Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Rumors e news del 17 maggio

Autogrill

INTRODUZIONE IFRS 16 AUMENTA PASSIVITÀ FINANZIARIE DI 2,3-2,6 MLD EURO A 1 GENNAIO 2019 
IFRS 16 POSSONO AVERE IMPATTO NEGATIVO SU UTILE NETTO IN PRIMO ANNO DI INTRODUZIONE 
IFRS 16 NON AVRÀ IMPATTO SU GENERAZIONE CASSA

FCA

La European Automobile Manufacturers Association (ACEA) ha pubblicato i dati sulle nuove immatricolazioni in Europa nel mese di aprile 2019 che evidenziano un calo in area EU + EFTA dello 0,5% a 1.344.863 nuovi veicoli. 
Fa peggio del mercato FCA che ad aprile ha evidenziato una diminuzione delle vendite del 3% a 88.755 veicoli, con una quota di mercato scesa dal 6,8 al 6,6 per cento. 
A livello di singoli brand, si e’ confermato il trend positivo del segmento Lancia/Chrysler che ha riportato un incremento del 30% delle vendite a 5.745 unita’. Bene anche Fiat che ha rilevato immatricolazioni sostanzialmente stabili a 64.071 veicoli (+0,1%). 
In calo le immatricolazioni degli altri marchi del gruppo, ovvero Jeep (-5,3% a 13.672 unita’) e Alfa Romeo (-40,3% a 4.673 veicoli).

UNICREDIT

Dopo il comunicato stampa di Unicredit del 7 Maggio in cui era stata annunciata la volontà di vendere alcuni asset (oltre alla quota in FinecoBank), si è speculato su una possibile cessione della quota dell’8.4% in Mediobanca, più volte definita dal ceo Mustier come non strategica ma puramente finanziaria.
Tuttavia, secondo alcune indiscrezioni riportate da Milano Finanza, il ceo non avrebbe alcuna intenzione di cedere la partecipazione, principalmente al fine di presidiare il proprio legame con Generali  di cui Mediobanca è primo azionista con una quota del 12.9%.
MF riporta anche che Unicredit avrebbe fatto richieste più stringenti in merito all’accordo di consultazione dei soci Mediobanca, valido dal 1 Gennaio 2019 e a cui ha aderito il 20,7% del capitale.  Tali richieste non sarebbero state accettate dai piccoli azionisti.

GOOGLE

 L’Antitrust italiano ha avviato un’istruttoria su Google  per accertare un presunto abuso di posizione dominante relativa ad alcuni servizi offerti dal sistema operativo Android utilizzati negli smartphone.In particolare, spiega una nota dell’Autorità, Google “avrebbe rifiutato di integrare nell’ambiente Android Auto la app ‘Enel X Recharge’, sviluppata da Enel per fornire agli utenti finali informazioni e servizi per la ricarica delle batterie delle auto elettriche”.L’esclusione della app limita la possibilità di utilizzare alcuni servizi, tra cui la prenotazione delle colonnine di ricarica.”L’interesse di Google sembrerebbe quello di difendere e rafforzare il modello di business della propria app Google Maps”, specifica la nota.Il procedimento, aperto nei confronti di Alphabet Inc., Google LLC e Google Italy Srl, di concluderà entro la fine di maggio 2020.Ieri i funzionari dell’Autorità, insieme al Nucleo Speciale Antitrust della GdF, hanno svolto ispezioni in alcune sedi delle società.

