Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

RATING DEL 21 MAGGIO

 

GENERALI

Kepler Cheuvreux conferma la raccomandazione hold e il prezzo obiettivo a 14,4 euro su Generali Ass. Dai conti trimestrali, spiegano gli analisti, e” emersa “una forte performance operativa nel Danni”, con un risultato del 15% sopra il consenso anche grazie “al ratio delle richieste di risarcimenti molto basso quest”anno”.
A detta di Barclays i risultati trimestrali di Generali Ass. evidenziano un risultato operativo oltre il consensus dell”11%, con tutti i segmenti che hanno battuto le attese. Inferiore al previsto l”utile netto a causa delle svalutazioni. Gli esperti infine credono che nel breve termine i risultati del gruppo siano correttamente protetti dal focus del gruppo sul retail, ma potenzialmente nel medio orizzonte potrebbero soffrire della limitata crescita in Italia, delle basse fee, del contenuto potere di prezzo e dalle svalutazioni.

Equita Sim conferma rating hold e tp di 16,5 euro per azione su Generali Ass. dopo risultati migliori a livello di utile operativo, ma l”utile netto e” stato negativamente impattato da svalutazioni. Inoltre, il Solvency Ratio e” pari al 196% rispetto al 200% ad inizio marzo indicato dalla societa”.

Credit Suisse giudica migliore del consensus il risultato operativo operativo trimestrale di Generali Ass.. I dati, secondo gli analisti, sono piu” forti delle attese nel ramo Danni, ma anche nel Vita. Inferiore al consensus e alle previsioni di CS il Solvency II ratio.

TELECOM

Banca Akros ha ridotto il target price di Tim a 0,6 euro da 0,65 euro, confermando a buy il rating, di riflesso ad una revisione delle stime dopo la pubblicazione dei conti. Gli esperti, comunque, restano positivi sul titolo e ritengono che il principale catalizzatori sia il deal sulla rete con Kkr, che il management sembra essere fiducioso di raggiungere presto

ENI

Kepler Cheuvreux conferma la raccomandazione buy e il prezzo obiettivo a 10 euro su Eni ( Per gli esperti il bilancio del gruppo e” “uno dei piu” forti del settore” e “il dividendo e” sicuro in uno scenario di lungo periodo di Brent a 50 usd/barile”. Inoltre, il gruppo resta “pienamente impegnato nel suo coraggioso piano di decarbonizzazione e trasformazione”, conclude Kepler Cheuvreux.

EXOR

Banca Imi riduce il prezzo obiettivo di Exor  da 64,1 a 59,9 euro, ribadendo il rating buy. La maggior parte delle attivita” della societa” soffre a causa della pandemia, ma il difficile scenario attuale “dovrebbe aprire la strada ad un aumento dei prezzi nel settore assicurativo e riassicurativo con futuri effetti positivi per Partner Re”, commentano gli analisti. A seguito degli accordi su Gedi e Via, la “potenza di fuoco del gruppo e” ancora significativa e si colloca intorno a 1,5 mld euro, mentre la holding ha anche spazio per aumentare la sua leva finanziaria fino a 4 mld euro”, concludono gli esperti.

Websolute

IRTOP Research ha assegnato un nuovo target price sul titolo, pari a 2,80 euro, rispetto ai 3,66 euro precedenti. Il nuovo prezzo esprime, rispetto a quello corrente, un potenziale rialzo di circa il 75%. Nello studio si legge che il lockdown non intaccherà la crescita a medio lungo termine della società, anche se gli effetti si possono sentire nel breve. I punti di forza di Websolute si trovano nella base dei clienti, che è diversificata, nell’alta percentuale di ricavi ricorrenti, pari al 47%, e nel business model focalizzato sul digitale.IRTOP ha tagliato le stime sui ricavi 2020. Si attende una diminuzione degli stessi soprattutto nel primo semestre dl 2020, e una graduale ripresa nella seconda parte dell’anno.

