Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

RUMORS DEL 27 FEBBRAIO

AUTOGRILLRUMORS DEL 27 FEBBRAIO

WEIDMANN

Una crescita della zona euro rapida e su un’ampia base garantirà che l’inflazione continui a salire, pertanto la Banca centrale europea dovrebbe ridurre in modo graduale il suo stimolo.A dirlo ilpresidente della Bundesbank, Jens Weidmann.Weidmann, critico nei confronti della politica ultra-accomodante della Bce, ha detto che anche se gli acquisti di bond terminassero, la politica monetaria resterà accomodante, pertanto chiudere il Qe non comporterà la fine dello stimolo ma semplicemente ne ridurrà la potenza.”Se il trend rialzista continuerà e i prezzi continueranno a salire, secondo me, non c’è motivo per cui il consiglio non debba porre fine agli acquisti netti quest’anno”, h chiarito Weidmann a Francoforte.Il presidente della Bundesbank ha aggiunto che la forte performance dell’economia della zona euro ha confermato la convinzione del consiglio secondo cui l’inflazione raggiungerà il target Bce di poco sotto il2%.”Credo sia importante ridurre in modo graduale il livello di politica accomodante quando le prospettive sugli sviluppi dei prezzi nella zona euro ci permetteranno di farlo”, ha aggiunto.Gli investitori si aspettano che la Bce termini ilQe entro l’anno, credendo che l’inflazione continuerà a crescere seppur lentamente.”Una cosa è chiara: la normalizzazione della politica monetaria nella zona euro richiederà un lungo periodo”, ha osservato Weidmann. “La politica monetaria resterà molto espansiva anche dopo la fine degli acquisti di bond”.

AUTOGRILL

HmsHost, controllata americana di Autogrill, e Height Connects hanno ottenuto un contratto decennale per la gestione di quattro locali (due Urban Markets e due store Starbucks) presso l’aeroporto internazionale di Seattle – Tacoma.

Non sono stati forniti dettagli circa i tempi e i ricavi attesi dall’operazione.

COMCAST

Comcast Corporation, il più grande operatore televisivo via cavo degli Stati Uniti (proprietario di Nbc e Universal Pictures) ha lanciato un’offerta da 22,1 miliardi di sterline (circa 25 miliardi di euro) per comprare il gruppo europeo Sky. Comcast ha fatto sapere di vedere nell’acquisizione del gruppo satellitare basato a Londra, ma operativo in molti Paesi europei “un’opportunità strategica per acquisire un leader della produzione e la diffusione di contenuti nel Regno Unito e in tutta Europa”.

BORSA ITALIA

A pochi giorni dalle elezioni politiche, è tutto un gran parlare, anche sui mercati finanziari delle possibili ricadute, ma per ora le chiacchiere e le previsioni, hanno influenzato marginalmente la Borsa e lo spread. La legge elettorale, con la sua ripartizione tra maggioritario, per un terzo dei voti, e proporzionale, la restante parte, non aiuta chi si avventura nelle previsioni. La percentuale degli indicisi, quelli che decideranno chi votare sabato sera, o nel tragitto verso il seggio, sono una percentuale rilevante.

La Costituzione italiana, nonostante la torsione presidenzialista degli ultimi anni, è di tipo parlamentare, quindi vuol dire che il primo partito, nel caso non abbia la maggioranza e non trovi alleati, ha poche possibilità di governare: non è neanche detto che, dopo le consultazioni, il suo rappresentante indicato, possa ricevere il mandato esplorativo da Sergio Mattarella.

TAS

TAS Group ha inaugurato ufficialmente in Francia nel polo tecnologico di Sophia Antipolis il suo secondo data center alla presenza di numerosi attori dell’ecosistema digitale.
Con una ricca offerta di hosting e housing al servizio di aziende di molteplici settori d’attivita’, TAS Group e’ presente da oltre vent’anni tramite la propria controllata TAS France sul tecnopolo di Sophia Antipolis con un data center di 200 metri quadrati installato presso il World Trade Center, Route des Cre’tes.
Per far fronte all’incisivo aumento delle esigenze di outsourcing, in parte guidato dall’affermazione delle tecnologie cloud, il Gruppo ha messo in campo un investimento di circa 5 milioni per un secondo data center che rafforza significativamente la presenza in Costa Azzurra e risponde alla richiesta dei clienti di disporre di infrastrutture IT di ultima generazione.

MEDIASET

Al via oggi la prima udienza del processo civile presso il tribunale di Milano tra Mediaset e Vivendi per la mancata acquisizione di Premiun da parte del gruppo media francese.
In una nota la camera arbitrale ha dichiarato concluso il tentativo di mediazione. La questione verte sulla richiesta da parte di Mediaset di danni pari a  3 miliardi dopo la mancata acquisizione della Pay TV italiana da parte dei francesi e la successiva scalata dei medesimi fino a circa il 29%  del capitale del Biscione.
Nonostante cio’ Arnaud de Puyfontaine, Ad di Vivendi e presidente di Tim, ha dichiarato che i negoziati con Mediaset stanno andando avanti per cercare una soluzione stragiudiziale della questione.

Comments are closed.