Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Rumors e news del 6 maggio

TRUMP

Il presidente degli Stati Uniti ha minacciato un incremento.Trump ha annunciato che i dazi su 200 miliardi di dollari di beni venerdì saliranno al 25%, ribaltando la decisione presa a febbraio di mantenerli al 10% grazie ai progressi dei negoziati tra le due parti.Il presidente ha anche detto che punta “a breve” a imporre tariffe del 25% su ulteriori 325 miliardi di dollari di beni cinesi, coprendo in pratica tutti i prodotti importati negli Usa dalla Cina.A Pechino l’hanno presa malissimo, anche perché l’uscita della Casa Bianca è arrivata il giorno dopo il 4 maggio, giornata dell’orgoglio nazionalista cinese nella quale si ricordano le proteste studentesche del 1919, atto di inizio dell’attività politica di molti dirigenti del futuro partito comunista cinese. Il Wall Street Journal ha scritto ieri che la Cina starebbe valutando la possibilità di interrompere il negoziato, destinato a riaprirsi mercoledì a Washington, con quella che fino a poche ore fa veniva considerata solo l’ultima formalità prima della cerimonia della firma. La delegazione dei negoziatori cinese potrebbe  restare a casa.

FIAT-CHRYSLER 

\Punta sui nuovi modelli di pickup negli Usa per raggiungere gli obiettivi 2019 e compensare la debole performance dei conti nel primo trimestre, col titolo che a Piazza Affari ha risposto alle rassicurazione del Ceo con un rialzo del 4,6%.

GENERALI ASS.

“Il piano Generali 2021 parte con un nuovo cda che, non a caso, e” in buona misura quello che lo ha approvato. E” una convergenza importante di fattori. Un elemento di garanzia, spinta e fiducia”. Lo ha detto a La Stampa il presidente del Leone, Gabriele Galateri di Genola, alla vigilia dell”assemblea degli azionisti chiamata a rinnovare i vertici del gruppo. Il funzionamento della governance di Generali, ha proseguito, “e” ottimale, per meccanismi e regolamentazione. Se mi chiedesse quale potra” essere il prossimo miglioramento ammetto di non avere una risposta”. Quanto alla richiesta avanzata da Francesco Gaetano Caltagirone di avere un rappresentante di Benetton nel cda, “le regole sono quelle che sono e non sempre si possono soddisfare tutti -ha precisato Galateri- Gli azionisti sono ben rappresentati in consiglio, pero” non essendo noi a formare le liste, non spetta a me fare commenti. Resta che ci sono comunque modi e momenti per una societa” e i suoi soci di confronto, e opportunita” di interazione strutturata e regolare”. In merito alla possibilita” di costituire un patto tra i soci, Galateri ha risposto che si tratta di “una questione che riguarda gli azionisti. Personalmente, mi fa piacere l`assetto di governance che il gruppo ha oggi. Siamo in sostanza una public company con 230mila azionisti, mentre l`interazione con alcuni di loro nell`ambito del consiglio e” positiva. un po” il meglio di tutti i mondi”. Parlando del 2018, “e” stato l”anno che ha dimostrato la nostra affidabilita” perche” sono stati superati gli obiettivi posti col piano al 2018 e ne e” stato presentato uno nuovo che ha ricevuto un forte apprezzamento del mercato, basti guardare all”andamento del titolo”. Quanto all”eventualita” che Generali sia coinvolta in un possibile risiko europeo, il presidente del Leone ha precisato che “non credo che ci siano grosse sinergie nelle grandi fusioni a livello globale nel mondo delle assicurazioni. vero che questo e” un mondo che richiede pesanti investimenti, ma lo e” anche che si tratta di un universo dove il “locale” assume un`importante rilevanza. La dimensione, sino a un certo livello e” positiva. Poi lo e” meno. Vogliamo essere i migliori, non i piu” grandi”

