Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Considerazioni di un piccolo risparmiatore

leopoldo Oggi nel nostro sito ospitiamo un articolo di Leo (piccolo risparmiatore ed esperto di mercati)
Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi ritovai per una selva oscura,
chè la diritta via era smarrita….
In questi versi, Dante ci descrive come inizia il suo viaggio verso l’inferno (per noi: il mondo della finanza , la borsa e la politica).
La descrive come una “selva” da incubo, aspra e selvaggia (per noi: piena di gap, chiusura di vasche,resistenze, supporti, medie mobili,
ecc.) e ci si avventura “nel mezzo del cammin” della sua vita; era quindi un uomo di mezza età 40-45 anni (come noi del resto).
Nonostante fosse terrorizzato da questo luogo lugubre, Dante ci dice delle cose positive che vi ha trovato (Fiat, Enel, Unicredit, Juventus)….E al tempo stesso si poneva molti interrogativi,come noi del resto.Gli interrogativi del mondo attuale sono:
Col salvataggio della Spagna fallirà l’Italia?
Quali saranno le vie d’uscita?
Nigel Farage, leader dell’UKIP (partito per l’indipendenza del Regno Unito), è intervenuto al Parlamento Europeo in merito alla questione del prestito di 100 miliardi di euro che la Ue ha deciso di fornire alla Spagna. Cento miliardi di euro sono stati accordati al sistema bancario spagnolo, e il 20% di quei soldi deve venire dall’Italia.
L’accordo prevede che gli italiani debbano prestare soldi alle banche spagnole al 3%, ma per trovare quei soldi, devono indebitarsi sui mercati al 7%. E’ veramente geniale, non trovate? Così facendo l’Italia sarà obbligata a salvarsi da sola. E, con la Grecia che ha da risolvere i suoi problemi, ed è in bilico  nonostante non sia ‘uscita dall’Euro, il vero problema diventa la BCE: “e se fallisse?”.
La situazione sta precipitando. Sta precipitando in Grecia, in Italia in Spagna e conseguentemente nel resto d’Europa e del mondo.
A mio modo di vedere, i margini per una manovra di politica economica da intraprendere in tempi brevi, idonea a salvare l’Italia e quindi l’Euro, sono sempre più ristretti.
QUANDO SAREMO FALLITI VI DIRANNO CHE……..
Quando arriverà il disastro (speriamo mai), state pur certi che i nostri cari politici ci racconteranno tante menzogne per giustificare il loro fallimento, le cui responsabilità rimangono a loro totale carico.
Ci diranno che la colpa è della cattiva finanza, degli evasori, della BCE che non ha stampato moneta e della severa Germania.
Daranno la colpa alla Grecia sprecona e alla bolla immobiliare spagnola che ha trascinato con se il sistema bancario iberico, quindi la spagna e l’Italia. Ci diranno che il terremoto in Emilia ha provocato una caduta del Pil e quindi delle entrate tributarie.
Una volta che avranno ridotto all’osso i nostri risparmi, ci diranno che il nostro è un sacrificio necessario per dare un futuro migliore ai nostri figli; quando in realtà sono stati i politici a comprometterlo, scaricando sulle nuove generazioni l’onere di pagare un conto salatissimo per la loro inefficienza, garantendosi così privilegi principeschi. Alimenteranno il conflitto sociale tra la popolazione per giustificarsi dal fallimento politico ed economico di cui sono stati capaci.
Cercheranno di giustificarsi e riabilitarsi in tutti i modi per continuare ad occupare i luoghi di potere e di comando, come hanno fatto per tutta la loro esistenza. Bisogna tenere bene a mente, che le colpe del disastro italiano, sono da ascriversi esclusivamente alla classe politica che ci ha governato negli ultimi 30 anni, al malgoverno di cui sono stati protagonisti e alle loro ruberie.
NON DIMENTICATELO!!!
Noi di Borsainvestimenti siamo felici che un nostro lettore ed amico abbia ormai imparato la lezione a tal punto da poterci sostituire,come emerge dai suoi discorsi si evince che Leo (diminutivo di LEOPOLDO) piccolo risparmiatore ha capito i meccanismi della borsa e della Finanza( anche se marginalmente).La domanda nasce spontanea PERCHE’ NONOSTANTE UNA DISCRETA PREPARAZIONE E CULTURA DEI MERCATI IL PARCO BUOI CI LASCIA SEMPRE L’OBOLO?(fortunatamente non è più il caso di Leo ci teniamo a precisarlo e ne siamo fieri).

Comments are closed.