Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Rumors e news del 29 aprile

ATLANTIA

Il governo italiano ha smentito notizie stampa secondo cui avrebbe tentato di convincere Toto Holding a investire nella compagnia aerea, smorzando quindi le speranze che possa essere presto salvata.La scadenza per prendere parte a un piano per salvare Alitalia è martedì, ha detto vice primo ministro Luigi Di Maio.Il governo non ha ricevuto offerte formali da Atlantia, Toto Holding o altri gruppi.
Si va verso un ritardo alla scadenza del 30 aprile, secondo alcuni giornali della fine settimana, forse anche fino a dopo le elezioni europee. Secondo il Messaggero di domenica Ferrovie dello Stato annuncera’ lunedi che il consorzio per l’offerta non è completo, forzando la mano a concedere un ritardo.Il Sole 24 Ore di domenica sostiene che i commissari di Alitalia sono contrari a qualsiasi ulteriore ritardo, se non 7-10 giorni per elaborare i dettagli, e pronti a dimettersi.

UNICREDIT

Jean Pierre Mustier sta seguendo con grande attenzione l”evoluzione della partita Commerzbank. L”amministratore delegato di Unicredit avrebbe affidato il dossier al suo fidato collaboratore Olivier Khayat, recentemente nominato co-ceo Commercial Banking Western Europe, che nelle ultime settimane si sarebbe spesso recato in Germania per monitorare la situazione e coltivare un”ampia rete di relazioni nell”establishment finanziario. Al lavoro ci sarebbe anche Andrea Maffezzoni, head of strategy e mergers and acquisitions (m&a), riservatissimo regista di molte delle ultime operazioni straordinarie del gruppo. Senza dubbio, scrive Milano Finanza, piazza Gae Aulenti puo” giocare molte carte per aggiudicarsi Commerz, a partire dalla vicinanza ad Allianz , storico azionista presente anche nel capitale della banca di Francoforte con lo 0,6%. Ma la risorsa principale e” probabilmente la tenace volonta” di Mustier che vuole concludere al piu” presto un”aggregazione transnazionale. Per mesi il banchiere ha lavorato intensamente a un”integrazione con Societe Generale , ma l”incertezza politica ha rallentato la trattativa. Il deterioramento del quadro congiunturale, l”aggravarsi del rischio Italia e gli attriti tra Roma e Parigi hanno messo una pesante ipoteca sul progetto che, comunque, non e” stato messo da parte. Oggi insomma l”acquisizione di Commerz toglierebbe Mustier dall”impasse e, al contempo, suonerebbe la sveglia al sistema creditizio italiano. Anche perche”, suggerisce qualche analista, il piano di integrazione potrebbe prevedere quella scissione delle attivita” su cui Unicredit aveva ragionato nei mesi scorsi. Gli asset italiani (costituiti principalmente dal retail) potrebbero essere ceduti, spostando definitivamente il baricentro del gruppo sulla Germania e dando un forte impulso al consolidamento italiano. In molte sale operative si scommette insomma su Mustier e sul suo ruolo di first mover nella partita del risiko bancario. Un attivismo che potrebbe provocare le reazioni di Intesa Sanpaolo. 

Safilo

-Safilo, tra i leader mondiali nel design, produzione e distribuzione di occhiali, ha siglato un accordo di joint venture in Corea del Sud con Parma International, esperto player locale attivo nel settore eyewear e prodotti sportivi, che consentira” lo sviluppo di nuovi canali distributivi unitamente a servizi di marketing e comunicazione digitale. La joint venture tra Safilo e Parma, informa una nota, il cui 51% sara” detenuto da Safilo, avra” sede a Seoul, Corea del Sud, e distribuira” le collezioni eyewear di molti dei marchi nel portafoglio Safilo, con l”obiettivo di espandere la presenza dell”azienda nel mercato. “La Corea del Sud riveste per Safilo un”importanza strategica sia per le potenzialita” del suo mercato interno, sia per il ruolo che riveste in tutto il mondo come trend setter nel design. In questo mercato siamo impegnati a costruire un business solido, profittevole e di lungo termine”, ha commentato Angelo Trocchia, Amministratore Delegato del Gruppo Safilo. “L”esperienza di Parma International nella distribuzione e la conoscenza del mercato wholesale e retail locali ne fanno un partner ideale per sviluppare la nostra strategia di crescita a lungo termine” “Questa partnership e” molto importante per noi. Condividiamo con Safilo la visione e l”approccio di business e sono certo che la creazione di questa joint venture consentira” a entrambi di rafforzarci ed accelerare i nel mercato”, ha aggiunto Sangken Park, Ceo di Parma International. SeeOne, l”attuale distributore Safilo per il mercato coreano, continuera” a gestire la distribuzione di alcuni marchi del portafoglio Safilo. 

