Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

TRIA: SPREAD TROPPO ALTO

 Secondo il ministro dell’Economia Giovanni Tria lo spread tra Btp e Bund è ancora troppo alto e a lungo andare questo potrebbe avere una ricaduta negativa sulla crescita.In una lunga intervista al Foglio, Tria ha ribadito anche che non ci sono problemi di sostenibilità del debito e che il governo rispetterà gli impegni presi con la Commissione europea, tagliando la spesa per abbassare la pressione fiscale.”Lo spread oggi è troppo alto, anche rispetto a quello di economie più deboli della nostra come quella portoghese, e che questo numero non è giustificato dai fondamentali dell’economia italiana”, ha detto Tria. “Uno spread di questo tipo è naturalmente una palla al piede ma non ci sono problemi legati alla sostenibilità del nostro debito, all’Italia è già successo in passato di dover fare i conti con elevati interessi sui titoli di stato”, ha aggiunto.”Ciò che dovrebbe preoccupare rispetto a uno spread alto non è la drammatizzazione rispetto alle nostre condizioni finanziarie, ma è l’impatto che uno spread troppo alto potrebbe avere a lungo andare sulla crescita”, ha sottolineato Tria, dopo che il governo ha abbassato recentemente la stima di crescita del Pil per il 2019 allo 0,2%.Il ministro ha parlato anche della vicenda Alitalia, affermando che lo Stato può intervenire se vi sarà un piano industriale serio e una nuova società non in perdita.”Il problema è avere un piano industriale serio. Può essere anche corretto che lo stato metta dei fondi per sostenere una società nuova. Il punto è avere una nuova società che non vada in perdita. E non solo perché sono soldi pubblici e non vanno buttati. Ma anche perché non serve mettere soldi in un’impresa che va in perdita e che tra un anno fallisce”, ha commentato il ministro.”Lo Stato quindi può entrare a condizione che sia un progetto che non va in perdita. Secondo le regole europee deve essere una società che opera nelle regole di mercato. Anche una società al cento per cento dello stato deve operare sul mercato”, ha concluso.

FONTE REUTERS

Comments are closed.