso. Gli analisti credono poi che “la societa’ presenti un eccessivo livello di indebitamento e rischi di interessi divergenti tra gli azionisti di minoranza e Telco”. Relativamente al Cda, gli esperti valutano gli effetti che avrebbe la proposta di Marco Fossati relativa alla revoca del Consiglio. Per la casa d’affari questo e’ un punto cruciale per il gruppo per gli sviluppi strategici. Gli esperti vedono “ancora punti di incertezza. In particolare, crediamo che un nuovo board potrebbe implicare minori possibilita’ di vendere Tim Brasil” e questo “innesca inoltre una potenziale riconsiderazione della strategia di funding di Telecom I.”

Comments are closed.