Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Ryanair & Wizz Air : multate per…

Le compagnie aeree Ryanair e Wizz Air sono cadute in un bel guaio multate per 4 milioni di euro dall’Antitrust.

Nel 2018 l’Antitrust aveva avviato due procedimenti istruttori nei confronti di Ryanair e Wizz Air per accertarsi della correttezza sulle modifiche apportate dalle due compagnie aeree sui bagagli a mano. L’inchiesta è terminata e si è giunti a un verdetto.

Dal 1° novembre 2018 Ryanair e Wizz Air hanno applicato un costo aggiuntivoper i trolley da trasportare nella cappelliera dell’aereo. Prima di quella data era un servizio gratuito, quindi non prevedeva costi aggiuntivi.

Maxi multa: Ryanair e Wizz Air

Le nuove direttive sul prezzo del biglietto messe a punto da Ryanair e Wizz Air non hanno convinto l’Antitrust che nel 2018 ha avviato due istruttorie, rispettivamente a settembre e a ottobre.

L’obiettivo era comprendere la validità della policy adottata e ad oggi è arrivata alla conclusione che le normative sul bagaglio a mano rispecchiano una pratica commerciale scorretta nei confronti dei consumatori.

Infatti da novembre 2018 le due compagnie aeree hanno applicato un costo aggiuntivo al bagaglio a mano, variabile dai 5 ai 25 euro in base alle modalità in fase di acquisto. Il trolley non viene imbarcato, ma viene sfruttato lo spazio messo a disposizione dalle cappelliere. Con questa policy è consentito ai passeggeri di trasportare gratuitamente solo una borsa di piccole dimensionida posizionare sotto il sedile.

Tuttavia secondo l’Antitrust il bagaglio a mano grande è un requisito indispensabile del contratto di trasporto delle compagnie aree. Si tratta di un servizio incluso nel momento in cui si acquista un biglietto e quindi non deve essere applicata una maggiorazione. Non solo, si è attestato che quasi la totalità dei passeggeri è solita viaggiare con un bagaglio a mano grande, anche rispetto a questa esigenza risulta inappropriato il costo aggiuntivo.

Inoltre la normativa europeaprevede che “i supplementi prevedibili ed inevitabili devono essere ricompresi nel prezzo del servizio base presentato sin dal primo contatto e, quindi, non possono essere separati da questo con la richiesta di somme ulteriori”.

In conclusione Ryanair e Wizz Air togliendo il costo del bagaglio a mano grande dalla tariffa del biglietto alterano la percezione del prezzo finale che sarà quasi sempre superiore a quanto atteso. Inoltre non permette una corretta comparazione con le offerte della concorrenza.

Alla luce di quanto emerso, l’Antitrust ha proceduto con una multa di 3 milioni per Ryanair e di un milione di euro per Wizz Air. Ora le due compagnie aeree “dovranno comunicare all’Autorità entro 60 giorni le misure adottate in ottemperanza a quanto deciso”.

Deutsche Bank ha perso 1,6 miliardi $

Warren Buffett, Deutsche Bank e un’operazione obbligazionaria finita male: cosa è accaduto precisamente?

Deutsche Bank ha bruciato $1,6 miliardi in una singola operazione che ha coinvolto anche Warren Buffett.

A fare chiarezza sulla vicenda è stato il report oggi pubblicato da The Wall Street Journal che ha portato a galla i legami tra la banca tedesca e la società assicurativa dell’oracolo di Omaha, la Berkshire Hathaway.

Secondo le ricostruzioni, i fatti risalirebbero al 2007, anno in cui le strade di Deutsche Bank e Warren Buffett si sono ufficialmente incrociate (e successivamente separate) per la prima volta.

Deutsche Bank e Warren Buffett: cosa è successo?

Nel 2007 Deutsche Bank ha acquistato con una sola operazione un pacchetto di obbligazioni municipali dal valore di 7,8 miliardi di dollari in previsione della crisi finanziaria. Successivamente l’istituto tedesco si è rivolto alla società di Warren Buffett dalla quale ha comprato la default protection sull’investimento pagando 140 milioni di dollari.

Nel decennio successivo all’acquisto, la scommessa obbligazionaria non si è rivelata particolarmente redditizia: Deutsche Bank ha scelto di scaricarla, ritirando conseguentemente la sua assicurazione con Berkshire Hathaway e riconoscendo la perdita di 1,6 miliardi di dollari.

I dirigenti della banca si sono a lungo interrogati sulla possibilità di rideterminare il proprio bilancio includendo le perdite citate ma hanno deciso in ultima istanza di non farlo.

“Questa transazione è stata effettuata nel 2016 come parte della chiusura della nostra unità operativa non core”,

ha affermato un portavoce della banca al Wall Street Journal:

“Avvocati e revisori esterni hanno esaminato la transazione e confermato che era in linea con gli standard e le pratiche contabili”,

ha infine aggiunto Deutsche Bank, commentando così l’investimento obbligazionario che ha coinvolto la società di Warren Buffett.

Comments are closed.