MARR

Banca Imi abbassa il prezzo obiettivo di Marr da 16,9 a 15 euro, ribadendo la raccomandazione buy. Il rallentamento dei risultati della societa” avra” “un forte impatto anche sul secondo trimestre del 2020″, commentano gli analisti, ricordando la previsione del management di una ripresa da questa estate. A partire dall”inizio del 2021, il management ritiene che dovrebbe esserci un progressivo riallineamento verso un consumo fuori casa ”standard”, che sara” realizzato pienamente nel secondo semestre.

NVP

Fidentiis ha confermato il giudizio buy e il range di valutazione di 4,2-4,7 euro dopo il virtual road shof effettuato ieri con la società. In particolare gli analisti confermano la posizione positiva sul titolo a seguito di una valutazione contenuta (potenziale di rialzo > 50%) e le buone prospettive di crescita.«Data l’elevata esposizione del Gruppo agli eventi sportivi e, in particolare, alla Serie A italiana  – si legge nella nota – riteniamo che il potenziale riavvio della Serie A a metà giugno potrebbe rappresentare un catalizzatore a breve termine per il titolo. Inoltre, riteniamo che potrebbero esserci ulteriori vantaggi rispetto alle nostre stime del 2021 se NVP potesse espandere il suo contratto con OBS (alcuni dei concorrenti potrebbero avere danni permanenti dal COVID19)». Alla valutazione attuale del mercato, il titolo è scambiato a multipli di EV/EBITDA e P/E 2021 rispettivamente di 2,2 volte e 8 volte.In giudizio di Fidentiis segue quello di Integrae che pochi giorni fa ha diffuso una nota di inizio di copertura con un target di 4,20 euro +70% di upside rispetto ai prezzi di Borsa.Per il periodo di stima 2020-2022, gli analisti si aspettano una significativa crescita del fatturato. Secondo le stime, il valore della produzione crescerà da 10,90 mln di euro del 2020 a 16 mln nel 2022, ovvero un incremento medio annuo superiore al 27%. La crescita del valore della produzione è dovuta: all’assunzione di nuovi importanti clienti, all’incremento delle capacità produttive grazie agli investimenti previsti e alla selezione di commesse sempre più grandi favorita dallo sviluppo tecnologico.In ragione dell’aumento delle vendite e del contestuale aumento del valore della produzione, anche l’EBITDA farà registrare una crescita importante passando da 1,82 mln a 2,68 mln, con una crescita pari al 47%.L’attività di NVP si concretizza, nella progettazione e sviluppo, con regie mobili (Ob-Van) ad alto contenuto tecnologico, di eventi televisivi, in particolare sportivi, entertainment, concerti e spettacoli. Fondata nel 2007, NVP ha prodotto oltre 3000 eventi dalla sua costituzione e ha ottenuto in poco tempo un ruolo da protagonista, raggiungendo la leadership per tecnologia in Italia e posizionandosi in Europa tra le prime società, per tecnologia.Ha debuttato in Borsa lo scorso 5 dicembre a 3.8 euro.

AUTOGRILL

Mediobanca Securities ha ridotto il target price di Autogrill a 5 euro, confermando a underperform il rating, in conseguenza di un aggiornamento delle stime 2020/2022 per considerare un approccio piu” conservativo sull”evoluzione del traffico negli aeroporti. Leggermente migliori delle stime, comunque, i ricavi dei primi quattro mesi

Banca Akros ha ridotto il prezzo obiettivo su Autogrill  da 6,5 a 6 euro, confermando la raccomandazione buy. I dati dei primi quattro mesi dell”anno sono stati “deboli come previsto” e gli esperti hanno rivisto le loro stime “per tener conto della disruption del traffico in corso. In particolare, abbiamo ipotizzato un calo del 50% nel traffico aeroportuale in Europa e del 30% sugli altri mercati e un -25% del traffico autostradale. Per il 2021 la nostra revisione delle stime e” limitata”. Il nuovo target price su Autogrill resta comunque ampiamente al di sopra dei prezzi di mercato del titolo.