ALFIO BARDOLLA

Alfio Bardolla Training Group annuncia il lancio della piattaforma ‘ Real Estate Pro’ , un software online costruito per velocizzare e agevolare le attivita’ dell’ investitore immobiliare. 
Il prodotto si inserisce all’interno di un percorso di sviluppo di contenuti digitali a supporto dell’investitore e del cliente, un’ area dove attualmente non esistono competitor sul mercato italiano. 
Si tratta quindi un tool unico nel suo genere: attraverso il software l’ utente potra’ fruire di tutta una serie di funzioni in genere time consuming per l’ investitore. 
Il software infatti permette: Di ridurre drasticamente il tempo dedicato alla selezione delle operazioni immobiliari con uno scan rapido del mercato 
Di importare automaticamente gli annunci immobiliari dai principali portali online 
Di condividere le informazioni con il proprio team di lavoro, oltre a gestire la todo list per team sincronizzandola con il proprio calendario. 
Di creare un conto economico affidabile senza utilizzare Excel, mantenendo informazioni e documentazioni in un unico spazio di lavoro. A cio’ si aggiungono anche la possibilita’ di determinare velocemente ROI e Street Price delle operazioni. 
Dalla commercializzazione di questo prodotto sono attesi nel 2019 ricavi per 200.000 euro. 
Federica Parigi, Chief Operating Officer di Alfio Bardolla Training Group, ha cosi’ commentato: ‘ Il prodotto, che verra’ venduto direttamente da ABTG e inizialmente solo sul mercato italiano, e’ stato sviluppato in collaborazione con investitori immobiliari professionisti per velocizzare innanzitutto la propria attivita’, ed organizzarla intorno ad un unico entry point che permetta di accedere sempre a documenti, conti economici, informazioni catastali’ . 
E ha aggiunto: ‘ Real Estate Pro vuole essere contemporaneamente un software di analisi di investimenti immobiliari, un software di gestione del proprio team e delle attivita’ della propria squadra e uno strumento di analisi dei reali prezzi di mercato.’

BREMBO 

La società ha annunciato che Daniele Schillaci è stato nominato nuovo Amministratore Delegato a partire dal prossimo 1° luglio. Sostituirà Andrea Abbati Marescotti, che ha comunicato alla società la decisione di rinunciare alle deleghe e alla carica con effetto dal prossimo 30 giugno per perseguire nuovi progetti e attività. La novità scalda ulteriormente il tema M&A.  Il presidente Alberto Bombassei ha dichiarato a inizio aprile a Il Sole 24 Ore di essere disponibile a scendere sotto il 50% diluendo la sua quota nell’ipotesi di un progetto di aggregazione. Attualmente controlla il 53,5% direttamente, il 2,6% è posseduto dalla stessa società per effetto del buy back. 

Il consenso Bloomberg aggiornato vede 3 raccomandazioni di acquisto su un totale di 9 pareri raccolti. Target medio 11,60 euro. 

NOTORIUS P.

-Notorious Pictures ha avviato le riprese di “Love Wedding Repeat”, una co-produzione internazionale con Tempo Productions Ltd, operatore di riferimento per la produzione cinematografica in UK, fondata da Piers Tempest e Jo Bamford, attiva nella realizzazione di film indipendenti a livello internazionale. “Love Wedding Repeat”, spiega una nota del gruppo, e” una commedia tra “Sliding Doors” e “Quattro matrimoni e un funerale”, ambientata nei dintorni di Roma, nella Villa Parisi di Frascati, una delle dodici Ville Tuscolane. Il film racconta la storia di alcuni ospiti inglesi e americani durante un matrimonio a Roma e di come un dettaglio apparentemente insignificante quale puo” essere il posto in cui ti ritrovi seduto ad un matrimonio, piuttosto che un altro, possa avere un impatto enorme e definitivo sul destino della vita. La regia e” affidata a Dean Craig, sceneggiatore di Funeral Party e Tre uomini e una pecora, al primo esordio dopo aver lavorato al fianco di registi quali Frank Oz, Neil Labute, Stephan Elliott e Marc Forster. Il cast e” composto da: Sam Claflin (Hunger Games saga, Io prima di te, Resta con me), Oliva Munn (XMen: Apocalisse, Ocean”s 8, La festa prima delle feste) e Freida Pinto (The Millionaire, L”alba del pianeta delle scimmie). Guglielmo Marchetti, presidente e a.d. della societa”, ha dichiarato: “Prosegue con successo la nostra attivita” di coproduzione internazionale: abbiamo dato il via alle riprese del film con un cast internazionale a Roma in una delle location piu” belle d”Italia. Tempo Productions e” il nostro partner per questa collaborazione strategica fondata su una visione cinematografica e commerciale condivisa”. Piers Tempest, cofondatore di Tempo Productions, ha cosi” commentato: “Stiamo sviluppando questo progetto gia” da un po” di tempo con Notorious Pictures e siamo lieti che le riprese siano iniziate con un cast cosi” meraviglioso – il progetto e” molto divertente, e siamo fiduciosi che il pubblico lo amera” tanto quanto noi”.

