Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Piazza Affari insidiosa, Germania bilancio commerciale…

PIAZZA AFFARI

FTSE MIB molto pericoloso , come preannunciato diversi giorni fa. Ftse Mib, ribasso difficile da ignorare, il rapido calo disegnato dal Ftse Mib ha violato con decisione venerdi’ in area 19600 la base del canale crescente che aveva contenuto tutta l’ascesa dai minimi di fine dicembre, la cui mediana si e’ opposta proprio in area 20000 al proseguimento dell’ascesa. La discesa al di sotto della base del canale e’ un chiaro segnale di inizio di una correzione estesa del rialzo delle ultime settimane, un fenomeno che potrebbe anche dimostrarsi solo fisiologico (le tendenze non procedono mai in linea retta ma tramite una alternanza, nel caso di un rialzo, di fasi di progresso e di ritirata, con le prime che superano in ampiezza le seconde), quindi temporaneo.

Cosa ci si aspetta?

Ovviamente , le previsioni da parte nostra sono del tutto ribassiste , in quanto l’indice italiano raggiungerà fascia prezzo 17954 , dove incontrerà il supporto e rimbalzerà al rialzo .

SORPRESA GERMANIA…

Germania: la bilancia commerciale di Berlino rilevata con riferimento al mese di dicembre scorso ha sorpreso positivamente le attese del mercato. Il surplus che nella precedente rilevazione si era attestato a 19,0 miliardi, oggi è migliorato a 19,4 miliardi di euro.

Il tutto a fronte di un consensus che aveva stimato un peggioramento della bilancia commerciale tedesca a 18,1 miliardi.

Scendendo nel dettaglio delle voci che compongono la bilancia commerciale tedesca, l’odierna rilevazione ha lasciato osservare un aumento dell’export pari all’1,5%. Il dato ha fatto i conti con la precedente flessione dello 0,4%, ed ha rivisto positivamente le previsioni a +0,2%.

Leggermente più contenuta, invece, l’avanzata dell’import, che ha registrato una progressione dell’1,2% da confrontare non soltanto con il precedente -1,6%, ma anche e soprattutto con le attese del mercato a +0,2%.

La combinazione dei dati, come anticipato, ha permesso alla bilancia commerciale tedesca di attestarsi su quota 19,4 miliardi di euro. Unica nota di colore, questa, in una settimana in cui si è addirittura parlato di recessione della Germania.

CANADA: BALZO DEGLI OCCUPATI

Giusto qualche km in più necessario per attraversare l’oceano troviamo , la benestante nazione Canadese. Dove ha registrato un forte incremento per l’indicatore che misura l’andamento dell’occupazione in Canada. A gennaio, il dato ha messo a segno un incremento dieci volte il consenso.

Nel mese di gennaio l’indice canadese che misura gli occupati ha segnato un incremento di 66,8 mila unità.Gli analisti avevano stimato un incremento decisamente minore e pari a 6,5 mila unità.

Sempre per quanto riguarda il primo mese dell’anno, il tasso di disoccupazione è cresciuto dal 5,6 al 5,8 per cento.

Il mercato si attendeva una crescita minore (5,7%).

Comments are closed.