ENAV

Gli azionisti di Enav hanno approvato il bilancio della Societa’ per l’ esercizio 2018 e preso visione del bilancio consolidato. 
L’ assemblea ha inoltre deliberato di corrispondere agli azionisti un dividendo pari a 108.240.528,123 euro, equivalente a 0,1998 euro per azione ordinaria, in aumento del 7% rispetto all’ anno precedente. Il pagamento del dividendo avverra’ il 22 maggio 2019, con stacco della cedola fissato il 20 maggio 2019 e record date il 21 maggio 2019. 
Nel 2018 Enav ha registrato ricavi consolidati per 889,7 milioni (+0,9% rispetto al 2017) e ricavi da attivita’ operativa per 924,6 milioni, in aumento del 7,1%, compensati dal meccanismo del balance (che prevede il recupero o la restituzione ai vettori degli effetti derivanti dallo scostamento tra il traffico aereo previsto nel piano tariffario e quello a consuntivo). L’ Ebitda ha riportato un miglioramento del 4,9% a 297,4 milioni mentre l’ utile netto e’ cresciuto del 12,7% a 114,4 milioni. 
L’ Ebit e’ cresciuto del 12% a 164,4 milioni, il risultato netto del 12,7% a 114,4 milioni mentre l’ indebitamento finanziario netto al 31 dicembre ammonta a 1,9 milioni. 
L’ Assemblea ha nominato il Collegio Sindacale per il triennio 2019-2021, ha reintegrato il Cda e nominato Nicola Maione nella qualita’ di presidente del Cda.

PIERREL

Pierrel Pharma, interamente controllata da Pierrel, ha ricevuto l’ autorizzazione alla commercializzazione dell’ Articaina Pierrel (Orabloc) in Indonesia. 
Il via libera giunge a soli dodici mesi dall’ avvio del processo registrativo dell’ anestetico dentale di punta by Pierrel e della fornitura di Lidocaina (anestetico dentale) destinato a tutti gli ospedali pubblici del Paese. 
“La registrazione del nostro prodotto Orabloc in Indonesia – sottolinea Fabio Velotti, amministratore unico di Pierrel Pharma – rappresenta un passo fondamentale per la strategia del Gruppo volta all’ incremento dei margini attraverso lo sviluppo commerciale del nostro prodotto in mercati, come quello indonesiano, caratterizzati da un livello competitivo meno serrato ed un potenziale di crescita, in termini di volumi, significativo”. 
L’ Indonesia si aggiunge agli altri grandi Paesi come Usa e Canada, Russia e ad altri sette Paesi Europei, ai cinque Paesi EMA (European Medicine Agency), al Sudan, all’ Azerbaigian e a Taiwan nel Far East, in cui Pierrel gia’ commercializza i propri prodotti e ai quali si aggiungeranno gli ulteriori 23 Paesi in cui la Societa’ e’ attualmente impegnata nel processo di registrazione del proprio anestetico Orabloc. 
Pierrel commercializza attualmente oltre 32 referenze prodotto in 17 diversi paesi ed e’ in procinto di aggiungere ulteriori 30 referenze nei nuovi paesi dove  sono in corso le procedure autorizzative.

CIR , COFIDE ,GEDI 


CIR si fonderà con Cofide senza cedere asset come Sogefi, KOS e la partecipazione nel gruppo editoriale Gedi, il presidente di CIR e Cofide Rodolfo De Benedetti ha detto al Sole 24 Ore sabato. Ha detto di essere felice dei rapporti con Exor, altra azionista in Gedi.

GAMENET

L’assemblea degli azionisti di Gamenet ha approvato il bilancio al 31 dicembre 2018 e preso visione del bilancio consolidato 2018. 
I soci hanno altresi’ approvato la distribuzione di un dividendo di 0,65 euro per azione (0,60 euro nel precedente esercizio), che sara’ messo in pagamento il prossimo 8 maggio, con stacco cedola il 6 maggio e record date il 7 maggio. 
E’ stato nominato inoltre il nuovo Cda che rimarra’ in carica fino all’approvazione del bilancio di esercizio 2021, cmposto da Claudia Ricchetti, Laura Ciambellotti, Gugliemo Angelozzi, Marco Conte, Giacinto D’Onofrio, Vittorio Pignatti, Giacomo Pignatti, Paolo Agrifoglio e Nikolaos Nikolakopoulos. 
L’assemblea degli azionisti ha autorizzato infine il Cda all’acquisto e disposizione di azioni proprie al fine di sostenere la liquidita’ del titolo, in modo da regolarizzare l’andamento delle negoziazioni e adempiere ad obblighi derivanti dai piani di incentivazione azionaria. L’autorizzazione all’acquisto di azioni proprie ha ad oggetto un numero massimo di 600.000 azioni, pari al 2% del capitale sociale, per un importo massimo di 6 milioni.

GRIFAL

Grifal ha reso noto che il Ministero per lo Sviluppo Economico ha formalizzato il riconoscimento del credito d’imposta a fronte dei costi sostenuti durante il percorso di Ipo, per l’ammontare massimo di 500 mila euro. 
Il credito verra’ utilizzato ai sensi di legge in compensazione con altri tributi dovuti dalla societa’.

BANCA CARIGE 

Il piano di BlackRock per Carige riflette quello dei tre commissari della banca presentato a fine febbraio – licenziamenti volontari di 1.050 e focus su retail e private banking, rafforzando la divisione Cesare Ponti, dice La Repubblica sabato.

