Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Datalogic: torna al centro delle vendite.

Datalogic: torna al centro delle vendite.

Prosegue lungo la via delle vendite Datalogic che si spinge fino agli attuali 28.20 euro; a penalizzare il titolo il giudizio di Kepler C. che ha tagliato da 33 a 32 euro il target price e rating che passa da Buy ad “Hold”, in seguito alla riduzione delle stime sull’utile per azione per il biennio 2018/2019. Fare attenzione poichè le vendite potrebbero continuare a colpire il titolo che potrebbe spingersi al di sotto di 28.00 euro. Nel breve termine è fondamentale che i corsi trovino la forza di mantenesri al di sopra di 28.00 euro per evitare un affondo fino al successivo target a 27.75 euro (2° target: 27.00 euro). Sul fronte opposto invece, oltre quota 32.50 euro (in particolar modo in chiusura) il titolo invierebbe un importante segnale di risveglio che se confermato oltre quota 34 euro proietterebbe obiettivi in area 37 euro.

Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2018

RICAVI A 142,9 MILIONI DI EUROEBITDA A 22,0 MILIONI DI EURO, PARI AL 15,4% DEI RICAVI

UTILE NETTO A 11,2 MILIONI DI EURO, PARI AL 7,8% DEI RICAVI

POSIZIONE FINANZIARIA NETTA POSITIVA A 32,3 MILIONI DI EURO

• Ricavi a 142,9 milioni di Euro in crescita dell’1,0% (+7,8% a cambi costanti) rispetto a 141,5 milioni di Euro al primo trimestre 2017.

• EBITDA[1] a 22 milioni di Euro in aumento del 5,7% rispetto a 20,8 milioni di Euro al primo trimestre 2017; EBITDA margin in crescita dal 14,7%  al 15,4%.

• Utile netto a 11,2 milioni di Euro rispetto a 11,9 milioni di Euro al primo trimestre 2017.

• Ulteriore miglioramento della Posizione Finanziaria Netta positiva a 32,3 milioni di Euro rispetto a 30,1 milioni di Euro al 31 dicembre 2017.

Bologna, 9 maggio 2018 – Il Consiglio di Amministrazione di Datalogic S.p.A. (Borsa Italiana S.p.A.: DAL), società quotata presso il Mercato Telematico Azionario – Segmento Star – organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. (“Datalogic”) e leader mondiale nei settori dell’acquisizione automatica dei dati e dell’automazione industriale, ha approvato in data odierna il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2018.L’Amministratore Delegato del Gruppo Datalogic, Valentina Volta, ha così commentato: “Nei primi tre mesi dell’anno i ricavi del Gruppo sono aumentati a cambi costanti del 7,8% raggiungendo i 143 milioni di Euro, con una crescita a doppia cifra a cambi costanti nei principali settori di riferimento del business Datalogic e, in particolare, nel settore Retail che dopo aver registrato una performance negativa negli ultimi due trimestri del 2017 ha evidenziato un recupero, con una crescita del 4,9% a cambi correnti e del 12,6% a cambi costanti, grazie all’acquisizione di importanti progetti su clienti di primaria importanza in tutte le aree geografiche. La crescita del settore Manufacturing è stata trainata dall’acquisizione di nuovi clienti in Cina, mentre quella del settore Transportation & Logistics è stata trainata dall’acquisizione di commesse sui principali corrieri postali USA, oltre che dall’acquisizione di nuovi clienti in EMEA e Cina. La crescita nei principali settori è stata parzialmente contenuta dall’andamento sfavorevole del cambio Euro/Dollaro e dal calo del fatturato verso la distribuzione per effetto di un fisiologico trend stagionale di riduzione dello stock dei principali distributori. Tutte le geografie sono cresciute a cambi costanti, incluso il Nord America che ha beneficiato di importanti commesse nel Retail e nel T&L. Prosegue la crescita a doppia cifra in Cina e Corea. Sono soddisfatta inoltre dalla redditività del primo trimestre che vede il consolidamento del miglioramento del margine lordo di contribuzione acquisito nel corso del 2017. Questo consente all’azienda di continuare ad accelerare gli investimenti in R&D e nel rafforzamento delle organizzazioni commerciali necessari a proseguire la nostra crescita.”

