Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

RUMORS DEL 15 MARZO

MPSRUMORS DEL 15 MARZO

MPS

Il quotidiano finanziario scrive che accanto alla gestione delle sofferenze, il cui smaltimento sarebbe nella fase finale, il Monte dei Paschi di Siena sarebbe intenzionato a sistemare anche gli unlikely-to-pay. Secondo quanto riporta MF l’istituto guidato da Marco Morelli avrebbe invitato diversi investitori a esaminare posizioni per un importo nominale tra i 5 e i 50 milioni. Secondo il quotidiano “l’obiettivo sarebbe infatti cedere i crediti uno alla volta per meglio valorizzarli rispetto a una cessione in blocco come di solito avviene per le sofferenze”.

ENI

La produzione del campo a gas di Nooros, nell’offshore dell’Egitto, ha raggiunto i 32 milioni di metri cubi di gas al giorno, pari a circa 215.000 barili di olio equivalente al giorno, segnando il livello piu’ alto mai raggiunto da un giacimento Eni in Egitto negli ultimi 50 anni.
Il livello di produzione e’ destinato ed essere ulteriormente migliorato a giugno 2018 quando entrera’ in funzione il quattordicesimo pozzo, attualmente in perforazione, con il quale si raggiungeranno 34 milioni di metri cubi di gas al giorno.

TELECOM

Gli esperti di Banca Imi segnalano che il newsflow sulla governance e’ destinato a intensificarsi prima dell’assemblea e che, dopo l’ingresso di Elliot, proprio la governance sara’ il punto focale e il driver chiave di ogni potenziale evoluzione strategica.Il titolo della compagnia telefonica nelle prime tre sedute di questa settimana era stato oggetto di vendite perdendo complessivamente circa il 6% dopo che nella scorsa settimana aveva guadagnato 15 punti percentuali in seguito alla pubblicazione dei conti 2017, del piano strategico e dopo l’ingresso del fondo americano Elliott nel capitale.
Il sentiment e’ che rumors e il newsflow sulla governance sono destinati a intensificarsi fino alla prossima assemblea degli azionisti convocata per il 24 aprile 2018.
Oggi Tim ha ricevuto dai soci Elliott International, Elliott Associates e The Liverpool Limited Partnership richiesta di integrazione dell’agenda dei lavori dell’assemblea degli azionisti, gia’ convocata per il giorno 24 aprile 2018.
In particolare, Elliot chiede la revoca di 6 amministratori (Arnaud Roy de Puyfontaine, Herve’ Philippe, Fre’de’ric Cre’pin, Giuseppe Recchi, Fe’licite’ Herzog e Anna Jones) e la nomina di altri 6 (Fulvio Conti, Massimo Ferrari, Paola Giannotti De Ponti, Luigi Gubitosi, Dante Roscini e Rocco Sabelli) in sostituzione di quelli revocati

BCE

La Bce si aspetta che le banche coprano integralmente i futuri crediti deteriorati in un periodo compreso fra due anni (per quelli non garantiti) a sette anni per quelli garantiti. Lo si legge nell’addendum alle linee guida della Vigilanza bancaria di Francoforte, che specifica come si tratti di disposizioni “non vincolanti” che si applicheranno sugli Npl che emergeranno a partire dal primo aprile 2018.

AUTOGRILL

Il `Corriere` riporta oggi che Autogrill  ha ottenuto il via libero dai sindacati per:
-L`uscita di 500 lavoratori vicini alla pensione (piano d`uscita volontario)
-L`ingresso di 300 giovani lavoratori
Notizia supportive e che possa portare AGL a:
-Migliorare la marginalità delle attività Italiane (stimiamo che l`EBITDA operativo senza costi centrali sia pari a circa €70mn con un margine del circa 6.5-7% vs la media di Gruppo >9%) che è influenzata da alte concession fee e alto costo del lavoro
-Formare nuove professionalità con un approccio più orientato alla rinnovata offerta (i.e nuovi `salad bar`/miglioramento dell`offerta di sandwich) della rete (>400 punti vendita).
Ricordiamo che:
-l`EBITDA delle attività italiane rappresenta circa 15% dell`EBITDA di Gruppo
-La forza lavoro in Italia è pari a circa 7k unità (su un totale di circa 40k unità).

ATLANTIA

Atlantia, Acs ed Hochtief hanno raggiunto un accordo per un joint-bid su Abertis. L`offerta di Atlantia sarà ritirata, mentre quella di Hochtief convertita in cash a €18.36 psr. Le azioni di Abertis passeranno poi ad un veicolo controllato al 30% da ACS, 20% da Hochtief e 50% più un`azione da Atlantia.
Atlantia si è impegnata ad acquisire da ACS fino al 24% di Hochtief (esborso 2.5 bn) e con quest`ultima ha siglato un accordo per condividere le opportunità che si creeranno in progetti di costruzione (green fields) e gestione (brownfields) di infrastrutture.
Atlantia avrà anche un`opzione per acquisire entro il 23 marzo una quota fra il 29.9% e il 34% di Cellnex posseduta da Abertis ad un prezzo fra €21.2 e 21.5 ps (cash-out 1.5-1.7 bn).
I vantaggi per Atlantia dal joint-bid sono: 1- aver evitato una guerra di rilanci; 2- avere un partner spagnolo che condivida i rischi politici (credito per la AP7 da noi valutato 2.6 bn); 3- Le sinergie con Abertis nella co-gestione delle attività in Latam, lo sviluppo dei servizi di mobility payment su tutti i mercati, l`ottimizzazione del costo del debito, se il costo del debito per Atlantia ed il Veicolo sarà confermato inferiore al 2%
L`entrata nel capitale di Hochtief è una sorpresa ed andranno verificate le reali opportunità in termini di brownfield generati in favore di Atlantia. Hochtief ha indicato in 6-8 bn (cifra ottimistica) le sinergie attese dall`integrazione con Abertis per l`accelerazione nell`acquisire nuovi green fields con concessioni poi gestite da Abertis.
La governance con Hochtief/ACS è importante. Ci attenderemmo che Atlantia confermi l`impegno di incrementare il DPS fino al 30% e quindi il DPS 2018 dovrebbe aumentare del 25% vs il 10% atteso, assicurando uno yield del 5.7%, che sale al 7% nel 2020.

UNILEVER

Il colosso agroalimentare anglo-olandese Unilever lascerà Londra e avrà una sola sede legale, proprio in Olanda. Attualmente Unilever ha due sedi legali, una a Londra e una a Rotterdam, ma ha deciso di unificarle anche se – spiega un comunicato – i suoi 7.300 addetti nel Regno Unito non subiranno alcun impatto da questa decisione.

ANIMA

Novita’ al vertice di Anima Holding. Nella serata di ieri, la societa’ ha annunciato le dimissioni di Claudio Bombonato dalla carica di presidente del cda e da tutti gli altri ruoli ricoperti nell’azienda.
La societa’ del risparmio gestito precisa che le dimissioni sono state rassegnate per motivi personali.

Comments are closed.