Modus Operandi

Modus Operandi

Borsa Investimenti ha realizzato nel 2012 un rendimento del 58%. Nel 2013 ha realizzato un rendimento del 18,66%, nel 2014 il rendimento è stato del 10,91%.
Nel 2015 il rendimento è stato del 12,412%.In quattro anni del 100%, non con un metodo di analisi o grafica ma con un “modus operandi“.

Legge di Gresham

Legge di Gresham

Motti & aforismi

Motti & aforismi

Regole fondamentali di borsa

Regole fondamentali di borsa

RATING DEL 29 MAGGIO

FCA

Moody’s ha confermato il rating “Ba1” Corporate family e “Ba2” sugli strumenti senior unsecured della società.  L’outlook sui rating è in “sviluppo”. Questa azione conclude la review con una direzione incerta.

ENEL

. Stamattina Bofa-Merrill Lynch ha promosso il giudizio da Neutral a Buy fissando  un target price di 8 euro. Credit Suisse ha alzato il target price di Enel a 7,8 euro da 7,4 euro, confermando ad outperform il rating. Secondo gli esperti, l”azienda e” la meglio posizionata per guidare la transizione energetica in Europa grazie alla sua dimensione, la flessibilita” dei progetti, il suo bilancio e la solida liquidita

FINCANTIERI

Banca Imi alza il prezzo obiettivo di Fincantieri  da 0,47 a 0,63 euro, confermando il rating hold. A seguito dei risultati del primo trimestre 2020, che hanno tenuto conto dell”impatto iniziale del Covid-19, gli analisti aggiornano le previsioni sulla societa”, stimando un Ebitda 2020 a 252 mln euro, una perdita dell”utile a 172 mln euro e un debito netto a 1,3 mld euro. L”epidemia comportera” probabilmente una revisione del programma delle consegne nel segmento delle crociere con successive modifiche sostanziali nelle proiezioni future, concludono gli esperti, che confermano il rating neutro sulla base della natura diversificata della societa” e la proficua presenza nel settore navale.

MPS

Il focus del mercato resta sulle indiscrezioni di MF sul fatto che nei giorni scorsi l”istituto senese avrebbe ricevuto l”ok informale della Direzione Concorrenza di Bruxelles (DgComp) per lo spin-off della bad bank. Gli esperti di Banca Akros – rating neutral e tp di 1,3 euro per azione – segnalano che il prezzo di vendita degli Npe rimane l”elemento chiave del deal.

-Mediobanca Securities conferma rating neutral e tp di 1,3 euro per azione su B.Mps dopo le indiscrezioni di MF sull”ok delle autorita” europee al piano di de-risking della banca senese. Gli esperti segnalano che un coverage ratio del 54,5% per gli Npl e del 44,3% per gli Utp ogni 1 punto percentuale di crescita di copertura costerebbe a B.Mps circa 15bps di capitale di Cet1.

POSTE

-Banca Imi riduce la raccomandazione su Poste I. da buy ad add, con Tp che passa da 9,5 a 9 euro. I risultati del primo trimestre 2020 sono stati influenzati dal lockdown, ma la diversificazione dell”attivita” ha consentito alla societa” di mitigare l”impatto dell”epidemia di Covid-19 con le divisioni assicurative e Pm&D che hanno compensato l”attivita” molto debole di Mail, spiegano gli analisti, che evidenziano inoltre la rapida ripresa dei volumi in aprile. Il gruppo ha spazio per migliorare l”efficienza per compensare parzialmente il flusso di ricavi piu” debole, principalmente nella divisione MP&D, concludono gli esperti, che tagliano le stime di Eps del 20% per il 2020, del 9% per il 2021 e del 5% per il 2022.

LEONARDO

Banca Akros ribadisce la raccomandazione buy e il prezzo obiettivo a 8,5 euro su Leonardo Spa (-2,57% a 5,67 euro), dopo che Selex, controllata americana di Leonardo, si e” aggiudicata un contratto con la Federal Aviation Administration (Faa) per costruire l”apparecchiatura di misurazione della distanza (Dme) negli Stati Uniti. Inoltre, la societa” ha confermato che fornira” alla Marina spagnola le sue armi navali leggere “Vulcano” 127/64. Gli analisti giudicano le notizie positive, ma non prevedono un impatto significativo sul titolo a causa delle dimensioni limitate dei contratti.

