Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Zona rossa per Natale, in arrivo un nuovo Dpcm

I contagi scendono in Italia, ma non in maniera uniforme e le morti sono ancora tante, troppe per pensare che una zona gialla, seppur rafforzata, possa essere sufficiente per le feste in arrivo. Per questa ragione si pensa a nuove misure anti covid con una zona rossa per Natale e un nuovo Dpcm. Vediamo quali sono le restrizioni che potrebbe annunciare Conte

Nella conferenza Stato- Regioni del 16 dicembre si sono delineati i contorni di un nuovo Dpcm con nuove restrizioni. Tutte le regioni (o quasi) si sono dette favorevoli all’istituzione di una zona rossa per Natale. Ma dall’ipotesi iniziale di restrizioni dal 24 dicembre al 6 gennaio sembra si stia passando a giorni segnalati nel calendario. Che dovranno evitare i pericoli di una terza ondata.

Si comincia dall’ultimo weekend di libertà quello del 19/20 dicembre quando è previsto l’esodo di massa per ricongiungersi alle proprie famiglie. Dovrebbero intensificarsi i controlli da parte del Viminale. È l’ultimo weekend in cui è permessa la mobilità interegionale.
dal 21 al 23 dicembre vengono chiusi i confini delle regioni, ma bar, ristoranti rimangono aperti fino alle 18 e i negozi fino alle 21. È possibile raggiungere la seconda casa se si trova nella stessa regione.
Dal 24 al 37 dicembre scattano i divieti da zona rossa. Vietati gli spostamenti all’interno del proprio comune se non per motivi di salute, lavoro e necessità e per assistere a un parente non autosufficiente. Rimangono aperti solo i servizi essenziali.
Dal 28 al 30 dicembre torna la zona gialla con divieto di mobilità tra le regioni. Dal 31 dicembre al 3 gennaio, invece, si torna alla zona rossa per evitare veglioni e pranzi di capodanno. Da questo calendario dei divieti si salverebbe quindi l’Epifania. Mentre dal 7 gennaio dovrebbe essere ripristinata la mobilità tra le regioni.

Ciò che unisce tutti è l’idea che nuove misure devono essere adottate. Ancora troppo alti i contagi, per poter ripartire infatti bisognerebbe avere una soglia non superiore ai 5000 giornalieri, numeri molto lontani dai 10.000/15.000 che riguardano il nostro Paese. E anche l’RT è fermo a un preoccupante 0.8. Si pensi che prima dell’estate eravamo intorno allo 0.5, mentre adesso con i mesi più duri davanti siamo vicini alla soglia critica dell’1. Inoltre preoccupa il weekend del 19/20 dicembre, l’ultimo di mobilità prima della chiusura del 21 dicembre

Comments are closed.