ATLANTIA 

Venerdi’ Autostrade per l’ Italia (Gruppo Atlantia) “ha fornito riscontro, nei termini indicati dal Ministero delle Infrastrutture, alle richieste di chiarimenti formulate dal Concedente” in merito al crollo del ponte di Genova, “ribadendo nel documento la correttezza del proprio operato e reiterando le riserve ed eccezioni gia’ rappresentate in merito al procedimento avviato”. 
Infine, si legge nella nota diffusa dal Gruppo, “la Societa’ concessionaria si e’ resa disponibile ad ulteriori approfondimenti che dovessero essere richiesti”..

INTESA

La conferma di Giovanni Bazoli rappresenta il piu” forte elemento di continuita” del rinnovo appena varato in Intesa Sanpaolo . Una continuita” voluta non solo dagli azionisti storici e dal top management, ma anche dai soci istituzionali che in assemblea hanno garantito pieno appoggio al gruppo dirigente. Anche se le redini della banca sono saldamente nelle mani del fidato Carlo Messina, non c”e” dubbio che Bazoli rappresenti ancora un elemento di stabilita” della corporate governance e un punto di riferimento per molti manager all”interno e all”esterno del gruppo. La capacita” di scegliere le figure professionali giuste a cui affidare la gestione della banca e” stata del resto una sua dote distintiva. Una dote che ha favorito l”affermazione di banchieri come Messina, Corrado Passera e Gaetano Micciche”, ma anche di un”ampia schiera di dirigenti molti dei quali sono ancora ai vertici di Intesa Sanpaolo . Tra questi c”e” Paolo Grandi, l”attuale chief governance officer della banca. Milanese, classe 1954, Grandi ha una carriera tutta interna al mondo Cariplo. Un percorso che gli ha consentito di costruire salde alleanze con il management e gli stakeholder del gruppo. Se il rapporto con gli amministratori delegati e” sempre stato di reciproca stima, Grandi ha saputo soprattutto costruire relazioni eccellenti con gli azionisti di riferimento, a partire dalle fondazioni. Soprattutto da quando, nel maggio 2013, e” diventato chief governance officer il banchiere rappresenta infatti il trait d”union tra management e stakeholder. Una dialettica gestita grazie agli ottimi rapporti con Giuseppe Guzzetti, Luca Remmert, Francesco Profumo e Antonio Finotti, presidenti delle fondazioni Cariplo, Compagnia di Sanpaolo e Cariparo (in quest”ultima Finotti e” stato sostituito nei mesi scorsi da Gilberto Muraro).

ALITALIA

– Il ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, ha autorizzato la proroga per la presentazione di un’offerta definita e vincolante al 15 giugno.Di Maio ha detto a Rai 3 che non c’e’ alcuna “formalizzazione” di una eventuale partecipazione di Atlantia in Alitalia. Ha aggiunto: “Se ci sono concessionari (autostradali) che vogliono entrare (nel capitale di Alitalia) non si possono illudere di comprare dal governo il silenzio sulla questione Morandi.”

