Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

RUMORS DELL’ 12 FEBBRAIO

BORSERUMORS DELL’ 12FEBBRAIO

TXT

TXT e-solution, specialista internazionale di software e soluzioni di alto valore strategico per grandi imprese, ha comunicato che, nel periodo compreso tra il 2 e il 4 gennaio, ha acquistato 32.300 azioni proprie ad un prezzo complessivo di 303.325,24 euro.
Alla data del 9 febbraio 2018 la societa’ detiene complessivamente 1.274.883 azioni proprie pari al 9,8021% del capitale sociale.Si ricorda che lo scorso venerdi’ TXT ha diffuso i dati relativi ai ricavi dell’esercizio 2017, caratterizzato dalla cessione della divisione Retail e dalla focalizzazione sulla divisione Next. Nel 2017 i ricavi consolidati nel nuovo perimetro sono stati pari a 35,9 milioni, con una crescita dell’8,4% rispetto ai 33,1 milioni dell’anno precedente.

ENI

La nave piattaforma Saipem 12000 e’ stata bloccata (a circa 15 miglia nautiche dal punto di approdo) da unita’ della marina militare turca mentre era diretta verso un’area di esplorazione per iniziare le operazioni di trivellazione di gas naturale su licenza del governo cipriota.

Il blocco delle operazioni evidenzia la contrarieta’ alle operazioni del gruppo nel Mediterraneo orientale da parte della Turchia. Contrarieta’ sottolineata anche dal presidente turco, Recyp Erdogan: “i lavori di esplorazione del gas naturale in quella regione rappresentano una minaccia per Cipro nord e per noi”, preoccupazioni espresse al presidente Sergio Mattarella ed al premier Paolo Gentiloni.

Il titolo Eni in mattinata segna un rialzo di 1,2 punti percentuali a 13,56 euro, in linea con l’andamento settoriale.

GPI

GPI, nell’ambito del programma di buy-back approvato dal Cda lo scorso 16 novembre, dal 5 al 9 febbraio, ha acquistato 3.200 azioni, pari allo 0,020% del capitale sociale, al prezzo medio ponderato di 10,7687 euro per azione, per un controvalore complessivo di 34.459,95 euro.

La societa’, partner tecnologico di riferimento nel mercato della sanita’ e del sociale, viene cosi’ a detenere in portafoglio 32.124 azioni proprie, pari allo 0,20% del capitale sociale.

GENERALI

Generali potrebbe procedere al rafforzamento della direzione finanziaria di gruppo.E’ quanto riportano rumor di stampa, secondo i quali l’input sarebbe venuto dai principali soci che avrebbero trasmesso le loro opinioni al Ceo Philippe Donnet.Tuttavia, al momento si tratta di pure indiscrezioni che non hanno trovato conferma diretta. Anche perche’ l’attuale Cfo Luigi Lubelli e’ stato nominato appena un anno fa.Sul fronte dell’azionariato, invece, potrebbero esserci alcune novita’ per il rafforzamento delle posizioni di alcuni soci italiani. In particolare, la famiglia Benetton potrebbe salire al 2 per cento. Inoltre, alcuni rumor ipotizzano anche una possibile salita di Francesco Gaetano Caltagirone dall’attuale 3,55 per cento.Intorno alle 10:00 a Piazza Affari il titolo segna un rialzo dell’1,2% a 15,48 euro, beneficiando anche del recente upgrade del broker Autonomous Research da ‘neutral’ ad ‘outperform’.

ITALO

Sottoscritto il contratto di compravendita con il fondo Usa Gip relativo all’intero capitale sociale di Italo-Ntv Nuovo trasporto viaggiatori. Lo annuncia una nota della società, precisando che l’accordo, siglato nella giornata di ieri, riflette le condizioni comunicate lo scorso 7 febbraio. Il closing dell’accordo, si precisa ancora, è condizionato all’ottenimento dell’autorizzazione antitrust europea prevista per legge.

VOUCHER

Scade oggi alle 17 il termine per la presentazione delle domande per i voucher per la digitalizzazione. La scadenza era stata fissata inizialmente per il 9 febbraio, ma il boom di richieste, che hanno rallentato il sito, ha fatto decidere una proroga. Alle 19:30 del 9 febbraio risultavano inviate già 85.000 domande e altre 7.500 domande in compilazione.

INTEK

Come comunicato la scorsa settimana, il 9 febbraio KME, controllata di Intek, ha emesso un bond riservato ad investitori internazionali qualificati dell’ammontare di 300 milioni, con scadenza 2023, al tasso fisso del 6,75 per cento.Il prestito obbligazionario servira’ a KME, oltre che per l’attivita’ ordinaria, a rimborsare finanziamenti e relativi interessi ad Intek per 42,1 milioni e a ridurre l’importo del finanziamento in pool in essere con le banche.In merito a quest’ultimo, KME ha prorogato la scadenza del contratto di finanziamento bancario in pool e dei contratti di factoring di 3 anni, prorogabili poi di altri 2 anni su consenso degli istituti finanziari coinvolti.E’ stato inoltre ridotto a 100 milioni, dai precedenti 475, l’ammontare massimo della garanzia rilasciata nel 2014 da Intek in favore delle banche del pool di finanziamento di KME ed e’ stata definita da parte della capogruppo una nuova linea di credito di massimo 30 milioni verso la controllata.

ALKEMY

Alkemy SEE, con sede a Belgrado e controllata al 70% da Alkemy SpA, ha firmato un accordo per la costituzione di una JV societaria con Nelt Co. doo con l’obiettivo di espandere le operazioni nel mercato dell’Europa Sud-Orientale, che cresce con un CAGR del 15% (‘14-’17).
Il capitale sociale della nuova societa’ di diritto serbo sara’ detenuto da Alkemy SEE per il 51% e da Nelt Co. doo per il 49 per cento. L’accordo prevede anche la successiva acquisizione, per il tramite della joint venture, del 100% del capitale sociale di Tako Lako Shop d.o.o., societa’ del gruppo Nelt che offre a brand medio-grandi servizi di on-line market placement.L’operazione ha la finalita’ di consolidare la presenza del Gruppo Alkemy nel territorio balcanico attraverso la partnership con Nelt Co. doo ed il gruppo Nelt, leader in tale regione nei settori della distribuzione, della logistica e del marketing per i maggiori marchi internazionali nel mondo FMCG (fast-moving consumer goods).
L’accordo permettera’ di creare un hub locale in grado di erogare i servizi platform-based di Alkemy (e-Commerce, Media, Performance e Digital Solutions) beneficiando della rete logistica capillare e consolidata di Nelt.Alkemy e’ specializzata nell’innovazione del modello di business di grandi e medie aziende ed e’ quotata dal 5 dicembre 2017. Per maggiori informazioni sulla societa’ vedi: ALKEMY – DA DIGITAL ENABLER A INNOVATION ENABLER.

Comments are closed.