Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Le incertezze globali dei mercati finanziari

Scritto da Michele Amoruso

Un lunedì 28 gennaio , che sottolinea molte incertezze globali dei mercati finanziari , il quale vedrà sicuramente prendere un trend definito nei giorni successivi.

Piazza Affari ancora non convince, Ftse Mib cala in avvio di ottava, confermandosi però in buon recupero da inizio anno. Questo non basta a convincere gli analisti ad abbandonare la cautela. Dopo l’analisi tecnica sul FTSE di questa mattina , l’indice italiano sembra essere molto influenzato dai discorsi di Mario Draghi .

L’indice Ftse Mib viaggia sui minimi di giornata in area 19.600, con un calo dell’1,03%, dopo aver aggiornato non più tardi di venerdì scorso i massimi dell’anno, salendo poco oltre area 19.800.

La scorsa ottava si è conclusa in maniera contrastata per i principali mercati azionari, visto che a Wall Street l’S&P500 ha ceduto leggermente terreno, mentre è andata meglio in Europa, con il Cac40 e il Dax30 in rialzo(come preannunciato questa mattina) , diversamente dal Ftse100 che ha ceduto oltre due punti percentuali.

Dopo la giornata di contrattazioni odierna , Mario Draghi ha sottolineato nuovamente “Il rallentamento che ha colpito la Zona Euro è stato maggiore del previsto, ma ha rimarcato Mario Draghi nel corso di un intervento al parlamento europeo, le armi a nostra disposizione sono pronte per essere sfoderate”

Difatti il presidente della BCE afferma che “Terminato a dicembre, il piano di quantitative easing potrebbe essere riavviato.

Nel caso in cui “le cose dovessero andare molto male , potremmo riprendere altri strumenti nella nostra cassetta degli attrezzi. Al momento, “sicuramente non quest’anno, riteniamo improbabile che questa eventualità si possa materializzare».

“Il Quantitative easing – aveva detto Draghi al termine dell’ultimo meeting del 2018- è ormai parte integrante della nostra cassetta degli attrezzi permanenti”.

Sul fronte Americano , si profila un avvio di ottava tutto in discesa per la Borsa Usa che guarda già alla riunione della Fed e non solo.

La cautela che sta interessando le Borse europee sembra destinata ad essere vissuta oggi anche sulla piazza azionaria americana, per la quale si prevede un avvio in ribasso. Non più tardi di venerdì scorso gli indici a stelle e strisce sono saliti dopo che il presidente Trump ha firmato un accordo temporaneo per una sospensione dello shutdown fino al 15 febbraio.

La cautela però torna a farsi strada a Wall Street, con il future sull’S&P500 in calo dello 0,77%, seguito da quello sul Nasdaq100 che arretra dello 0,94%.

Non ha avuto alcun impatto l’unico dato macro di oggi che pure è stato migliore della attese, visto che a dicembre l’indice Cfnai si è attestato a +0,27 punti, in rialzo rispetto alla lettura precedente fermatasi ritoccata al ribasso da +0,22 a +0,21 punti. Il dato è stato migliore delle stime degli analisti che puntavano ad un rialzo a +0,25 punti.

Comments are closed.