PIR

Le Pmi di piazza Affari tornano sotto i riflettori del mercato. Il decreto Rilancio, spiegano infatti da Equita Sim, ha istituito i nuovi Pir alternativi, strumenti complementari agli attuali Pir tradizionali, ma con soglie di investimento piu” elevate e differenti vincoli di investimento (almeno il 70% del valore complessivo del piano investito in azioni, obbligazioni, sia quotate che non, prestiti e crediti emessi da Pmi italiane), e con gli stessi incentivi fiscali dei Pir aperti (esenzione fiscale per le somme investite, ma l”investimento deve essere detenuto per almeno 5 anni). A detta di Equita i Pir alternativi sono degli strumenti molto attraenti e vanno nella direzione di sostenere l”economia reale e far affluire capitali a categorie di aziende il cui accesso al mercato e” piu” difficile, in una fase di forte pressione creata da Covid-19, che impatta maggiormente le Pmi rispetto alle grandi aziende. Infine, trattandosi di prodotti con un orizzonte temporale di lungo periodo, sono adatti a superare la fase attuale di mercato caratterizzata da una volatilita” molto alta. Un ulteriore elemento interessante, precisano gli analisti, e” che il contenitore del Pir alternativo puo” assumere qualunque forma, quindi con un”accezione ampia, ma – considerato l`oggetto di investimento tipicamente illiquido – si prestano a essere realizzati soprattutto tramite l”utilizzo di strumenti per i quali non sussistono i problemi di liquidita” tipici dei fondi aperti: Eltif, fondi chiusi di private equity, fondi di private debt. Le opportunita” di crescita nel private capital in Italia sono importanti, segnalano gli esperti, ad oggi il mercato degli asset alternative in Italia e” pari solo a circa 27 mld di Asset Under Management, o 1,2% del totale patrimonio gestito. Il rapporto tra private market e family wealth in Italia e” dello 0,26% rispetto al 4,4% in UK e 1,2% in Francia. In una ricerca pubblicata lo scorso anno, Equita stimava che solo gli Eltif potevano raggiungere 7-8 mld di masse in 5-7 anni, coerentemente con quanto raggiunto dai VC Trust in UK (7,7 mld a fine 2018) sulle sole persone fisiche. “Ci aspettiamo una raccolta annua di 2-3 mld all”anno per i Pir alternativi, fino a raggiungere 10-15 mld di AUM in 5 anni. Qualora fossero introdotti ulteriori incentivi (ad esempio una percentuale di detrazione fiscale sull`ammontare investito come nel caso dei VCT in UK), tali stime potrebbero essere superate. Ulteriore upside e” legato al risparmio previdenziale, dove ad oggi la percentuale di investito in asset alternativi e” limitata”, concludono da Equita.

ACEA

Equita Sim ha tolto Acea dalla selezione Small Caps Best Picks vista la buona performance dalla sua entrata (+33% assoluto e +10% relativo al FTSE Mid Cap index in due mesi). Rating buy e tp di 17,8 euro confermati.

B.IFIS

Banca Akros ribadisce la raccomandazione accumulate e il prezzo obiettivo a 10 euro su B.Ifis , dopo la ”Virtual Star Conference 2020”, organizzata da Borsa Italiana. Il messaggio del management, escludendo la visione ottimista sulla potenziale acquisizione di Farbanca, e” rimasto prudente, a causa della scarsa visibilita” sulle riaperture dei tribunali nel segmento degli NPL e dell”evoluzione della qualita” degli attivi nel segmento Corporate, spiegano gli esperti.

CATTOLICA

Equita Sim ha ridotto il target price di Cattolica Ass. del 25% a 4,9 euro per azione in seguito ad una revisione delle stime di Eps 2020/2022. Hold confermato sulla base delle incertezze relative all”andamento del Solvency Ratio nell`attuale contesto di mercato, al rinnovo degli accordi bancassicurativi in scadenza e al rischio di overhang a seguito di un aumento di capitale.

STM

Liberum conferma rating buy e tp di 35 usd su Stm. Gli esperti dopo una conversazione con l”azienda hanno una maggiore fiducia sulle prospettive del business. I trend degli ordini e delle vendite restano in linea con le guidance del secondo trimestre; inoltre le azioni hanno sottoperformato il settore e da Liberum vedono una rinnovata opportunita” di acquisto.

TESMEC

Tesmec corre a piazza Affari e guadagna il 4,6% a 0,27 euro, dopo che ieri la societa” ha annunciato che dal 4 maggio tutte le attivita” del gruppo sono ripartire regolarmente in tutti i siti produttivi in Italia e all”estero. Sulla base dell”attuale raccolta ordini, Mediobanca Securities – rating neutral e Tp a 0,4 euro – prevede che il gruppo recuperera” gradualmente nel corso dell”anno le vendite perdute nel primo trimestre 2020.

FALCK 

-Equita Sim conferma rating buy e alza il target di Falck R. a 5,7 euro. Gli esperti individuano 10 ragioni per comprare Falck in questo fase e citano il fatto che il mercato Renewables (RES) rimane solido, la strategia di gruppo e” ben definita, la crescita attesa e” rilevante, ”l”asset base” e” ben diversificata, il management team ha dimostrato di essere tra i migliori del segmento, la valutazione e” oggi piu” ”appealing”, l”M&A offrira” opzioni di crescita aggiuntive, i ritorni dell`industria saranno garantiti dai target regolatori e o crescenti standard ESG favoriranno maggiore liquidita” sugli investimenti rinnovabili, a fronte di una scarsita” di titoli quotati nel segmento.

Comments are closed.