ASTM

L’assemblea di Astm ha approvato il bilancio di esercizio al 31 dicembre 2018 e preso visione del bilancio consolidato 2018. 
I soci hanno anche approvato la distribuzione di un dividendo per azione, a saldo di 0,32 euro. Ricordiamo che Astm ha distribuito un acconto di 0,23 euro e che pertanto il dividendo ammonta complessivamente a 0,532 euro per azione (0,469 euro per azione il precedente esercizio). Il “dividendo a saldo” sara’ messo in pagamento il prossimo 29 maggio. 
Gli azionisti hanno poi autorizzato l’acquisto e l’alienazione di azioni proprie per un massimo di 19.799.720 azioni, pari al 20% del capitale, per un periodo massimo di 18 mesi. 
L’assemblea ha nominato il nuovo consiglio di amministrazione, che restera’ in carica fino all’approvazione del Bilancio al 31 dicembre 2021, nelle persone di Gian Maria Gros-Pietro (Presidente), Juan Angoitia, Caterina Bima, Arabella Caporello, Giulio Gallazzi, Giuseppe Gatto, Beniamino Gavio, Daniela Gavio, Marcello Gavio, Venanzio Iacozzilli, Fabiola Mascardi, Barbara Poggiali, Luigi Roth, Alberto Rubegni, Roberto Testore. 
Al termine dell’assemblea, il Cda ha nominato Daniela Gavio e Roberto Testore Vice Presidenti della Societa’ e confermato Alberto Rubegni Amministratore Delegato. 

SAES GETTERS

Ieri, giovedì 16 maggio, sono state consegnate altre 24.228 azioni ordinarie nell’ambito dell’Opa parziale promossa da Saes Getters su 3.900.000 azioni ordinarie.Dal 6 maggio, giorno dell’inizio dell’operazione, sono state consegnate in tutto 1.628.978 azioni ordinarie, pari al 41,7% dei titoli in oggetto di Opa.L’Opa, promossa al prezzo di 23 euro per azione, terminerà il 24 maggio. Il titolo ieri ha chiuso a 21,75 euro.

MAssimo zanetti

Massimo Zanetti Beverage ha annunciato l’apertura di un nuovo bar Segafredo Zanetti Espresso in Thailandia. 
Il locale, inaugurato in partnership con Central Food Retail, e’ situato presso l’aeroporto internazionale di U-Tapao, ubicato a circa 30 km a sud di Pattaya, una delle principali mete turistiche internazionali del Paese. 
Paul Barbone, director franchise operations, SE Asia & China for Massimo Zanetti Beverage Services, ha cosi’ commentato: “Segafredo puo’ ora servire il suo caffe’ a 3 milioni di passeggeri l’anno; i turisti saranno felici di trovare una caffetteria Segafredo Zanetti Espresso al loro ingresso in aeroporto”.

PORTALE DI SARDEGNA

La società ha annunciato la sua partnership con Forte Village, che ha ad oggetto l’organizzazione della IV edizione del Meet Forum, evento che ha come main sponsor Unicredit e che si terrà in Sardegna il prossimo ottobre.
Il Meet Forum raduna operatori del settore, compagnie di trasporto, operatori finanziari, e tutte le figure che orbitano attorno al mondo del turismo, per parlare dell’argomento a 360 grandi, e quindi includendo anche tematiche non generaliste, come gli aspetti finanziari e del business.
Tale accordo permetterà a Portale Sardegna di avvalersi del network messo a disposizione del Fort Village, un Resort considerato fra i migliori al mondo, che ha ricevuto, per ben 21 volte, il riconoscimento “World’s Leading Resort”. 
L’annuncio è stato dato durante l’evento che si è svolto presso la sede Unicredit di Milano.

DIGITAL MAGICS

Digital Magics , business incubator di progetti digitali e fornitore di servizi di consulenza per startup e imprese, potrebbe muoversi in Borsa.
La società ha organizzato “Steel on Stage”, un contest costituito con l’obiettivo di intercettare prodotti e servizi tecnologici in grado di innovare l’industria siderurgica secondo modelli di sostenibilità ambientale e sociale. L’evento è stato programmato in collaborazione con Made in Steel, la principale Conference & Exhibition del Sud Europa dedicata alla siderurgia. A vincere il concorso la startup U-Earth-Biotech, che si occupa della rimozione e del monitoraggio di contaminanti e odori da ambienti molto inquinati. 
A questo scopo vengono utilizzati dei bioreattori, che liberano l’aria da tutti i contaminanti, trasformandoli in materiale inerte tramite un processo di bio-ossidazione. 