I ricavi netti consolidati ammontano a 142,9 milioni di Euro e, nonostante un andamento sfavorevole del cambio Euro/Dollaro, risultano in aumento dell’1% rispetto a Euro 141,5 milioni al 31 marzo 2017 (+7,8% a cambi costanti).
Il margine lordo di contribuzione, pari a 69,8 milioni di Euro cresce del 5,5% rispetto a 66,2 milioni di Euro realizzati nello stesso periodo dell’esercizio precedente (+11,2% a cambi costanti) e l’incidenza sui ricavi migliora di 2 punti percentuali, passando dal 46,8% del 2017 al 48,8% del 2018 (+1,5 punti percentuali a cambi costanti). Il miglioramento è riconducibile principalmente al miglioramento del mix e alle efficienze nel costo dei materiali.

I costi operativi, pari a 51,9 milioni di Euro, sono in aumento del 4,6% (+13,7% a cambi costanti) rispetto a 49,6 milioni di Euro dello stesso periodo del 2017, ed aumentano di 1,2 punti percentuali come incidenza sul fatturato, passando dal 35,1% al 36,3% (+1,9 punti percentuali a cambi costanti). Si evidenzia in particolare:

– un incremento delle spese di Ricerca e Sviluppo cresciute del 10% a 14,5 milioni di Euro (+23,2% a cambi costanti) con un’incidenza del 10,2% sui ricavi (pari al 10,6% nel core business rappresentato dalla divisione Datalogic) rispetto al 9,3% registrato nello stesso periodo del 2017,

– un incremento delle spese di Distribuzione cresciute del 5,4% a 25,8 milioni di Euro (+13,7% a cambi costanti) con un’incidenza del 18% sui ricavi rispetto al 17,3% registrato nello stesso periodo del 2017.

Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) cresce del 5,7% passando da 20,8 milioni di Euro del primo trimestre 2017 a 22 milioni di Euro (+4,2% a cambi costanti) mentre l’incidenza sui ricavi (EBITDA margin) sale dal 14,7% al 15,4%, grazie principalmente al miglioramento del margine lordo di contribuzione.

Il Risultato Operativo (EBIT) cresce dell’8,3% a 16,5 milioni di Euro rispetto a 15,3 milioni di Euro dell’esercizio precedente (+2,6% a cambi costanti), con un’incidenza sui ricavi che passa all’11,6% dal 10,8% del primo trimestre 2017.
Gli oneri non ricorrenti pari a 0,8 milioni di Euro (0,3 milioni di Euro nel primo trimestre 2017) sono relativi principalmente ad operazioni di ristrutturazione di alcune funzioni aziendali.

La gestione finanziaria è negativa per 1,8 milioni di Euro, rispetto ad un risultato negativo di 1,1 milioni di Euro dello stesso periodo del 2017, per effetto principalmente dell’andamento delle differenze cambio, negativo per 0,8 milioni di Euro, dovuto all’effetto del deprezzamento del Dollaro sui saldi netti del Gruppo. L’aumento degli oneri finanziari per 0,4 milioni di Euro, rispetto al primo trimestre 2017, è riconducibile all’incremento del debito lordo.

L’utile netto di Gruppo èpari a 11,2 milioni di Euro, risulta in flessione del 6,1% rispetto all’utile realizzato nello stesso periodo dell’esercizio precedente, pari a 11,9 milioni di Euro.

La Posizione Finanziaria Netta al 31 marzo 2018 è positiva per 32,3 milioni di Euro in miglioramento di 42,8 milioni di Euro rispetto al 31 marzo 2017 (negativa per 10,5 milioni di Euro) e in miglioramento di 2,2 milioni di Euro rispetto al 31 dicembre 2017 (positiva per 30,1 milioni di Euro).

Il Capitale Circolante Netto Commerciale al 31 marzo 2018 è pari ad Euro 72,8 milioni di Euro, in aumento di 11,3 milioni di Euro rispetto al 31 dicembre 2017 e in diminuzione di 8,4 milioni di Euro rispetto al 31 marzo 2017.

Comments are closed.