Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Rumors e news del 21 giugno

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte con Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea, al Consiglio Europeo di Bruxelles, 20 giugno 2019.

CONTE E TRATTATIVA CON EUROPA

– Il premier Giuseppe Conte non ritiene che la trattativa con l’Unione europea sui conti pubblici italiani possa mettere a rischio il governo che “è molto compatto”, e pensa che la procedura di infrazione per l’alto debito sarà scongiurata.Bruxelles ha chiesto a Roma di tagliare il deficit 2019 per evitare un intervento disciplinare. Il governo punta a utilizzare i risparmi da reddito di cittadinanza e quota 100 e ha annunciato una nuova stima di deficit a 2,1% inferiore a quella chiesta dalla Ue.”Riteniamo di dover difendere le nostre ragioni e non siamo disponibili ad inseguire delle stime che non corrispondono alla realtà”, dice Conte secondo il quale sarebbe “molto grave” se Bruxelles avesse un atteggiamento punitivo nei confronti dell’Italia.”Verificheremo in prossimi giorni” se la Ue chiederà rassicurazioni anche sulle cifre di bilancio del 2020, ha aggiunto il premier, a Bruxelles per il vertice dei capi e di governo dell’Unione.

Prima del Consiglio il premier italiano ha avuto un colloquio con la Cancelliera Angela Merkel.

Un “tesoretto” stimato all’incirca sui 5 miliardi, composti da maggiori entrate rispetto alle previsioni, risparmi da reddito di cittadinanza e quota 100 e i due miliardi congelati nella legge di bilancio. E’ questa la cifra a cui, spiegano fonti governative, l’esecutivo giallo-verde è al lavoro in queste ore di trattativa con l’Ue e in vista del Consiglio dei ministri di mercoledì chiamato a varare l’assestamento di bilancio. Non c’è alcuna manovra correttiva, l’assestamento certifica come procedono i conti, spiegano le stesse fonti.

TELECOM.

Dopo tanti rumors e tante indiscrezioni e” arrivato un primo annuncio formale da parte di Tim sul tema della rete di telecomunicazioni. Il gruppo ieri in serata ha informato di aver sottoscritto “con Cassa Depositi e Prestiti e Enel un accordo di confidenzialita” volto ad avviare un confronto finalizzato a valutare possibili forme di integrazione delle reti in fibra ottica di Tim e Open Fiber, anche attraverso operazioni societarie”. L”obiettivo del confronto, prosegue la nota della societa”, e” “verificare la fattibilita” dell”operazione, le relative modalita” ed il perimetro di attivita” oggetto di un possibile accordo, in funzione della volonta” delle parti e del quadro normativo e regolatorio di riferimento”. In esecuzione del suddetto accordo, conclude il comunicato, “le parti si atterranno alla piu” stretta confidenzialita””. Un comunicato light e in fondo generico, scrive MF, ma di cui resta il valore simbolico visto che verra” letto dal mercato come un ulteriore passo importante nella road map che dovrebbe alla fine portare a un”unica infrastruttura di rete. evidente che fra i prodromi dell”accordo si colloca anche la pace (momentanea?) trovata tra i due grandi azionisti di Telecom Italia , ossia Elliott e Vivendi, che potrebbe dare l”accelerata definitiva al processo di aggregazione delle infrastrutture. Sullo sfondo restano pero” le differenti valutazioni dei soggetti coinvolti. 

GOVERNO

L”Europa vuole 7 miliardi dall”Italia per evitare la procedura di infrazione e il governo preleva 1 miliardo dalle riserve di Cassa depositi e prestiti. Lo scrive La Repubblica spiegando che la distanza tra Italia e Ue e” di 3 miliardi. Il premier Giuseppe Conte si presenta in Belgio sventolando il tesoretto di 2 miliardi, congelato nell”ultima manovra, che perla Commissione semplicemente non conta: la richiesta dell”Europa era gia” al netto di quei risparmi. Ci sarebbero i 3 miliardi avanzati dopo sei mesi di reddito di cittadinanza e quota 100, ma anche su quelli Bruxelles chiede una clausola che li garantisca, non la promessa di soldi che si libereranno soltanto a fine anno. E quindi al premier non resta che partire da quel miliardo di extradividendi di Cdp, richiesto in forma straordinaria dal ministro del Tesoro ai vertici della Cassa, con una procedura assolutamente inusuale. Ecco allora che si arriva al numero che divide Roma e Bruxelles: per trattare un accordo, l”Europa chiede di sommare a questo miliardo ballerino e ai 3 dei risparmi futuribili almeno altri 3 miliardi reali, immediatamente utilizzabili per ripianare il rosso. Sette miliardi in tutto, rispetto ai nove di partenza. Senza questa base negoziale, Conte non riuscira” nemmeno a ottenere udienza dai vertici continentali.