ESAUTOMOTION

La scorsa settimana Esautomotion ha annunciato l’ acquisizione di un nuovo e importante cliente sul mercato cinese, siglando un contratto del valore di circa 1 milione per il primo anno. 
Si tratta della piu’ grande societa’ cinese attiva nei settori della pressopiega, del laser e delle macchine punzonatrici, con una produzione annuale di circa 2.000 macchinari (1.200 nella pressopiega, 400 nel laser e 400 punzonatrici) che per circa il 30% vengono esportati al di fuori della Cina. 
Una partnership a lungo cercata, come racconta il Presidente di Esautomotion, Franco Fontana: ‘ Ci abbiamo lavorato per qualche anno, iniziando a stringere contratti con altri produttori cinesi che abbiamo aiutato ad esportare grazie al nostro network di rivenditori diffuso a livello globale. In questo modo abbiamo messo una sorta di pressione interna sul nostro nuovo cliente, che fino ad ora si serviva di fornitori locali per la massa della produzione e di un prestigioso nostro concorrente per i controlli numerici high end’ . 
La Cina e’ infatti il piu’ grande mercato di macchinari al mondo ma e’ assimilabile a una piramide tecnologica dove viene prodotto un elevato numero di macchine basic che montano sistemi di controllo cinesi, una discreta quantita’ di macchinari di fascia media e pochi prototipi di macchine di fascia alta dotati delle tecnologie europee. 
E’ proprio per questo tipo di prototipi che il cliente si e’ rivolto inizialmente a Esautomotion, prosegue Fontana ‘ ma noi, visto anche il grande investimento che questa tipologia di prodotto richiede, abbiamo puntato ad entrare anche nella fascia base e media dei loro macchinari, caratterizzata da elevati volumi, accettando di farlo a un prezzo competitivo’ . 
Il nostro investimento strategico infatti, spiega il Presidente, ‘ e’ stato quello di accettare di offrire un prezzo competitivo, con un margine piu’ basso, che ci consentisse allo stesso tempo di guadagnare e cogliere quindi gli elevati volumi attuali e quelli ancora maggiori attesi per il futuro”. 
Il sacrificio momentaneo dei margini sui prodotti base, inoltre, ‘ ci ha costretto a lavorare sui costi e a trovare soluzioni tecnologiche e produttive, oltre a volumi di produzione, tali da permetterci di essere sempre piu’ competitivi e compatibili con quei livelli di prezzo, con l’ obiettivo di riproporli anche nei mercati occidentali per generare ulteriori benefici in futuro’ . 
Prendera’ cosi’ il via un percorso di crescita congiunto che dovrebbe dare modo al cliente di ‘ cannibalizzare gli altri produttori cinesi, grazie a un’ offerta di prodotto superiore a livello tecnologico ma che presenta un costo solo lievemente maggiore a quello di macchinari dotati di un ‘cervello cinese’ . In questo modo, contiamo anche di innescare un processo imitativo che porti un sempre maggiore numero di produttori cinesi ad adottare i nostri sistemi CNC’ . 
Noi infatti, continua il Presidente, ‘ stiamo entrando nella fase iniziale di quel processo evolutivo che portera’ le macchine di fascia medio-bassa a diventare di fascia medio-alta per continuare ad essere vendute. Processo da cui poi non sara’ facile essere scardinati’ . 
I benefici di questa collaborazione non si vedranno pero’ solo sul mercato cinese. Infatti, ‘ il poter presentare prodotti di fascia alta dotati della qualita’ garantita dal nome Esautomotion assume una valenza ancora maggiore all’ estero, dove il nostro prodotto gode un’ ottima reputazione anche grazie all’ efficace rete di assistenza 24/7 che offriamo a livello globale’ .

Comments are closed.