Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

UN grafico che spiega dati e cifre sulla crisi

Un grafico interattivo della BBC spiega efficacemente dati e cifre sulla crisi
Districarsi nella crisi economica che sta interessando l’Europa non è sempre semplice. Ci sono decine di diverse variabili in gioco, enormi quantità di denaro e strategie politiche da prendere in considerazione per avere un quadro completo, elementi che a volte ci sfuggono e ci impediscono di farci una corretta idea di che cosa sia la crisi del debito europeo. Sul sito della BBC hanno provato a rendere visibile una parte del problema, mostrando efficacemente in un grafico quali paesi europei hanno contratto maggiori debiti o crediti all’estero.
mappa-debito-bbcIl cerchio mostra il debito estero, cioè quella parte del debito che ha contratto un paese da creditori – pubblici o privati – di altri paesi. Nella corona circolare sono indicati i nomi di alcuni dei principali protagonisti della crisi del debito, sia europei che nel resto del mondo. Quando si seleziona un paese compaiono alcune frecce che mostrano quanto denaro è dovuto alle banche degli altri paesi. Le frecce vanno quindi dal debitore ai creditori e sono più spesse man mano che aumentano le quantità di denaro. Sul sito della BBC si può cliccare sul nome di ogni paese e ottenere le relative informazioni.
 
Nel caso dell’Italia, il PIL è pari a circa 1.200 miliardi di euro, mentre il debito estero è di duemila miliardi di euro. Questo significa che il debito verso l’estero di ogni cittadino italiano è pari a circa 32.875 euro. Come mostrano le frecce, il paese più esposto nei confronti del nostro debito è la Francia, cui seguono nello schema la Germania e la Gran Bretagna. Fonte “IL POST”

Comments are closed.