Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

I titoli di Piazza Affari dalle “Direzioni Opposte”.

Curiosità

 16/04/2019  pasqualeferraro  

E’ dura da digerire quando si è in possesso di un titolo che prende la direzione opposta di Piazza Affari quando è in rally, ancor peggio se sono i primi a calare in caso di inversione del listino milanese e ciliegina sulla torta se non distribuiscono neanche dividendi.

Dal 13/11/2016 ad oggi Piazza Affari ha fatto registrare un progresso di circa 30 punti percentuali mentre alcuni titoli (nello stesso arco temporale) hanno ceduto anche oltre il 20%. Iniziamo con il principale listino milanese:

In testa troviamo, come spesso accade, il titolo Telecom Italia (nessun dividendo dal 2013, le ordinarie) che dal 13/11/2016 ad oggi ha ceduto circa il 27% nonostante provenga da una discesa quasi decennale grazie alla sua perdita di circa 90 punti percentuali, un disastro. In mancanza di una reazione nel breve/medio periodo i corsi potrebbero proseguire la discesa per ulteriori mesi o anni ed entrare così nei guinness dei primati.

Segue Prysmian che cede il 27% anche se dobbiamo specificare che le ultime sedute hanno abbattuto il titolo a causa del collegamento sottomarino WesternLink ma a differenza di Tim non ha ceduto il 90% dal 2000 ad oggi (Prysmian dal 2007, data del debutto a Piazza Affari) ma solo lo 0.9%.

Sul gradino più basso del podio Leonardo che grazie al rally dell’ultimo periodo riduce la sua perdita ad un -12%. 

Seguono Ferragamo (-10%); Bca Bpm (-10%) e Bper (-8%).

Sul resto del listino troviamo performance peggiori (dal 13/11/2016 ad oggi):

Safilo Grp: -87%. Nessun dividendo dal 2008.

Astaldi: -83%. Nessun dividendo dal 2017. 

Trevi: -78%. Nessun dividendo dal 2015. 

Mondo TV: -70%. Nessun dividendo dal 2016. 

Ovs: -66%. Nessun dividendo dal 2017. 

Tiscali: -65%. Nessun dividendo.

Gima TT: -55%. Ultimo dividendo nel 2018.

Panaria Grp: -52%. Ultimo dividendo nel 2018. 

Tod’s: -20%. Ultimo dividendo nel 2018.

Nell’elenco sono presenti solo “alcuni titoli” che non hanno approfittato del rally di Piazza Affari.

Comments are closed.