Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

RATING DEL 20 MAGGIO

UNICREDIT

Stamattina Goldman Sachs ha rafforzato il giudizio Buy, ritoccando il target price da 11,20 a 11,30 euro. L’upside potenziale rispetto alla chiusura di ieri supera il +50%.Il consenso raccolto da Bloomberg registra: 25 Buy, 4 Neutral, 0 Sell. Target medio 16,10 euro.

INTESA

Redburn conferma Intesa Sanpaolo quale sua top pick tra le banche dell”Eurozona, con rating buy. Secondo gli esperti la banca e” meglio posizionata rispetto ai peer per affrontare la crisi globale scatenata dal Covid-19 e il titolo scambia a una valutazione interessante. Redburn cita il “solido business e i sani ratio di capitale”, oltre al “ben diversificato banking mix”. Per gli analisti la sovraperformance dell”azione continuera” grazie alla forza del suo bilancio e alla resilienza mostrata dal conto economico nel primo trimestre. “Crediamo che i ricavi possano continuare a salire al 2-3% l”anno”, aggiungono gli esperti, che vedono poi spazio per ridurre i costi ulteriormente.

POSTE

Equita Sim ha ridotto il prezzo obiettivo su Poste I.  da 10,7 a 10,3 euro, confermando la raccomandazione buy. Durante un recente roadshow, il top management ha sostanzialmente confermato le indicazioni emerse durante la conference call del primo trimestre – durante la quale sono stati ribaditi l”impegno sulla remunerazione degli azionisti e una ripresa dei volumi di business (raccolta) da fine aprile/primi di maggio”, sottolineano gli analisti. Tra le “principali indicazioni emerse” Equita cita “la flessibilita” finanziaria”, che “resta molto elevata, grazie a oltre 600 mln di ulteriore capacita” di indebitamento. Nell`ambito della politica di dividendo, il ridotto payout (45% nel 2019) e la presenza di riserve di utili (1,4 mld) danno visibilita” alla politica di dividendo. Confermiamo quindi la nostra stima di dividendo 2020 di 48,6 centesimi – come da piano industriale – che implica una crescita del 5% a/a, yield del 6,6% e un payout – post revisione delle stime – del 70%. Nelle ultime settimane di aprile”, sottolinea poi Equita, “i volumi di raccolta (polizze, fondi e obbligazioni) – calati dell`85% in pieno lockdown a meta” marzo rispetto a febbraio – sono migliorati e a maggio stanno recuperando verso livelli prelockdown. Se il trend proseguisse nei prossimi mesi secondo noi e” ragionevole attendersi un secondo trimestre con tendenze simili al primo (utile -30% a/a), proiezione migliore dell nostre stime (-49%). L`atteggiamento di ”aspetta e guarda” dei clienti ha portato a un posponimento delle scelte di investimento con aumento della liquidita” di 4 mld – che e” stata investita in Btp a breve. Stimiamo un beneficio di 50 mln su base annua sul net interest income (+3%). Le iniziative di contenimento di costi non riguarderanno i consueti oneri per esodi incentivati (nostra stima 200 mln nel quarto trimestre), che potrebbero pero” risultare inferiori alla luce di alcuni benefici normativi (tra cui quota 100). Il management intende intervenire su alcune voci di costo senza compromettere i miglioramenti di efficienza strutturali a partire dal 2021″. Nel complesso, Equita riduce “le stime 2020-2022 di Eps mediamente del 12%” e in particolare “sul 2020 (-25%), prevalentemente per minori volumi nella divisione Corrispondenza (-11% sul 2020) parzialmente compensata dall”aumento del B2C (+29%)”.

FINCANTIERI

Equita Sim conferma la raccomandazione hold e il prezzo obiettivo a 0,64 euro su Fincantieri . “In linea con le indicazioni delle scorse settimane”, ricordano gli analisti, “ieri Fincantieri Infrastructure ha annunciato di aver vinto due commesse in Liguria: le opere di ricostruzione, rinforzo e adeguamento del porto turistico internazionale di Rapallo (i lavori inizieranno a giugno e sono attesi essere completati in 15 mesi); lo spostamento e ampliamento della diga foranea del porto di Vado Ligure. I lavori verranno eseguiti in joint venture con Fincosit Srl. Non e” stata data indicazione sulla dimensione degli ordini, che riteniamo essere di piccola dimensione ma in linea con la strategia di diversificazione e crescita del gruppo nel settore delle infrastrutture. In particolare, i due ordini segnano l`ingresso di Fincantieri Infrastructure nel settore delle opere marittime. Ricordiamo che Fincantieri e” attesa candidarsi anche per la ricostruzione del ponte sul Magra crollato lo scorso aprile”, conclude Equita.