PHARMANUTRA

PharmaNutra ha siglato due nuovi accordi relativi alla distribuzione all’estero della linea di prodotti Cetilar, la crema a rapido assorbimento ideale per ridurre la sintomatologia dolorosa di articolazioni e di muscoli dovuta a traumi. 
Il primo di questi accordi e’ stato raggiunto con la societa’ turca Bio Gen Ilac e riguarda la distribuzione del prodotto in Turchia e in Romania, due mercati in cui l’azienda toscana e’ gia’ presente con il proprio innovativo Ferro Sucrosomiale a marchio Sideral. 
Il secondo accordo e’ stato siglato con la multinazionale del biotech taiwanese TTY Biopharm per la distribuzione del Cetilar in Taiwan. 
Tale nuova partnership rientra nell’ambito dei consolidati rapporti con American Taiwan Biopharm, societa’ affiliata alla stessa TTY Biopharm Limited, che ha l’esclusiva per la commercializzazione della linea di prodotti a base di Esteri Cetilati in Thailandia. 
Suddetti nuovi accordi rafforzano ulteriormente la presenza internazionale del brand Cetilar e seguono le intese firmate recentemente per la sua distribuzione in Israele, Thailandia, Austria, Svezia e Norvegia. 
Andrea Lacorte, presidente di Pharmanutra, ha affermato: “La linea di prodotti Cetilar continua a crescere costantemente e a conquistare nuovi mercati, il segno evidente e tangibile della validita’ scientifica del nostro brevetto e della straordinaria efficacia del prodotto. Stiamo vivendo un processo di espansione che mese dopo mese continua a regalarci soddisfazioni, in mercati in cui non sempre e’ facile entrare”.

CARIGE 

Lunedì si riunisce il consiglio di gestione dello Schema Volontario Fitd per discutere sulla conversione del bond subordinato nell’ambito del piano di salvataggio della banca genovese, secondo quattro fonti a conoscenza della vicenda

EDISON

Per il 2019 conferma una stima di Ebitda in un intervallo compreso tra i 720 e i 780 milioni di euro, senza eventuali nuove operazioni di M&A. Edison ha chiuso il primo trimestre 2019 con ricavi di vendita in crescita del 3,8% a 
2,51 miliardi dai 2,42 miliardi dello stesso periodo del 2018. 
L’Ebitda e l’Ebit sono saliti del 26,9% a 255 milioni e del 57,9% a 150 milioni. 
Il periodo in esame si e’ chiuso con utile netto di 79 milioni rispetto ai 42 milioni di euro registrati nello stesso periodo del 2018. 
Sul fronte patrimoniale l’ indebitamento finanziario netto e’ aumentato a 615 milioni rispetto ai 416 milioni a fine 2018. 

TELECOM ITALIA 
Secondo quanto riportato domenica da Repubblica, gli advisor di Tim suggerirebbero una fusione per incorporazione di Open Fiber in Telecom, idea che potrebbe avere l’appoggio di Vivendi, Elliott e Cdp. 

PRISMI

Wellnet, controllata di Prismi, ha lanciato un nuovo prodotto. Si tratta di un’applicazione per assistenti vocali realizzata per MediaWorld, la catena tedesca di elettrodomestici. L’applicazione, attraverso programmi di assistenza vocale come Google Assistant e Amazon Alexa, fornisce ai clienti tutte le informazioni sui punti vendita della catena, come gli orari di apertura e l’ubicazione. Per attivare l’applicazione sono sufficienti i comandi vocali, come “Apri MediaWorld” o “Fammi parlare con Mediaworld” 
Il sistema è stato elaborato in modo da rendere più “umana” possobile  l’interazione con l’utente, specifica la società. A questo fine, durante la fase di progettazione sono stati considerati diversi elementi, come il tono della voce, le keyword digitate, la user experience.

Comments are closed.