Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

Rating del 20 giugno

TELECOM

Equita Sim, che sul titolo ha una raccomandazione buy con prezzo obiettivo a 0,60 euro, cita le indiscrezioni di stampa di ieri “relative a un possibile accordo tra Vivendi ed Elliott sulla governance del gruppo, senza aggiungere nuovi elementi di interesse. Le discussioni sono incentrate sul possibile rimpasto del Cda chiesto da Vivendi. Amos Genish viene dato per certo in uscita e Vivendi chiederebbe anche un passo indietro da parte del presidente Conti. Non sembra di cogliere dagli articoli che il compromesso sia stato raggiunto e quindi le richieste di Vivendi possono costituire ancora un ostacolo al deal con Open Fiber. Ricordiamo infatti che Vivendi ha un potere di veto di fatto nell`assemblea straordinaria che sarebbe chiamata a emettere nuove azioni Tim in cambio della quota di OF. Un accordo sul ricambio del Cda sarebbe una notizia positiva sul titolo in quanto sarebbe un segnale di via libera da Vivendi all`operazione OF, che riteniamo positiva per il titolo su valutazioni di OF (Equity) nel range 1,3-1,8 mld. Implicito un premio del 20% sul capitale investito di OF”

FIERA DI MILANO

Da inizio anno +15%. La società ha ottenuto un giudizio positivo da Equita, che ha confermato il giudizio Buy, con target price pari a 5,40 euro. L’upside, il potenziale di crescita del titolo, si attesta al 40% circa. 
Bloomberg registra sul titolo 3 Buy, target price medio 5,40 euro.FCA

FCA

Morgan Stanley ha limato il prezzo obiettivo su Fca da 21 a 19 euro, confermando la raccomandazione overweight. Il titolo resta Top Pick degli analisti. Il prezzo obiettivo, spiegano gli esperti, scende per tener conto di un aggiustamento della metodologia di valutazione. 

ERG

L”agenzia di rating Fitch ha confermato per Erg un Long Term Issuer Default Rating di BBB- con outlook stabile ed un senior unsecured rating di BBB-. Una conferma che, spiega una nota, riflette anzitutto la solidita” del portafoglio di asset del Gruppo, prevalentemente green, con un contributo delle attivita” quasi-regolate pari al 70% dell”Ebitda consolidato in tutto l”arco di piano ed un quadro normativo stabile. Il rating tiene conto inoltre degli obiettivi di crescita di Erg, nell”ambito di una strategia finanziaria chiara, che prevede un limite massimo fino a 3 volte del rapporto debito netto/Ebitda.

OVS

-Equita Sim ha confermato il giudizio hold su Ovs e il prezzo obiettivo a 1,6 euro. I risultati del primo trimestre 2019, commentano gli esperti, sono stati “sostanzialmente in linea con le nostre aspettative”, con ricavi a 317,7 mln euro a/a (317 mln stimati). I numeri dei primi tre mesi dell”anno di Ovs hanno poi confermato le “difficolta” del presente contesto di mercato, con una crescita organica negativa, parzialmente mitigata da nuovi negozi a gestione diretta e dal franchising”, spiega Equita. 

KERING

Stamattina gli analisti di Citigroup consigliano di acquistare il titolo per approfittare della sottoperformance accumulata da inizio anno rispetto ai competitor. Il gruppo del lusso francese che tra i suoi marchi contempla, Gucci, Yves Saint Laurent,  Balenciaga e Bottega Veneta, da inizio anno guadagna il 23% contro un performance quasi doppia di Lvmh +42%. Negli ultimi 12 mesi ha guadagnato solo il 2%. Citigroup ha mantenuto invariato le stime, sostenute dalla forte crescita del marchio Gucci, che pesa il 63% dei ricavi dell’intero gruppo. I numeri di Kearing potrebbero inoltre approfittare del rilancio di Bottega Veneta.Il consensus Bloomberg vede 23 raccomandazioni Buy (acquistare il titolo) 5 Hold (mantenere il titolo in portafoglio) e solo 1 sell (vendere). Il target price medio è fissato a 558,43 euro, il 9,8% sotto le attuali quotazioni. 

SIT

Ubi Banca ha tagliato il target price di Sit a 9,92 euro da 11,55 euro. Il giudizio resta confermato a buy. Sit ha riportato risultati del primo trimestre “deludenti”, commentano gli esperti, anche se e” apparso evidente che la societa” e” stata capace di mantenere l”efficacia delle proprie spese per investimenti. Sit ha poi confermato il suo outlook su ricavi “piatti” e un Ebitda margin “stabile”, cosa che “ci ha spinto a limare le nostre stime, riducendo leggermente l”Ebitda margin e aumentando i costi di ammortamenti e deprezzamenti”, spiegano gli analisti. Nel complesso, l”impatto negativo sull”utile netto 2019-2021 e” in media del 20%.

Comments are closed.