TELECOM 

Equita Sim conferma rating buy e tp di 0,47 euro per azione su Tim. Nonostante il debole primo trimestre, il buy viene confermato in quanto gli esperti pensano che il business TLC possa essere tra i piu” resilienti in uno scenario di lento recupero dell`economia vista la domanda strutturale di connettivita”; la conferma della guidance di EBITDA-CAPEX e FCF indica spazi di efficienza sui spese operative e investimenti attivabili gia” nel breve e il management ha ribadito il forte impegno sul target di Ebitda; le chance di un`operazione di integrazione della rete fissa secondo gli esperti sono aumentate, vista la chiara volonta” politica a sostegno del progetto. In Equita leggono in questo senso anche la notizia della volonta” dei soci di OF di sostenere l`upgrade del piano di copertura di rete con nuovo equity, che consente di sedersi a un tavolo negoziale in una posizione di maggiore forza.

-Banca Imi conferma rating buy e tp di 0,62 euro per azione su Tim. Gli esperti segnalano che dopo i deludenti risultati del primo trimestre, la maggior parte del tempo della conference call e” stato dedicato a capire le dinamiche sottostante del business piuttosto che su operazioni straordinarie. Gli analisti vedono il business ancora sotto pressione nei prossimi mesi. Allo stesso tempo pero”, eventuali deal straordinari dovrebbero aiutare a liberare il valore degli asset.

Banca Akros conferma rating buy e tp di 0,65 euro per azione su Tim. Gli esperti segnalano che dalla call non sono arrivate grandi indicazioni aggiuntive e ricordano che il primo trimestre e” stato debole, con ricavi e Ebitda sotto le attese.

Mediobanca Securities conferma rating outperform e tp di 0,68 euro per azione su Tim. Gli esperti si sentono rassicurati dai toni del Ceo, Luigi Gubitosi, e dal management team; in un contesto sfidante l”azienda sta raggiungendo risultati molto buoni in termini di generazione di cassa e riduzione del debito. Per gli analisti, il calo di ieri del titolo e” collegato allo stop alle vendite allo scoperto, in quanto un Ebitda inferiore dell”1% rispetto alle attese, con generazione di cassa oltre le stime e metriche in miglioramento, possono difficilmente giustificare una tale reazione delle azioni.

POPOLARE DI SONDRIO

L’agenzia Fitch ha confermato il rating emittente di lungo periodo di Banca Popolare di Sondrio a ‘BB+’.
Il tutto nell’ ambito del processo di revisione annuale. L’agenzia ha mantenuto il Rating Watch Negativo (RWN) assegnato lo scorso 24 marzo.

Equita Sim conferma rating hold e tp di 1,8 euro per azione su B.P.Sondrio dopo che Fitch ha confermato il rating di lungo periodo a BB+, mantenendo il Rating Watch Negative (deciso lo scorso 24 marzo). Gli esperti ricordano che la banca ha chiuso il 1* trimestre con un Npe Ratio stabile al 12,5% ed un rafforzamento della copertura su Npl e Utp in vista delle cessione da 1 mld di non performing loans in corso di finalizzazione e quella da 400 mln da completarsi entro l`anno e che dovrebbero portare l”Npe Ratio in area 9%

SANLORENZO

Kepler Cheuvreux conferma la raccomandazione buy e il prezzo obiettivo a 14,5 euro su Sanlorenzo  Secondo MF, sottolineano gli analisti, la societa” potrebbe studiare l”ingresso in Perini Navi con un investimento da 30 mln euro per il 70% della societa”. “L”M&A potrebbe essere una buona opzione di crescita per Sanlorenzo”, che, grazie all”Ipo, si trova con un “bilancio deleveraggiato e la possibilita” di perseguire operazioni di fusioni e acquisizioni creatrici di valore per consolidare ulteriormente il suo mercato di riferimento e rafforzare il suo posizionamento. Ad ogni modo”, per gli esperti “prima che qualcosa di concreto accada, Sanlorenzo dovrebbe attentamente definire l”impatto della pandemia sul suo business

EXPIRIA

Banca Akros ribadisce la raccomandazione neutral e il prezzo obiettivo a 1,05 euro su Exprivia , dopo i risultati del primo trimestre 2020. I conti della societa” evidenziano “la stabilita” dei ricavi nel contesto della crisi dovuta al Covid-19 e un miglioramento della redditivita””, commentano gli analisti, che tuttavia evidenziano come la controllata Italtel continui a perdere ricavi e ad aumentare la perdita dell”Ebitda, anche in un trimestre stagionalmente leggero. La pubblicazione dei risultati dei primi tre mesi ha quindi “implicazioni neutrali”, concludono gli esperti, poiche” Exprivia e” piatta mentre Italtel peggiora ulteriormente mentre e” in fase di ristrutturazione finanziaria.