GENERALI

-I centri commerciali sono un business redditizio? Se negli Stati Uniti questo settore sta subendo in maniera massiccia la concorrenza dell”online, in Europa forse le cose stanno diversamente. Come dimostra il progetto comune targato Generali e Poste Vita che puntano a creare un polo nel settore. E se in Italia il Leone di Trieste puo” gia” contare sul progetto milanese Citylife (residenziale e commerciale), l”idea e” quella di consolidare una piattaforma continentale di mall e business center. Al punto che la struttura guidata da Aldo Mazzocco, secondo indiscrezioni di mercato raccolte da MF-Milano Finanza, avrebbe valutato finora quasi 70 dossier sia sui mercati dell”Europa Occidentale sia in quelli dell”Est. L”attivita” di scounting e” intensa e non e” detto che si concretizzi con questi numeri. Ma resta il fatto che la nascita di questo polo e” una delle priorita” della compagnia assicurativa guidata da Philippe Donnet. Come dimostra la joint venture avviata con Poste Vita per investire nel business. 

FCA

-Renault e Nissan provano a rinsaldare la loro alleanza, finita in pezzi dopo l”affaire Fca. Due accordi, scrive MF, annunciati ieri lasciano pensare che le due case automobilistiche abbiano siglato, se non la pace, almeno una tregua. Confermando indiscrezioni circolate nei giorni scorsi, anzitutto, Nissan ha accettato di dare un seggio nei nuovi comitati a Dominique Senard e Thierry Bollore”, rispettivamente presidente e ceo di Renault . In cambio il gruppo francese, che controlla il 43,5% del costruttore nipponico, dovrebbe votare a favore della nuova governance di Nissan che sara” presentata all”assemblea dei soci del prossimo 25 giugno. Sempre ieri, poi, Renault e Nissan hanno raggiunto un”intesa esclusiva con Waymo, controllata di Google specializzata nello sviluppo di tecnologie per la guida autonoma. La collaborazione fra i due costruttori e la societa” americana dovrebbe consentire nei prossimi anni di portare auto senza pilota sulle strade di Francia e Giappone. A questo scopo Renault e Nissan creeranno nei due Paesi joint-venture dedicate allo sviluppo della guida autonoma.

DIGITAL MAGICS

Digital Magics EnergyTech, programma di incubazione di Digital Magics, e Terna, società che gestisce la rete elettrica nazionale, hanno selezionato Eggup come PMI vincitrice della Call For Innovation HRR. Digital Magics EnergyTech è un programma di incubazione rivolto alle startup digitali del settore dell’energia. La Call For Innovation HRR – Human Renewable Resouces – premia le migliori startup che si occupano di trasformazione digitale delle risorse umane. Eggup, la società selezionata, aiuta le aziende ad analizzate delle Soft Skill individuali e di team per scoprire e capitalizzare il potenziale umano grazie agli HR Analytics. Il tutto in un’ottica di evoluzione e sviluppo delle risorse umane, per allineare le competenze alla continua evoluzione tecnologica dei processi aziendali.

Crowdfunding.

La Consob ha diffuso l’aggiornamento del regolamento in materia di Equity Crowdfunding. Le novità sono importanti e tali da dare un ulteriore impulso alla crescita del settore. In particolare:

1) sarà possibile anche per le Srl emettere strumenti finanziari per la raccolta di debito. 

2) viene regolato il mercato secondario delle quote di startut e PMI attraverso l’introduzione di una “bacheca elettornica” per la pubblicazione delle manifestazioni di interesse alla compravendita di strumenti finanziari, che siano stati oggetto di offerte concluse con successo nell’ambito di una campagna di crowdfunding.  

Ulteriori dettagli nel corso della giornata dopo che i nostri analisti avrenno esaminato nel dettaglio le nuove norme. 
Nel complesso un contesto èpositivo per Crowdfundgme, l’unioca società quotata nel settore dell’equity crowdfunding in Italia.Si ricorda che la società si è quotata in Borsa a marzo e, dall’inizio della sua attività, ha raccolto 15,7 milioni di euro, per un totale di 7.829 investimenti.
Le campagne concluse con successo sono state 52.

ATLANTIA

La società avrebbe incaricato Goldman Sachs e Mediobanca di studiare la vendita del 30% della controllata Telepass.
Lo riferisce Reuters, che menziona genericamente 5 fonti. 
Secondo due delle fonti, l’obiettivo è una valutazione di due miliardi.  

GO INTERNET

Tra cinque anni il 20% degli abbonamenti mobile globali saranno in 5G, ovvero il 27% in più rispetto alle ipotesi precedenti. È quanto emerge dall’ultimo Mobility report di Ericsson, per il quale gli abbonati 5G nel 2024 saranno 1,9 miliardi, pari a oltre il 20% di tutti gli abbonati mobile. Nel 2024, la copertura rete 5G sarà accessibile al 45% della popolazione mondiale, mentre il 35% del traffico mobile sarà veicolato dalla nuova tecnologia. L’interesse per il 5G costituisce un contesto interessante per GO internet, che detiene le frequenze in banda 3.5 – 3.6 gigahertz, prorogate fino al 2029, su cui viaggerà il 5G.Grazie a un’alleanza con Linkem, la società sta trasformando la propria rete in una rete 5G ready.

Comments are closed.