Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Rating del 14 Ottobre

TELECOM

Equita Sim conferma su Tim la raccomandazione buy e il prezzo obiettivo a 0,62 euro dopo aver partecipato a un roadshow con il gruppo. Gli analisti evidenziano che “il deleverage rappresenta chiaramente la priorita” dell”azienda. La societa” ha confermato 1 mld di riduzione del debito entro l”anno e altri 2 mld nella prima parte del 2020 (probabilmente nel 1* trimestre 2020) grazie a Inwit e Consumer Credit”. Per quanto riguarda il Brasile, proseguono gli esperti, “Tim potrebbe guardare alle attivita” mobili di Oi, ma non e” interessata al fisso o all”intera societa”. Il deal deve essere auto-finanziato da Tim Brazil”. Su Open Fiber, prosegue la casa d”affari, “sembra esserci un consenso politico alla costituzione di un”unica rete”. I target sul taglio dei costi sono confermati e dovrebbero essere piu” visibili dal 4* trimestre 2019, prosegue Equita Sim, aggiungendo che nel complesso ha avuto “impressioni positive sulla fattibilita” del deal Open Fiber e sull”opzionalita” offerta dal Brasile e da altri progetti inorganici. Nonostante un 3* trimestre atteso ancora debole come Ebitda domestico, la visibilita” su un percorso di stabilizzazione nel 4* trimestre dovrebbe migliorare”.

AZIONI UE

In un report sulla strategia globale JPMorgan dichiara che l”azionario dell”Eurozona trarra” benefici dal possibile accordo sulla Brexit. Gli analisti confermano quindi la raccomandazione overweight sui titoli del Vecchio Continente che sono “estremamente sottovalutati”. Gli esperti evidenziano che l”Europa ha sottoperformato l”America del 25% negli ultimi 18 mesi.

TENARIS

Stamattina tre broker sono intervenuti sul titolo tagliando il target price. Nel dettaglio:
Equita ha confermato la raccomandazione Hold, riducendo il target price a 12 euro da 13,0 euro precedente.
Kepler ha confermato il Buy, ma ha abbassato il prezzo obiettivo a 12 euro da 13,50 euro.
Mediobanca ha tagliato la raccomandazione a Neutral da Outperform, target a 11 euro da 14,20 euro 

Il consenso Bloomberg aggiornato registra 12 Buy, 6 Neutral, 2 Sell. Target medio 13,40 euro. 

ENI

Kepler Cheuvreux ha abbassato il prezzo obiettivo su Eni da 19 a 18 euro, confermando la raccomandazione buy. Gli esperti hanno ridotto le stime di Eps del 17,5% sul 2019 e dell”11,8% sul 2020 per tener conto di previsioni piu” basse sul prezzo del petrolio e del gas naturale per i due esercizi.

Equita Sim ha abbassato il prezzo obiettivo su Eni da 20 a 19 euro, confermando la raccomandazione buy. “Riduciamo le stime di Eps 2019 del 14% incorporando uno scenario di prezzo degli idrocarburi meno favorevole nel secondo semestre”, spiegano gli analisti. Sul 2020 le stime sono limate dell”1% e la previsione sul Brent e” “ancora pari a 75 usd/barile, uno scenario che” gli esperti ritengono “abbastanza ottimista, data la progressiva debolezza della domanda, ma che potrebbe essere possibile in caso di ulteriori tagli Opec e l`inasprirsi delle problematiche produttive legate ad un clima geopolitico surriscaldato. Gli eventi destabilizzanti in quasi tutta l`area mediorientale sono stati recentemente in aumento (Arabia Saudita, Yemen, Iraq, Iran, Turchia, Siria) e un”eventuale ulteriore escalation avrebbe effetti materiali sui prezzi del greggio”.

PIAGGIO

 Banca Akros – che sul titolo ha un rating neutral e un target price a 3,15 euro – cita il calo delle vendite in India a settembre, spiegando che negli ultimi mesi l”incertezza sulla tassazione ha influenzato in modo negativo le decisioni di acquisto dei consumatori. Ora che il problema si e” risolto, dal momento che il Governo indiano ha annunciato una serie di misure, incluso il taglio al tax rate per le imprese per sostenere la crescita economica, la situazione dovrebbe migliorare, concludono gli esperti.

GEDI

la Romed di Carlo De Benedetti ha presentato a Cir un”offerta per il 29,9% di Gedi a 0,25 euro per azione. Cir ha definito la proposta non sollecitata ne” concordata “manifestamente irricevibile”. Banca Akros conferma su Gedi la raccomandazione buy e il prezzo obiettivo a 0,4 euro evidenziando che l”offerta non implica alcun premio rispetto ai prezzi di Borsa del titolo. Comunque, prosegue la casa d”affari, Gedi resta “in gioco” e “si spera che possano raffiorare altre corporate action”.

SAIPEM

Mediobanca Securities ha alzato la raccomandazione su Saipem da neutral a outperform, con prezzo obiettivo alzato da 4,6 a 6,5 euro. Per gli esperti la serie di nuove aggiudicazioni di contratti ha migliorato in modo sostanziale l”outlook degli utili. Le stime di Ebitda 2019-2020 salgono dell”11-14%. Al momento Saipem in Borsa cede l”1,24% a 4,128 euro in un contesto negativo per il comparto oil e oil service ).

INTESA

-Intesa Sanpaolo cede lo 0,64% a 2,172 euro dopo che Banca Akros ha abbassato la raccomandazione del titolo ad accumulate da buy, con prezzo obiettivo che resta fissato a 2,5 euro. Gli analisti hanno tagliato il rating considerando la corsa dell”azione degli ultimi mesi (Intesa Sanpaolo valeva circa 1,8 euro a meta” agosto). Gli esperti evidenziano poi che la banca approvera” i risultati del terzo trimestre il 5 novembre: la casa d”affari stima nei tre mesi ricavi pari a 4,224 mld euro (-1,1% a/a), costi operativi per 2,204 mld euro (-4,4% a/a) e un utile netto di 927 mln euro (+11,3% a/a).

INDEL B.

Banca Imi ha confermato su Indel B. il rating hold tagliando il target price a 28,9 euro da 34,3 euro. Dati lo scenario macroeconomico “incerto e l”instabilita” dei mercati di riferimento, la societa” ha segnalato una leggera contrazione dei ricavi nel 2020, con una ripresa prevista dal 2021″, spiega Imi. Gli esperti hanno quindi rivisto al ribasso le proprie stime per il prossimo anno in linea con la guidance del management, ma continuano a vedere un potenziale per l”azienda, incluse operazioni di M&A. 

SESA

Sesa, societa” che opera nel campo delle soluzioni IT a valore aggiunto per il segmento business, segna un +0,5% a 40 euro. In un approfondimento di stampa del fine settimana viene evidenziato che la crescita organica e l”M&A restano fattori strategici per il raggiungimento degli obiettivi di medio termine del gruppo. Banca Imi (buy, Tp 48,3 euro) nel complesso conferma la propria visione positiva sul titolo dal momento che continua ad apprezzare “il posizionamento competitivo unico dell”azienda”.

FERRAGAMO

Societe Generale ha abbassato il prezzo obiettivo su S.Ferragamo da 21 a 17 euro, confermando la raccomandazione hold. Gli analisti si aspettano che il terzo trimestre sia stato debole, “esacerbando l”incertezza sulla ristrutturazione”. In questo contesto, spiegano gli esperti, la valutazione del titolo e” “cara”. Le stime di Eps scendono in media del 16% circa per il 2019-2020.

Comments are closed.