UNIPOL

Barclays ha ridotto il target price di Unipol a 5,4 euro da 5,6 euro, confermando a overweight il rating. Gli esperti giudicano solidi i risultati della compagnia, guidati in particolar modo dal business Non vita ed in particolare dal segmento assicurazioni auto. Gli analisti concludono segnalando che il management in conference call ha dato un messaggio di fiducia sulla sua abilita” di raggiungere i target al 2021 e l”analisi degli analisti suggerisce che Unipol e” nella posizione di completare il suo piano strategico.

BANCO DESIO

Fitch ha tagliato il rating di un gradino a ‘BB+’ da ‘BBB-‘, assegnando un outlook stabile.
L’agenzia spiega che il downgrade riflette la previsione che il peggioramento delle condizioni economiche del paese si rifletterà sul profilo di credito dell banca; pesa inoltre, prosegue Fitch, la “significativa” esposizione dell’istituto ai titoli governativi italiani, su cui l’agenzia ha recentemente abbassato il rating.

FILA

Banca Imi abbassa il prezzo obiettivo di Fila  da 12,5 a 11 euro, ribadendo la raccomandazione buy. Nel primo trimestre 2020 si iniziano a vedere “gli effetti iniziali dell”emergenza sanitaria”, spiegano gli analisti. Per quanto riguarda l”outlook, il management ha fornito messaggi “rassicuranti”, secondo cui l”attivita” del gruppo aveva gia” dimostrato di non essere elastica nelle precedenti recessioni, commentano gli esperti, che sottolineano la guidance sull”Ebitda 2020 a 100-108 mln euro.

TESMEC

Mediobanca Securities ribadisce la raccomandazione neutral e il prezzo obiettivo a 0,4 euro su Tesmec , in attesa dei conti dei primi tre mesi del 2020, previsti per domani. Gli analisti stimano un primo trimestre “debole” con un calo del 30% dei ricavi, penalizzati dalle interruzioni operative dovute al Covid-19, che ha influenzato le consegne e la produzione”. Il trimestre sara” “difficile ma transitorio”, con il management che ha implementato misure di contenimento dei costi gia” visibili nei prossimi tre mesi, concludono gli esperti, che si focalizzano sull”aggiornamento del gasdotto per valutare l”outlook dei diversi business.

PANARIAGROUP

-Banca Imi riduce la raccomandazione su Panariagroup  da buy ad add, con Tp che passa da 1,6 a 1 euro. La performance della societa” nei primi tre mesi del 2020 e” stata “fortemente condizionata dall”epidemia di Covid-19″, commentano gli analisti, che, tuttavia, sottolineano come la diversificazione geografica del gruppo abbia consentito di “contenere la perdita di fatturato” nel trimestre. Per quanto riguarda l”outlook 2020, gli esperti prevedono un “grave impatto della pandemia” sull”intero anno, con il management che resta focalizzato sulla gestione della liquidita” e sull”ottimizzazione della struttura e dei processi.

EUROTECH

Banca Imi riduce il prezzo obiettivo di Eurotech  da 8,8 a 7,5 euro, ribadendo la raccomandazione buy. Pur riconoscendo “una visibilita” limitata degli ordini nei prossimi mesi”, la societa” continuera” a operare e ad investire “per mantenere il proprio posizionamento competitivo nell”area Computer Embedded”, spiegano gli analisti.

CELLULARLINE

Banca Imi riduce il prezzo obiettivo di Cellularline da 9,3 a 9,1 euro, confermando il rating buy. Nel primo trimestre 2020 si iniziano a vedere i primi effetti derivanti dall”emergenza sanitaria, commentano gli analisti. Tuttavia, “le azioni intraprese dal management e il peso limitato del primo trimestre sul totale annuale, data la natura stagionale del business, hanno consentito di limitare gli impatti in termini assoluti”, spiegano gli esperti, che stimano un effetto “piu” pronunciato” del Covid-19 sul secondo trimestre a causa di una prevedibile riduzione dei volumi di attivita”.

Comments are closed.