Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Bernanke spingerà ancora il mercato USA


Bernanke spingerà ancora il mercato USA

Ospitiamo uno stralcio dell’ articolo a cura di AXA Investment Managers
Leggera crescita nel commercio globale in via di sviluppo
Complessivamente, prevediamo che il commercio globale1 si espanderà in media del 2,6% trimestre su trimestre nella seconda metà del 2013, in crescita rispetto al 2,5% del primo semestre (grafico 1).

leggera-crescita-nel-commercio-globale-in-via-di-sviluppo

 

Dobbiamo tuttavia riconoscere che il rallentamento del secondo trimestre ha lasciato lunghe ombre che toccheranno anche l inizio del terzo trimestre, principalmente a causa di dati più soft dagli emergenti, Cina e Brasile in particolare, mentre i mercati sviluppati hanno performato un po meglio.

Crescita negli Usa: tutto secondo il copione .

Nel corso della conferenza stampa seguita al meeting di giugno del Fomc, il presidente Bernanke ha sorpreso i mercati ripetendo che il Fomc era pronto a rallentare il proprio programma di quantitative easing (QE) più in là nel corso dell anno. Bernanke ha inoltre enfatizzato che un rallentamento nel tasso di acquisto dei bond da parte della Fed non costituirà un restringimento della politica e che il Fomc non ha in programma un aumento dei tassi di interesse fino al 2015.Nonostante il focus su particolari tempistiche per rallentare e interrompere il QE, Bernanke ha chiarito come la politica della Fed era e rimarrà legata all outlook economico. Ciò che più conta, la Fed ritiene che i rischi siano diminuiti e che il mercato del lavoro sia in continuo miglioramento. Noi condividiamo ampiamente questa posizione. Un rimbalzo nel mercato immobiliare, combinato con un andamento positivo della Borsa, è un elemento di sostegno gradito. Tuttavia, alla luce delle revisioni al ribasso per il Pil del primo trimestre e della mancanza di slancio in alcuni indicatori sui settori industriali, abbiamo rivisto le nostre stime per la crescita degli Usa nel 2013, riducendole dal 2% all 1,8%. Per la seconda parte dell anno ci aspettiamo però una crescita sequenziale superiore a quella del primo semestre, dato che l impatto della politica fiscale comincia ad affievolirsi. Ci attendiamo che il Pil degli Stati Uniti oscilli intorno al 2,4%. Q4/Q4 a.r.

Comments are closed.