Banca Imi pone in revisione la raccomandazione e il prezzo obiettivo di Autogrill  dopo i dati di gennaio-aprile. Nel complesso, la societa” ha riportato ricavi migliori delle attese, “in particolare negli aeroporti nordamericani e sull”internazionale, il che fan ben sperare per un potenziale rapido rimbalzo quando verra” rimosso il lockdown”, commentano gli analisti. La visibilita” rimane “molto bassa, ma la guidance sulla liquidita” e” rassicurante in quanto suggerisce che la societa” potrebbe resistere a condizioni difficili con la liquidita” disponibile fino all”inizio del 2021, escludendo ulteriori linee di credito che sono in fase di negoziazione”, concludono gli esperti, che suggeriscono comunque un approccio cauto nei confronti dell”azienda alla luce della visibilita” bassa.

IGD

Banca Imi riduce la raccomandazione su Igd da buy ad add, con Tp che passa da 6,9 a 4,1 euro. Il titolo “ha assorbito le prospettive sfavorevoli dovute all”emergenza sanitaria e il sentiment negativo sul mercato immobiliare”, commentano gli analisti, secondo cui il controllo dei costi, la rimodulazione degli investimenti e la disciplina finanziaria dovrebbero supportare la generazione di cassa dell”azienda in uno scenario avverso

ELICA

Banca Imi riduce il prezzo obiettivo di Elica  da 4 a 3,4 euro, ribadendo la raccomandazione add. Nonostante l”impatto negativo dell”epidemia di Covid-19, il modello di business “flessibile della societa” ha permesso di compensare parzialmente il calo dei volumi grazie ad un aumento del mix di prezzo e di implementare rapidamente azioni di contenimento dei costi”, commentano gli analisti, che sottolineano l”aumento del margine Ebitda nel primo trimestre di 110 punti base a/a. I tempi della ripresa “sono difficili da prevedere in questa fase”, conclude Imi, secondo cui i fondamentali del gruppo sono “solidi, consentendogli cosi” di recuperare rapidamente una ripresa della domanda”.

BANCA MEDIOLANUM

Equita Sim ha alzato del 3% il prezzo obiettivo su B.Mediolanum  portandolo a 6,3 euro dopo un ”virtual roadshow” con la societa”. La raccomandazione e” confermata a hold. Tra i messaggi principali emersi gli analisti citano la fiducia nel “riuscire a pagare il dividendo ad ottobre, grazie a solidita” dei risultati, forte posizione in termini di CET1 e nessun aumento significativo atteso in termini di costo del rischio; l`obiettivo nel medio termine e” avere una progressiva crescita del dividendo”. La raccolta netta 2020 e” attesa a 5 mld, riporta Equita. Sul fronte M&A, “la societa” resta focalizzata sulla crescita organica”, aggiungono gli esperti. Equita ha alzato del 6% le stime di Eps 2020-2022 “principalmente per un aggiornamento dell”effetto mercato sugli asset in gestione”. In generale, per gli analisti “i messaggi emersi confermano la resilienza del business model della banca e la forte relazione con i suoi clienti anche nelle fasi di mercato complesse”.

AEFFE

-Banca Imi abbassa il prezzo obiettivo di Aeffe  da 2,2 a 1,7 euro, ribadendo il rating buy. I risultati della societa”, in linea con le attese, sono stati “influenzati dall”epidemia di Covid-19″, spiegano gli esperti. Per reagire a questa difficile situazione, il management ha implementato un piano strutturato per proteggere la solidita” dell”azienda da un punto di vista economico e finanziario, ricordano gli analisti.

PRYSMIAN

Banca Akros conferma la raccomandazione accumulate e il prezzo obiettivo a 21 euro su Prysmian dopo che il gruppo ha finalizzato il contratto per il progetto assegnato da Vattenfall, uno dei principali produttori europei di energia elettrica, per la realizzazione di sistemi in cavo inter-array sottomarini per il parco eolico offshore Hollandse Kust Zuid III e IV in Olanda. Il contratto secondo gli analisti potrebbe valere qualche decina di milioni di euro.

Comments are closed.