ESSILORLUXOTTICA 

Due anni fa, al momento della definizione dell”accordo che ha portato alla creazione del leader mondiale dell”occhialeria, neppure un navigato industriale come lui avrebbe potuto prevedere un simile scenario. Anche perche”, Leonardo Del Vecchio, a differenza di altri imprenditori ha sempre giocato la carta dei contanti, delle (enormi) disponibilita” finanziarie. Un modus operandi che lo accosta ai Ferrero, i piu” ricchi d”Italia (22 miliardi di dollari di patrimonio), che come noto fanno acquisizioni, anche miliardarie, esclusivamente in cash. Ma oggi, si legge su Milano Finanza, sbrogliare la matassa EssilorLuxottica (o Essilux), il colosso da 47 miliardi di euro di capitalizzazione e 156mila dipendenti, non e” facile. Lo ha capito anche l”ex Martinitt, arrivato alla soglia degli 84 anni (e” nato a Milano il 22 maggio del 1935) a combattere l”ennesima battaglia della sua vita professionale e personale. Perche” quel matrimonio d”affari che pareva aver fatto felici tutti sta mostrando gia” le prime, dure, profonde crepe. Tutto ruota attorno alla governance e ai pesi in consiglio d”amministrazione e nella stanza dei bottoni. Il tutto in un contesto di storiche tensioni geo-politiche tra Italia e Francia. Paese, quest”ultimo, abituato a fare shopping a mani basse e a comandare sul mercato italiano – banche, energia, alimentare, moda e cosi” via -, senza pero” cedere mai nulla, tantomeno il passo, quando le operazioni con i poco amati cugini italiani sono paritetiche (vedere il caso Fincantieri -Stx). O, come in questo caso specifico, quando da Milano parte, alla carica, un facoltoso e riconosciuto imprenditore deciso a comandare o imporre la sua linea. .

FIAT CHRYSLER 

Fiat Chrysler sta contattando due manager per sostituire il capo da lungo tempo del Powerchain, ha riferito Bloomberg.

BIALETTI

Bialetti ha comunicato che il Tribunale di Brescia ha omologato l’accordo di ristrutturazione della societa’ stretto con alcuni fondi gestiti da Och-Ziff Capital Investments, veicolo di cartolarizzazione del credito Moka Bean, e le banche finanziatrici. 
L’accordo prevede inoltre l’emissione, entro il 31 dicembre, di un nuovo prestito obbligazionario non convertibile senior di durata quinquennale in favore dei fondi gestiti da Och-Ziff. 
L’ammontare complessivo dei bond sara’ pari a 35 milioni, qualora venga esercitato il rimborso anticipato dei due bond ad interim gia’ emessi, o a 8 milioni in caso venga esercitata l’opzione di estensione. 
Contestualmente, e’ prevista la corresponsione da parte di Moka Bean dei crediti vantati da Bialetti a favore delle banche cedenti per complessivi 7,6 milioni e la rinuncia a una porzione del credito pari a 6,1 milioni.

ITALGAS 

italgas ha sottoscritto con State Grid Corporation of China, la piu’ grande utility energetica al mondo, un protocollo d’ intesa per valutare possibili iniziative congiunte nel settore della distribuzione del gas naturale. 
Le iniziative allo studio riguardano, tra le altre, la condivisione reciproca di conoscenze e metodi applicati al settore energetico, l’ approfondimento delle rispettive best practice in materia di sviluppo sostenibile, la promozione in Cina delle aziende italiane piu’ innovative che operano nel settore della distribuzione del gas naturale, l’ analisi per aree di interesse volta a individuare potenziali opportunita’ di collaborazione nel settore della distribuzione del gas e nel suo utilizzo per una mobilita’ sostenibile.

PORTALE DI SARDEGNA

Il Cda di Portale Sardegna ha approvato i dati di bilancio al 31 dicembre 2018. 
Si segnala che, trattandosi del primo bilancio consolidato, i dati economici e patrimoniali 2018 non sono confrontabili con il 2017 a parita’ di perimetro societario. 
Il valore della produzione e’ pari a 11 milioni, rispetto ai 5,8 milioni di Portale Sardegna stand alone nel 2017. 
L’ Ebitda si e’ attestato a 0,7 milioni rispetto ai 0,3 milioni di Portale Sardegna stand alone nel 2017. 
L’ Ebit e’ pari a 0,1 milioni, dopo ammortamenti e svalutazioni per 0,6 milioni. 
Il risultato netto si e’ fissato a -0,1 milioni, valore dettato principalmente da perdite straordinarie su crediti per 0,1 milioni della controllata Royal Travel Jet Sardegna e dall’ ammortamento sul Goodwill di Royal Travel Jet che pesa 0,1 milioni. 
La posizione finanziaria netta e’ pari a 1,7 milioni; non e’ possibile fare un confronto con la 
relazione consolidata al 30 giungo 2018 in quanto il perimetro delle societa’ consolidate e’ differente. 

Comments are closed.